Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Nuova Sabatini 2023: cosa rimborsa, documenti, come fare

Nuova Sabatini 2023: cosa rimborsa, documenti, come fare

Cosa rimborsa la legge Sabatini? Ecco chi può beneficiare dell'agevolazione, come presentare domanda ed entro quanto sfruttare il contributo.

di Carmine Roca

Marzo 2023

Cosa rimborsa la legge Sabatini, a quali settori si riferisce e quali sono i requisiti da rispettare? Vediamolo insieme in questo approfondimento (scopri le ultime notizie su mutui e prestiti. Leggi su Telegram tutte le news sulla finanza personale. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Cosa rimborsa la legge Sabatini?

Introdotta dal decreto legge numero 69 del 21 giugno 2013 e rifinanziata dalla legge di bilancio 2022, con altri 900 milioni di euro messi a disposizione, la legge Sabatini, chiamata anche Nuova Sabatini, è l’agevolazione che consente alle micro, piccole e medie imprese di ottenere contributi su finanziamenti bancari o leasing per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature.

Anche per il 2023 sono soggetti al finanziamento:

Non sono ammesse le spese riferite a:

Con la Nuova Sabatini, banche e intermediari finanziari, che hanno aderito all’Addendum, alla convenzione tra il Ministero dello sviluppo economico, l’Associazione Bancaria Italiana e Cassa depositi e prestiti S.p.A., erogano finanziamenti alle PMI italiane al fine di sostenere economicamente alcuni tipi di investimenti.

Scopri la pagina dedicata ala gestione del risparmio e agli investimenti.

L’investimento può essere:

Il finanziamento non deve avere una durata superiore a 5 anni, deve essere compreso tra 20.000 euro e 4 milioni di euro ed essere utilizzato per intero per la copertura degli investimenti.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulla finanza personale, la gestione del credito e dei debiti. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Cosa rimborsa la legge Sabatini: il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico

L’ammontare del contributo del Ministero dello Sviluppo Economico è calcolato in base al valore degli interessi calcolati su un finanziamento della durata di 5 anni e di importo uguale all’investimento. Il tasso d’interesse annuo è pari al:

Il contributo è concesso entro un limite di intensità di aiuto pari al:

Cosa rimborsa la legge Sabatini: chi può beneficiarne?

Chi può beneficiare della legge Sabatini? Le agevolazioni spettano alle micro, piccole e medie imprese, di tutti i settori produttivi ad eccezione delle attività finanziarie e assicurative, che:

Cosa significa micro, piccole e medie imprese? Per legge, ci si riferisce a quelle aziende che hanno meno di 250 dipendenti e un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro o un totale di bilancio non superiore a 43 milioni di euro l’anno.

Cosa rimborsa la legge Sabatini: la Nuova Sabatini Green

Dal 1° gennaio 2023 è attiva la Nuova Sabatini Green, una maggiorazione del 30% sugli aiuti a disposizione. Per ottenerlo, l’impresa deve possedere:

Cosa rimborsa la legge Sabatini e come presentare domanda?

La domanda per la Nuova Sabatini deve essere presentata alla banca o all’intermediario finanziario, in allegato alla domanda di accesso al contributo ministeriale.

Dal 1° gennaio 2023, la domanda di agevolazione deve essere compilata in via telematica. Una volta compilata la domanda, verrà reso disponibile il Codice Unico di Progetto – CUP associato all’istanza in questione da riportare nelle fatture elettroniche.

Le fatture elettroniche, di acconto e di saldo, devono riferirsi ai beni per i quali sono stati ottenute le agevolazioni.

Per le integrazioni da parte degli intermediari finanziari convenzionati su domande precedenti al 1° gennaio 2023, le imprese devono apportare le modifiche sulla precedente versione del modulo di domanda (pdf editabile).

Una volta apposta la firma digitale, il richiedente dovrà inviarlo, esclusivamente da un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC), all’indirizzo PEC della banca o dell’intermediario finanziario a cui si chiede il finanziamento.

Se l’impresa è interessata ai finanziamenti destinati al Mezzogiorno sarà tenuta a compilare la domanda in via telematica utilizzando la procedura disponibile nella piattaforma Nuova Sabatini Sud.

In seguito, la piattaforma genererà il modulo di domanda da inviare al Ministero attraverso la piattaforma, che rilascerà un codice identificativo valido per 60 giorni.

Cosa rimborsa la legge Sabatini
Cosa rimborsa la legge Sabatini: in foto una stretta di mano tra due persone.

Cosa rimborsa la legge Sabatini: quando arrivano i contributi?

Il contributo può essere erogato in un’unica soluzione solo se il finanziamento di importo non è superiore a 200.000 euro.

Il contributo è erogato dal Ministero alle PMI beneficiarie in quote annuali, fino al 6° anno dalla data di ultimazione dell’investimento.

L’erogazione del contributo in un’unica soluzione è previsto solo per le domande presentate dalle imprese alle banche e agli intermediari finanziari a decorrere:

Cosa rimborsa la legge Sabatini: entro quanto completare l’investimento?

Le micro, piccole e medie imprese devono completare l’investimento entro un anno (12 mesi) dalla stipula del contratto di finanziamento, altrimenti l’agevolazione verrà revocata.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp