Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Diritto » Previdenza e Invalidità / Leggi sull’invalidità civile: guida riassuntiva

Leggi sull’invalidità civile: guida riassuntiva

Leggi sull'invalidità civile: ecco una guida riassuntiva alle agevolazioni previste e come usufruirne.

di Carmine Roca

Aprile 2022

Leggi sull’invalidità civile: ecco una guida riassuntiva sui diritti e le agevolazioni previste dalla Legge 118 del 1971, in riferimento all’invalidità civile (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Leggi sull’invalidità civile: come richiedere l’invalidità civile

L’invalidità civile è un istituto giuridico che garantisce assistenza sociale e mantenimento economico a chi, a causa di menomazioni o patologie, ha subito una limitazione importante della propria capacità lavorativa.

Non potendo più svolgere le stesse operazioni di prima, l’invalidità civile mette a disposizione i mezzi necessari per vivere. A disciplinare l’invalidità civile è la Legge 118 del 1971.

In molti nostri articoli (in questo, per esempio) abbiamo affrontato l’argomento relativo al riconoscimento dell’invalidità civile. La procedura inizia recandosi dal proprio medico curante, che rilascerà e invierà all’INPS un certificato medico introduttivo, sul quale è segnalata la patologia del richiedente e le sue condizioni.

Al paziente è rilasciato un codice identificativo che, questi, dovrà utilizzare per compilare e inviare all’INPS, entro 90 giorni dall’invio del certificato, la domanda di visita. La documentazione può essere compilata direttamente dal richiedente, dopo essersi registrati sul portale dell’INPS oppure aiutandosi con un patronato.

L’istituto comunicherà al richiedente, sul sito o tramite raccomandata, la data in cui verrà sottoposto a visita medica, che si svolge presso la sede dell’Asl di residenza. A effettuarla è la commissione medica competente con l’ausilio di un medico dell’INPS, che al termine del controllo assegnerà un punteggio di invalidità al paziente, in relazione alla gravità della sua patologia.

Se il giudizio è unanime, il verbale viene convalidato dall’INPS e inviato al richiedente. Altrimenti, il verbale viene inviato all’INPS, che può sospendere la pratica e chiedere altri documenti sanitari al richiedente, verificando nuovamente le sue condizioni di salute. Infine, l’INPS esprimerà il suo parere, inviando il giudizio al richiedente.

Se questi ritiene che la commissione medica non abbia valutato adeguatamente le proprie condizioni, può ricorrere entro sei mesi dal ricevimento del verbale, presentando ricorso contro l’INPS in Tribunale, facendosi tutelare da un avvocato o da un patronato di fiducia.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Leggi sull’invalidità civile: agevolazioni dal 34 al 73% di invalidità

Leggi sull’invalidità civile. In base al punteggio di invalidità civile attribuito, il richiedente avrà diritto ad agevolazioni sanitarie, fiscali, lavorative e, nei casi più gravi, economiche. C’è da chiarire che, al di sotto del 34% di invalidità civile non si è riconosciuti invalidi e non si ha diritto ad alcuna agevolazione.

Dal 34% di invalidità civile è prevista la concessione gratuita di ausili e protesi, subordinata alle patologie indicate nel verbale di invalidità.

Dal 46% di invalidità civile è prevista l’iscrizione alle liste di collocamento mirato, disposto per permettere l’inclusione al lavoro delle persone con disabilità. Per iscriversi è necessario recarsi presso il Centro per l’Impiego del comune di residenza, in possesso di un documento di identità valido e del verbale della commissione medica che attesta l’invalidità (modulo A/San). Di questo argomento ne abbiamo parlato, in modo approfondito, in questo articolo.

Per legge l’azienda con all’interno dai 15 ai 35 dipendenti deve assumere almeno un lavoratore con disabilità. Sono 2, invece, i lavoratori disabili che devono essere assunti dalle aziende che occupa dai 36 ai 50 dipendenti. La quota sale al 7% nel caso in cui l’azienda occupi più di 50 dipendenti.

Con invalidità civile superiore al 50%, invece, è consentito il congedo straordinario per cure, se previsto dal CCNL del lavoratore disabile. Il congedo è pari a 30 giorni all’anno per cure mediche strettamente collegate alle patologie per cui si è ritenuti invalidi, regolarmente retribuiti.

Dal 67% di invalidità civile, poi, oltre alle agevolazioni precedenti è prevista l’esenzione parziale del pagamento ticket per visite specialistiche, esami ematochimici e diagnostica strumentale (è da pagare la quota fissa per la ricetta).

Leggi sull’invalidità civile: agevolazioni dal 74 al 100% di invalidità

Leggi sull’invalidità civile. Per i casi più gravi, il nostro ordinamento prevede l’erogazione di prestazioni economiche, da parte dell’INPS, alle persone invalide civili.

Dal 74 al 99% di invalidità civile è prevista l’erogazione di un assegno mensile, se in possesso dei requisiti reddituali richiesti. Inoltre, il lavoratore disabile può richiedere l’Ape Sociale andando anticipatamente in pensione (se rispetta determinati requisiti) e può ottenere una maggiorazione contributiva pari a 2 mesi in più per ogni anno di lavoro fino a un massimo di 5 anni.

Infine, con un’invalidità civile del 100%, oltre alle agevolazioni descritte prima, escluso l’assegno mensile per invalidi parziali, si ha diritto alla pensione di inabilità, a patto che si rispettino i requisiti reddituali.

Leggi sull'invalidità civile
Leggi sull’invalidità civile: ecco una guida riassuntiva alle agevolazioni previste.

Nel caso in cui la persona invalida al 100% è pure non autosufficiente, ovvero impossibilitata a deambulare autonomamente o a svolgere azioni della vita quotidiana senza assistenza, ha diritto all’indennità di accompagnamento, erogata a prescindere dall’età anagrafica e dal reddito del richiedente.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp