Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Bonus mezzi e auto: dalla benzina all’indennità di trasferta

Bonus mezzi e auto: dalla benzina all’indennità di trasferta

Bonus mezzi e auto attivi nel 2022: ecco l'elenco completo, a chi spettano e come richiederli. Scopriamolo insieme.

di Sara Fannino

Settembre 2022

In questa breve guida andremo a scoprire quali bonus mezzi e auto sono attivi nel 2022 (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE:

Bonus mezzi e auto: l’indennità di trasferta

Iniziamo la nostra guida dal primo dei bonus mezzi e auto attivi nel 2022: l’indennità di trasferta. Si tratta di un incentivo in favore dei lavoratori dipendenti che, per motivi di lavoro, si recano al di fuori del territorio comunale dove svolgono la propria professione.

Questi lavoratori hanno diritto ad una indennità giornaliera con un importo pari a quello stabilito dal loro CCNL o dagli accordi di secondo livello o aziendali.

Precisiamo che con “trasferte effettuate al di fuori del territorio comunale” si intendono tutti quegli spostamenti effettuati al di fuori della sede naturale di lavoro, dove il lavoratore svolge il proprio impiego.

Questa indennità consiste nel rimborso delle spese per il viaggio e per il trasporto, oltre che per il vitto e alloggio. La tassazione che viene applicata sulle indennità e sui rimborsi spese percepiti viene differenziata a seconda che il dipendente in trasferta percepisca il pieno o il parziale rimborso a piè di lista.

Ecco le alternative al gas che permettono di risparmiare.

Osserviamo insieme gli importi che possono essere erogati per questo bonus mezzi e auto.

Per le trasferte effettuate all’interno dei confini nazionali si potranno ottenere i seguenti rimborsi:

Costi del carburante in aumento, ecco cosa accade dal 20 settembre.

Per le trasferte al di fuori dei confini nazionali:

Il rimborso per queste indennità di trasferta o la possibilità di percepirle o meno varia a seconda del CCNL e del regolamento interno dell’azienda.

Per essere rimborsate al 100% le spese devono essere confermate da apposita documentazione (es. fatture) e il pagamento viene effettuato nella busta paga del lavoratore. Per l’indennità forfettaria, invece, occorre inserire nel LUL l’importo giornaliero.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bonus mezzi e auto, il bonus carburante

Passiamo al secondo bonus mezzi e auto: il buono carburante, che è un incentivo che può essere corrisposto solamente ai lavoratori dipendenti del settore privato.

Possiamo affermare con certezza che sono escluse:

Scopri cos’è il bonus sociale acqua e quando viene pagato.

È bene sottolineare che, questo bonus mezzi auto non potrà essere percepito da amministratori, Co.co.co e tirocinanti.

Il sostegno può essere erogato nel contributo massimo di 200 euro e potrà riguardare solamente i buoni per il rifornimento di carburante, come benzina, gasolio, GPL, metano o ricariche per veicoli elettrici.

Il bonus viene corrisposto per volontà del proprio datore di lavoro e non occorre rispettare alcun limite ISEE per ottenerlo.

È vietato corrispondere il buono in sostituzione di un premio risultato. Inoltre, il bonus mezzi e auto potrà essere erogato sia in formato cartaceo, che digitale e sarà cumulabile con il bonus 258,23 euro erogabile in esenzione a titolo di fringe benefits.

La scadenza per erogare il bonus è stata fissata al 12 gennaio 2023, ma il buono per benzina e diesel potrà essere utilizzato anche successivamente a questa data.

bonus mezzi e auto
Bonus mezzi e auto 2022: ecco tutti quelli attivi e come richiederli.

Bonus mezzi e auto, il bonus autotrasportatori

Il bonus mezzi e auto per gli autotrasportatori è stato inserito nel decreto legge aiuti e disciplinato dal decreto direttoriale del MIT n. 324. Per questo sostegno sono stati stanziati 497 milioni.

Si tratta di un credito d’imposta pari al 28% per l’acquisto di carburante, al netto di Iva, per tutte quelle imprese che operano nel settore dell’autotrasporto di merci per conto terzi.

Mediante questo sostegno si potranno coprire le spese sostenute nei primi tre mesi dell’anno corrente per i costi del gasolio impiegato sui mezzi diesel di categoria euro 5 o superiore.

Decreto Aiuti Bis in Senato, ecco tutti i bonus e gli aiuti in arrivo.

Per richiedere questo sostegno occorrerà avere una sede legale o stabile organizzazione nel territorio italiano, essere iscritti all’Albo nazionale degli autotrasportatori e al Registro elettronico nazionale per l’anno corrente al momento in cui viene presentata la richiesta.

Occorrerà, poi, essere un’impresa impegnata in attività di logistica e trasporto di merci per conto terzi, che utilizza mezzi di trasporto con massa totale pari o superiore a 7.5 tonnellate con motori diesel di categoria Euro 5 o superiore.

Il MIT – Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile – ha dichiarato che le domande per questo sostegno potranno essere presentate dal 12 settembre 2022.

Bonus pannelli solari 2022, ecco di cosa si tratta.

Il bonus mezzi e auto: Bonus trasporti

Concludiamo la nostra lista con il bonus trasporti, che non è altro che un’indennità pari al costo di un abbonamento mensile o annuale fino a un massimo di 60 euro.

Si tratta di un sostegno che potrà essere richiesto da tutti i cittadini che utilizzano per gli spostamenti i mezzi di trasporto con redditi entro i 35 mila euro; il buono erogato al momento di presentazione della domanda sarà nominale e le richieste potranno essere inoltrate fino al 31 dicembre 2022, o comunque fino ad esaurimento fondi.

Si può richiedere il buono per sé e per i propri figli presentando due domande su questo portale ed effettuando l’accesso con lo SPID. Scopri qui tutte le risposte del Governo su questo sostegno.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp