Lista nera clienti luce e gas: uscire dai cattivi pagatori

Le bollette di luce e gas hanno subito un aumento che va dal 30 al 40% e non accenna a diminuire. Per molte famiglie risulta difficile pagare, ecco perché sta aumentando la lista nera clienti luce e gas. Scopriamo come uscire dall'elenco dei cattivi pagatori.

6' di lettura

Lista nera clienti luce e gas. Le bollette di luce e gas hanno subito un aumento che va dal 30 al 40% e non accenna a diminuire. Per molte famiglie risulta difficile pagare, ecco perché sta aumentando la lista dei clienti luce e gas finiti nell’elenco dei cattivi pagatori (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE:

In quali modi si può finire nella lista nera clienti luce e gas?

Esiste una lista nera clienti luce, gas e telefono, ovvero un elenco di clienti morosi e di cattivi pagatori nei confronti dei fornitori di energia elettrica, gas e operatori mobili?

Per quanto riguarda la lista nera dei cattivi pagatori esiste e si chiama SIMoITEL (Sistema informativo sulle morosità intenzionali nel settore della telefonia).

Questa è una banca dati condivisa tra gli operatori telefonici in cui vengono inseriti i clienti che pagano in ritardo e i clienti che non pagano affatto.

SIMoITEL è simile alla banca dati utilizzata dagli istituti di credito e finanziari e di cui abbiamo ampiamente parlato qui, il CRIF, per comprendere se il richiedente il prestito è un buon pagatore, affidabile o meno. Le informazioni riportate dal CRIF fungono da referenza per chi richiede un prestito.

La lista nera dei cattivi pagatori non esiste ancora anche nel caso di debitori morosi di luce e gas. In questo caso specifico la morosità si verifica quando le bollette vengono pagate in ritardo o non vengono pagate affatto.

I fornitori di luce e gas consulterebbero questa lista per tutelarsi ed evitare di attivare un contratto e una fornitura a chi non è un cliente affidabile.

Il DDL Concorrenza del 2017 pone l’accento proprio sulla possibilità di istituire un registro clienti morosi, in modo da proteggere le aziende dai debitori non solvibili. Speriamo ciò avvenga al più presto.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Cosa sono le banche dati dove vengono inseriti i cattivi pagatori?

Le banche dati sono degli archivi digitali in cui banche, finanziarie e altri istituti di credito memorizzano le esperienze di credito con i propri clienti.

Grazie a questi dati si può controllare la reputazione creditizia di chi richiede un finanziamento e si può comprendere se si tratterà di un debitore solvibile o meno.

Il merito creditizio è un parametro utilizzato dalle banche per valutare l’affidabilità del richiedente. A tal fine, l’istituto valuterà la capacità di solvibilità del soggetto che ha fatto richiesta e deciderà se concedere o meno il credito.

La banca valuterà innanzitutto la solvibilità, poi valuterà la precisione e la puntualità nel pagamento delle rate e, infine, il cosiddetto indebitamento (ovvero quanti finanziamenti sono aperti nello stesso momento).

Il controllo della banca dati tutela non solo l’istituto di credito, ma anche il singolo richiedente il quale, se buon pagatore, avrà la possibilità di ricevere un credito velocemente e quasi sicuramente.

Coloro che in passato non sono riusciti a far fronte al rimborso di una o più rate di un finanziamento, vengono identificati come cattivi pagatori, ovvero debitori inadempienti il contratto. Tale inadempienza legittima gli istituti di credito a segnalare il soggetto agli specifici sistemi informativi (come il CRIF) e ad inserirli nella black list.

La segnalazione come cattivo pagatore può avvenire quando il ritardo nel pagamento della rata si prolunga per più di due mesi. La banca, però, quindici giorni prima dell’iscrizione, è obbligata ad avvisare il cliente in modo di consentirgli di saldare il debito, prima dell’iscrizione nel CRIF.

Quali sono le conseguenze di essere iscritti nella lista nera clienti luce e gas?

Se esistesse un registro per i clienti morosi che non hanno pagato le bollette di luce e gas, ovviamente i fornitori la consulterebbero prima di concludere un contratto di fornitura con un nuovo cliente, per essere certi di ritrovarsi di fronte ad un debitore solvibile e non inaffidabile.

Questa lista nera clienti luce e gas potrebbe essere un metodo efficace per avere un controllo maggiore sui debitori insolvibili. Il registro morosi impedirebbe i continui e frequenti cambi di fornitori da parte di clienti che non hanno saldato le precedenti fatture e, invece di pagare i loro debiti, passano da un fornitore all’altro.

Manca poco, però, alla nascita di una lista nera clienti luce e gas, perché il DDL Concorrenza ha posto l’accento proprio sulla morosità dei debitori di luce e gas. L’obbiettivo è adottare nel prossimo futuro le misure necessarie per contrastare i cattivi pagatori delle utenze energetiche, bloccando soprattutto il passaggio frenetico da un fornitore all’altro.

A questo proposito potrebbe essere utile scoprire come ottenere il bonus bollette, qui potrete trovare tutte le istruzioni necessarie.

Lista nera clienti luce e gas
Lista nera clienti luce e gas.

Come uscire dall’elenco cattivi pagatori della lista nera clienti luce e gas?

Non essendoci ancora una lista nera clienti luce e gas morosi o insolventi, molti utenti inaffidabili, cambiano continuamente fornitore di luce e gas, in questo modo pensano di non essere obbligati a saldare il debito precedente.

Non è affatto così. Il vecchio fornitore potrà in ogni modo, extragiudiziale o giudiziale, tentare di recuperare il suo credito.

Addirittura attraverso il metodo Cmor, il corrispettivo spettante al vecchio fornitore per pagare il debito insoluto, viene inserito direttamente in bolletta da parte del nuovo fornitore.

Questa somma andrà direttamente versata al vecchio fornitore. Questo provvedimento pone sicuramente un freno a tutti i furbetti che credono di restare debitori infedeli e di farla franca cambiando fornitore in continuazione.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie