Lockdown o zona rossa: i 12 giorni a rischio delle feste

Lockdown o zona rossa per le feste di Natale e in particolare nei dodici giorni considerati più a rischio ma c'è anche l'ipotesi “arancione rinforzata”. Fronti contrapposti all'interno del governo, ma di certo non si parla di allentare le misure. Il Cts e diversi ministri spingono per le misure più severe. Il premier Conte non è convinto.

Lockdown o zona rossa: i 12 giorni a rischio delle feste
Lockdown o zona rossa per le feste di Natale e in particolare nei dodici giorni considerati più a rischio ma c'è anche l'ipotesi “arancione rinforzata”.
3' di lettura

Le ipotesi sul campo per le restrizioni di Natale sono tre: lockdown nazionale, zona rossa in tutta la Penisola, o zona arancione rinforzata. Le riunioni di ieri tra ministri e Comitato tecnico scientifico non hanno dato esito. Con l’ala rigorista e il Cts che spingono per la linea dura, Italia Viva che propone l’arancione plus (per citare Zaia) e il premier Giuseppe Conte preoccupato per una possibile ripresa dei contagi da coronavirus, ma anche dalle proteste sociali e dalla «tenuta psicologica» degli italiani.

Non sarà un Natale più libero, anzi

Una sola cosa è certa: chi si aspettava giorni delle feste più liberi resterà deluso. Si passa da un tutti a casa a restrizioni comunque molto severe.

Gli allentamenti sono stati impallinati dalle folle dello shopping. Evento comunque prevedibile. Ma anche dalle chiusura che si stanno estendendo in tutta Europa, dalla Gran Bretagna alla Germania, dove i contagi sono ripresi subito dopo una lieve attenuazione delle misure di contenimento del contagio da coronavirus. Senza dimenticare la diffusione ancora alta del coronavirus nel Paese.

I rigoristi del governo, ovvero i ministri Speranza, Boccia e Franceschini, propongono un vero lockdown per festivi e prefestivi. Lockdown significa che non si potrà neppure usciredi casa (l’obiettivo è quello di eliminare assembramenti familiari). In alternativa una zona rossa estesa in tutta la Penisola.

I 12 giorni ad alto rischio contagio

Sono 12 i giorni ritenuti ad altissimo rischio: il prossimo fine settimana (19 e 20 dicembre), dal 24 al 27, dal 31 al 3 e dal 5 al 6 gennaio. Sono i giorni delle vigilie e delle feste, dei cenoni e dei pranzi tutti insieme, ma anche i giorni più intensi per lo shopping e le tradizionali tombolate.

Al momento l’ipotesi più probabile è quella di una zona rossa nei periodi ritenuti più a rischio. Tra le possibilità c’è anche quella di anticipare alle 18 o alle 20 il coprifuoco, per evitare cenoni allargati anticipati. E’ prevista la chiusura di ristoranti e negozi. Dovrebbero restare aperti solo quelli di prima necessità.

La zona arancione rinforzata

Con il lockdown totale, invece, nessuno potrebbe uscire di casa. Ricordaste le chiusure di questa primavera e replicatele a Natale.

La terza ipotesi, quella sostenuta in particolare dall’esponente di Italia Viva, Teresa Bellanova, e che piace anche al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è quella della zona arancione rinforzata. Chiuderebbero solo ristoranti e bar. Ma lo shopping sarebbe salvo.

Divisioni nette ma si decide oggi

Si doveva decidere ieri, poi si è scelto di rinviare a oggi, entro questa sera. Le divisioni all’interno dell’esecutivo sono nette. Ma non bisognerà attendere molto e presto sapremo (forse entro oggi) se passeremo le feste chiusi in casa, con una ridottissima libertà di movimento o più o meno come in questi giorni, ma con maggior restrizioni.

Potrebbe essere chiesto il voto del Parlamento che domani voterà la mozione del centrodestra sugli spostamenti tra i comuni.

Ad accrescere i timori dei rigoristi sono sì le scene dello shopping, ma anche quello che sta accadendo nel resto dell’Europa, dove la ripresa dei contagi è già nei fatti e dove, proprio in vista delle feste di fine anno sono state adottate misure molto restrittive. In molte nazioni anche il lockdown. Che sia una ripresa della seconda ondata o la terza in arrivo, poco cambia. Soprattutto a pochi giorni dalla campagna per la vaccinazione di massa contro il coronavirus e prima del ritorno in classe di tutti gli studenti.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie