“Ci saremo sempre”: Avellino, il colonnello Bramati si presenta

Il colonnello Luigi Bramati, nuovo comandante del comando provinciale di Avellino, oggi pomeriggio si è presentato alla stampa.

Ad Avellino si è insediato il nuovo comandante del comando provinciale di Avellino. Il colonnello Luigi Bramati
4' di lettura

“Quando ero in America, continuando a seguire le vicende di “casa mia”, ho capito che grande fortuna sia avere questo sistema di sicurezza in Italia con la sinergia fra i diversi corpi di polizia che funziona alla perfezione. Questo tipo di collaborazione e il rapporto diretto con i cittadini può fare davvero la differenza”. Il colonnello Luigi Bramati ha un eloquio agile e una mente aperta, tipica di chi ha viaggiato molto, ma le parole le pesa come un chimico esperto, fra le pause che sottolineano quei passaggi che ritiene determinanti.

Quelli sul concetto di ‘squadra’, per esempio, sull’importanza di collaborare. Da persona intelligente preferisce non parlare, in dettaglio, delle problematiche della provincia di Avellino, non prima di aver saggiato sul campo la situazione.

Di certo l’impressione è che la ‘coesione’ sarà la parola d’ordine alla caserma di via Brigata. Bramati, che è abituato a parlare in pubblico anche per via di lezioni tenute all’università in America, da abile oratore ha “diviso” il palco con il capitano Fabio Iapichino, comandante della compagnia di Avellino: uno dei “bracci operativi” dell’Arma irpina. E il colonnello ha poi lodato anche un’altra componente, spesso sottovalutata, quella della comunicazione con la stampa e con la città.

Luigi Bramati
Luigi Bramati

“L’Irpinia non è un’isola felice”

Il colonnello dice che: “Questa, come qualsiasi altra terra, non è un’isola felice. Ma un territorio con le sue criticità che non saranno lasciate incancrenire. L’importante sarà assicurare vicinanza e presenza. Da noi i cittadini le avranno sempre”.

In proposito cita un raid incendiario contro alcuni mezzi di movimento terra a Bonito, sventato proprio grazie dall’intervento di una pattuglia dei carabinieri che stava svolgendo l’attività di controllo del territorio.

Lotta al crimine senza quartiere

La lotta alla criminalità sarà senza quartiere, grazie alla collaborazione con la Procura ordinaria e con l’Antimafia.

Come hanno rivelato le ultime indagini, l’Irpinia ha attirato le attenzioni sia di associazioni delinquenziali nate sul territorio sia quelle che hanno tentacoli a Napoli e Caserta.

L’ultimo episodio, in ordine di tempo, è l’omicidio eccellente di Orazio De Paola, freddato con sette colpi di pistola a San Martino Valle Caudina.

L’impegno del nuovo comandante, però, sarà rivolto anche alle attività “più ordinarie”: combattere reati odiosi come i furti che, ciclicamente, non risparmiano l’Irpinia.

Chi è Luigi Bramati

Il colonnello Luigi Bramati subentra al comandante provinciale dei carabinieri di Avellino, il colonnello Massimo Cagnazzo, che lascia l’Irpinia dopo tre anni per assumere l’incarico di comandante della Scuola carabinieri di perfezionamento tiro a Roma.

Il colonnello Luigi Bramati ha 45 anni, è originario di Roma, e ha intrapreso la carriera militare nel 1991, quando ha iniziato a frequentare la scuola militare “Nunziatella” di Napoli. Subito dopo è stato a Modena, per i corsi regolari dell’Accademia Militare e della Scuola Ufficiale di carabinieri.

Dal 1999 ha prestato servizio nel Primo reggimento carabinieri paracadutisti “Tuscania” e nel 2000 è stato comandante di Plotone carabinieri paracadutisti in Kosovo nella missione portata a termine sotto l’egida della Nato. Ha poi assunto per quattro anni il comando dello Squadrone eliporto cacciatori “Calabria” a Vibo Valentia, impegnato soprattutto in operazioni nell’Aspromonte.

Nella fase successiva della sua carriera è stato al comando delle compagnie di Cittaducale (Rieti) e ad Olbia, in Sardegna, prima di prestare servizio per cinque anni nella sala operativa del Comando generale dell’Arma e poi all’Ufficio piani e polizia militare, sempre nello stesso comando.

Come si può notare, il colonnello Bramati ha maturato una consistente esperienza di servizio all’estero. Non solo in Kosovo, ma anche in Iraq (nel 2003 e nel 2006), dove ha ricoperto incarichi multinazionali a Bassora (Deputy Provost Marshal della divisione a guida britannica), e a Baghdad (International Police Advisor presso il Civilian Police Assistance and Training Team a guida statunitense).

Dal 2016 al 2019 è stato trasferito negli Stati Uniti d’America dove è stato Addetto aggiunto per la Difesa e la Cooperazione presso l’Ambasciata italiana di Washington con competenza anche su Canada e Messico.

Al rientro da Usa, e prima del trasferimento ad Avellino, il colonnello Luigi Bramati ha presttao servizio al Centro Alti studi della Difesa, come tutor dei frequentatori del 22esimo Corso di Stato maggiore Interforze.

Il colonnello Bramati ha conseguito la laurea in Giurisprudenza (1999), in Scienze politiche (2003) e in Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna (2005). Nel 2015 ha ottenuto presso l’Università Roma Tre il master in studi internazionali e Strategico militari collegato al 17esimo corso dell’Istituto di Stato maggiore interforze.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Entra in WhatsApp e ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Bandi, Bonus e Lavoro

  2. News dall'Italia e dal mondo

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie