MadBox: la super console che fa tremare PlayStation e Xbox

Console Madbox
4' di lettura

L’inizio dell’anno per ognuno di noi, si sa, è un modo per redimersi dai peccati, una grande scatola che contiene tutti i nostri sogni, progetti, e promesse. Per un nerd invece è un po’ come se fosse una lista della spesa, nuove uscite tra film, serie tv e videogame da appuntarsi, listini prezzo e sotterfugi per poter giocare a l’ultimo titolo di casa Nintendo o per abbonarsi a Netflix con pochi spiccioli. Ian Bell, CEO di Slightly Mad Studios, ha deciso di iniziarlo con l’annuncio di un miracolo. MadBox, questo il nome della misteriosa console che promette di ritagliarsi uno spazio nel mondo dei videogame e di rivaleggiare con le più quotate Playstation 5 e Xbox Scarlet.

Ma sarà veramente questo il futuro dei videogame o è solo tutto fumo e niente arrosto ? 

La Storia della console Madbox: 

Se il nome Slightly Mad Studios non vi dice niente sicuramente i giochi di guida non sono il vostro forte , infatti questa azienda ha creato il famoso Project Cars, titolo ben accettato dalla critica che si è ritagliato un piccolo spazio fra colossi quali Gran Turismo e Forza Motorsport. 

L’azienda a Londra è composta da poco più di 10 dipendenti, Slightly Mad Studios è un azienda fondata sulla passione e l’impegno ma riusciranno una manciata di abili programmatori a tenere testa alla mole di lavoro che si prospetta ? 

Console Madbox


L’annuncio della console Madbox 

Erano mesi che giravano voci di corridoio su una possibile nuova console che avrebbe dato una scossa a questo giro d’affari tra i più redditizi dell’ultimo ventennio, le più quotate a dare questa annuncio erano sicuramente realtà multimiliardarie qualioogle e Apple e nessuno mai si sarebbe aspettato che una piccola azienda in quel di Londra avrebbe fatto il passo più lungo della gamba lanciando ad inizio anno ,fra fuochi d’artificio e bombe di Maradona, una atomica nel panorama videoludico. 

Le certezze sulla console Madbox:  console a detta di Ian sarà la più potente mai creata;  supporterà il 4K a 60 frame al secondo ( al giorno d’oggi  è qualcosa che è concesso a PC di fascia alta da 1500 e passa euro) e avrà un VR proprietario  per la realtà virtuale a 120 fps  che dovrebbe riuscire ad eguagliare se non addirittura a superare l’esperienza fruibile oggi con Oculus o HTV Vive. Conosciamo la forma del “case” che assomiglia molto ad un computer futuristico con tanto di led e forme stondate. 

Console Madbox


Inoltre sappiamo di accordi con Nvidea e AMD  e con altre case produttrici di videogame. 

Ipotesi e dubbi sulla console Madbox:

In una realtà dove diventa sempre più difficile sviluppare videogame perché l’asticella della qualità da 20 anni a questa parte pende verso l’alto  e dove poche aziende (Sony, Nintendo, Microsoft) riescono a spartirsi il monopolio di questa fetta di mercato, come faranno Bell e il suo team a convincere i produttori a sviluppare per loro ?

Creare una nuova console come Madbox, da zero, significa anche inventare un nuovo OS proprietario che ottimizza la gestione della memoria e delle risorse della console, capacità che i dipendenti della Slightly Mad ad oggi non hanno. Avranno già accordi con aziende esterne o si appoggeranno a Windows 10 ? 

Apple Windows come sistema operativo sicuramente è un vantaggio per quanto riguarda l’offerta videoludica e non obbliga l’azienda a trovare accordi con sviluppatori esterni ma come svantaggio si ha il fatto di mascherare un pc ultra performante sotto le spoglie di una console; un po’ come ha fatto Steam con la sua “Machine”.

Uscita e Prezzo della console Madbox

La data d’uscita è fissata a 3 anni esatti dal suo annuncio pochi giorni fa e se per voi lettori può sembrare un eternità per gli addetti ai lavori sono d’avvero pochi al fronte dei dubbi e i misteri che aleggiano intorno questo progetto. Il prezzo? Non ci è dato al momento saperlo ma sicuramente deve essere un prezzo molto vantaggio per poter compete con la concorrenza; a mio avviso dovrebbe aggirarsi sui 299$ con i giochi sui 49$ per avere la speranza di sfondare il mercato. 

Conclusioni su Madmax; 

Se pur sia molto eccitato nel seguire lo sviluppo di questo progetto ho molti dubbi a riguardo. Come faranno Ian e il suo team a gestire così tanti accordi e a mantenere tutte queste promesse senza andare in contro ad un fallimento? Non sarebbe stato più oculato focalizzare la presentazione di qualche giorno fa su un nuovo titolo di corse e aspettare che la società crescesse un po’ prima di fare questi annunci ? Noi di The Wam siamo a favore di audaci imprenditori che vogliono cambiare il mondo, ma allo stesso tempo non amiamo chi fa scelte avventate  senza un regime ben definito.

Nei mesi e negli anni a venire seguirò  questa faccenda ma di una cosa  sono certo, se Ian avrà avuto ragione assisteremmo ad un piccolo  miracolo moderno.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!