Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Diritto » Pensioni / Maggiorazione dell’assegno sociale: i redditi da controllare

Maggiorazione dell’assegno sociale: i redditi da controllare

Maggiorazione dell'assegno sociale: quando spetta e rispettando quali requisiti reddituali? Ne parliamo in questo articolo.

di Carmine Roca

Febbraio 2022

Maggiorazione dell’assegno sociale: quando è possibile richiederla?

In questo articolo elencheremo i requisiti da rispettare, soprattutto quelli reddituali, per poter beneficiare della maggiorazione dell’assegno sociale.

Se sei interessato/a all’argomento e vuoi saperne di più, continua a leggere l’articolo.

Assegno sociale: cos’è e a chi spetta?

L’assegno sociale è una delle prestazioni economiche erogate dall’INPS a domanda. Dal 1996 ha sostituito la pensione sociale e spetta ai cittadini italiani e stranieri (comunitari ed extracomunitari con regolare permesso di soggiorno di lunga durata), che vivono sul territorio italiano da almeno 10 anni, in condizioni economiche disagiate.

La prestazione economica è assistenziale, non richiede il versamento di contributi, è provvisoria (può essere tolta in caso di mancano soddisfacimento dei requisiti socioeconomici e di residenza) e non è reversibile.

L’assegno, che non è soggetto alle trattenute IRPEF, può essere sospeso se il beneficiario soggiorna per più di 29 giorni all’estero. Dopo un anno di assenza dall’Italia, la prestazione è revocata.

Dal 1° gennaio 2022, l’importo dell’assegno sociale ha subito un lieve aumento dettato dalla rivalutazione degli assegni previdenziali. Dai 460,28 euro del 2021 si è passati ai 468,10 euro per 13 mensilità nel 2022.

Per beneficiarne non bisogna superare i 6.085,30 euro annuali di reddito personale e i 12.170,60 euro annuali di reddito complessivo con il coniuge. La misura può essere percepita in forma totale o parziale.

Rispettando determinati requisiti anagrafici e reddituali è possibile ricevere anche una maggiorazione dell’importo mensile dell’assegno sociale. Ne parleremo nei prossimi paragrafi.

Maggiorazione dell’assegno sociale: quando è possibile?

Nei precedenti paragrafi ci siamo concentrati sulla definizione di assegno sociale e sui requisiti da rispettare per richiederlo. In casi particolari, è possibile richiedere una maggiorazione dell’assegno sociale.

Il primo requisito da rispettare è l’età anagrafica: il richiedente deve avere compiuto 70 anni. Il secondo, sempre importante, è legato al reddito personale e complessivo del nucleo familiare dell’eventuale beneficiario.

La maggiorazione dell’assegno sociale spetta con un reddito personale fino a 8.476,26 euro all’anno e con un reddito da coniugato fino a 14.459,80 euro.

Maggiorazione dell'assegno sociale
Maggiorazione dell’assegno sociale: quando spetta e rispettando quali requisiti reddituali?

L’importo mensile della maggiorazione è di 12,92 euro fino ai 70 anni di età. Dal compimento dei 70 anni, l’importo mensile è di 191,46 euro. In questo caso, l’importo dell’assegno sociale può arrivare fino ai 659,56 euro al mese.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp