La Cassazione: i figli che terminano gli studi devono mantenersi da soli

Bocciato il ricorso di una donna per la revoca dell'assegno di mantenimento al figlio, docente precario, che prende 20mila euro all'anno.

Assegno di mantenimento sentenza cassazione
La Cassazione ha bocciato il ricorso di una madre nell'interesse del figlio docente precario per ricevere l'assegno di mantenimento.


1' di lettura

Dopo aver finito gli studi bisogna trovarsi un lavoro, non si può far conto sull’assegno di mantenimento dei genitori per sempre. E’ questa la sintesi del ragionamento che emerge da una recente sentenza della Cassazione, che si è espressa sul ricorso di una madre.

La signora era in disaccordo con la decisione della Corte d’Appello di revocare l’assegnazione della casa coniugale e l’assegno di mantenimento versato dall’ex marito al figlio, un professore di musica trentenne precario.

Assegno di mantenimento: la sentenza

La pronuncia dei giudici può segnare un importante precedente nella percezione dei doveri dei genitori rispetto ai figli, dopo la fine degli studi liceali, di laurea triennale o specialistica. Perché il figlio, scrivono i giudici, non può pretendere «che a qualsiasi lavoro si adatti soltanto, in vece sua, il genitore».

La mancanza di un lavoro, da parte del ragazzo, non può equivalere all’impossibilità di mantenersi da soli. Il figlio della donna, che lavorava come supplente, guadagnava circa ventimila euro l’anno. Toccava a lui, perciò, per i giudici «ridurre le proprie ambizioni adolescenziali».

Secondo l’assunto dei giudici la maggiore età si associa all’adeguatezza di svolgere un lavoro e quindi all’autonomia. I tempi si allungano con la laurea, ma la Cassazione menziona il divieto di “abuso di diritto”: il diritto al mantenimento del figlio non può sorgere «già abusivo» o «di mala fede»

Inoltre in un’altra sentenza della Cassazione (29 novembre 2019 – 13 febbraio 2020, n.3659) è specificato come un genitore, che abbia versato all’ex coniuge l’assegno di mantenimento per i figli (nel caso della sentenza figlie) dopo che questi hanno conseguito l’autosufficienza economica, ha diritto alla restituzione del pagamento che non era dovuto.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Entra in WhatsApp e ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Bandi, Bonus e Lavoro

  2. News dall'Italia e dal mondo

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie