Mantenimento figlio maggiorenne: quando non è obbligatorio?

Mantenimento figlio maggiorenne: vediamo insieme quando è possibile revocare l’assegno di mantenimento da parte dei genitori.

3' di lettura

Il mantenimento figlio maggiorenne può essere revocato? (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook)

In questo articolo proveremo a sciogliere qualche dubbio sul tema, approfondendo i casi in cui l’assistenza economica ai figli maggiorenni smette di essere obbligatoria.

Se sei interessato all’argomento e vuoi saperne di più, continua a leggere.

Mantenimento figlio maggiorenne: cosa dice la Cassazione

Con l’ordinanza n. 18785 la Corte di Cassazione si è espressa in merito alle caratteristiche dell’assistenza economica per i figli maggiorenni disoccupati, che sarebbe illimitata e incondizionata.

Secondo l’ordinanza tali funzioni dell’assegno verrebbero meno in alcuni, specifici casi. Se il comportamento del maggiorenne, che non ha raggiunto un’autosufficienza reddituale è negligente, l’assegno di mantenimento del genitore potrebbe essere revocato.

Ad aggravare la valutazione della circostanza interviene inoltre l’età del figlio in questione. Se quest’ultimo ha concluso da tempo il percorso di studio, si presume infatti che la mancanza di indipendenza economica sia frutto di uno scarso impegno nell’intraprendere un’attività lavorativa.

Naturalmente ogni caso va valutato sulla base di ragioni e problematiche individuali che possano smentire la negligenza presunta.

In sostanza l’obbligo di mantenimento a beneficio dei figli, anche se sono maggiorenni, è valido solamente se questi non sono indipendenti per motivi che non legati a una loro mancanza di volontà.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Mantenimento figlio maggiorenne: quando non c’è l’obbligo

La funzione di sostegno economica da parte del genitore non è dunque illimitata e incondizionata

L’assegno di mantenimento può quindi essere revocato nei seguenti casi:

  • mancanza di impegno e di volontà nell’intraprendere o proseguire un progetto formativo per l’acquisizione di competenze professionali;
  • negligenza nel cercare e intraprendere un’attività lavorativa.
mantenimento figlio maggiorenne

Contribuiscono a una valutazione più completa anche i seguenti fattori:

  • età dei figli maggiorenni a cui si versa l’assegno;
  • conseguimento di un livello di competenza professionale e tecnica;
  • l’impegno nella ricerca di un lavoro;
  • la complessiva condotta dopo i 18 anni.

Nel caso in cui la mancanza di impiego dipenda da fattori che riguardano l’andamento del mercato del lavoro, il figlio maggiorenne che perde l’assegno di mantenimento del genitore può comunque richiedere gli alimenti. Ovviamente se vi sono i presupposti.

Speriamo di aver fatto un po’ di chiarezza, ma se hai ancora dubbi sull’obbligo di mantenimento figlio maggiorenne non esitare a scriverci su Instagram.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie