Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro / Medico competente: cosa deve fare in azienda

Medico competente: cosa deve fare in azienda

Oggi scopriremo le funzioni del medico competente in azienda, dall’assunzione alle tipologie di visite previste.

di Valerio Pisaniello

Aprile 2023

Il Medico del Lavoro, detto anche medico competente, è una figura professionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro che opera in collaborazione con il datore di lavoro delle aziende in cui è nominato. Vediamo tutte le funzioni principali (scopri le ultime notizie su agevolazioni economiche e diritti per la famigliaLeggi su Telegram le novità su educazione, cura e salute dei figli, gravidanza, consigli per neo-mamme e relazioni familiari. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Medico competente: chi è?

Il medico competente, è una figura professionale che ha l’obiettivo di assicurarsi che il lavoro venga svolto in un ambiente sano e senza processi che compromettono la salute dei lavoratori attraverso una serie di attività volte a prevenire le malattie professionali e gli infortuni sul lavoro.

Il Testo Unico D.Lgs. n. 81/2008 stabilisce in modo chiaro il bisogno di una collaborazione all’interno dell’azienda fra datore di lavoro e medico competente: un’esigenza che nasce dalla maggiore attenzione alla tematica della salute, agli obblighi di sorveglianza sanitaria, alla necessità di un’effettiva tutela delle reali condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sulla famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Medico competente: cosa fa? 

Gli obiettivi del medico competente sono:

Nello specifico, il medico competente raggiunge gli obiettivi sopra citati svolgendo questi compiti:

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=5bBxZ1yIpqU&w=560&h=315]

Medico competente: la nomina

Il medico competente è nominato dal datore di lavoro. Insieme a lui, come abbiamo visto sopra, collabora per effettuare la sorveglianza sanitaria e valutare i rischi all’ interno dell’ambiente di lavoro.

Le disposizioni legislative del Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro stabiliscono che la nomina del Medico del Lavoro è obbligatoria in quei casi dove si presentano condizioni di potenziale pericolo, come ad esempio:

Sebbene il D.Lgs. non chiarisca se sia necessario nominare il Medico del Lavoro in tutte le occasioni o soltanto in quelle elencate, per prudenza questa figura professionale dovrebbe essere sempre nominata, poiché i rischi e le situazioni di potenziale pericolo sono riscontrabili nella maggior parte delle aziende.

Medico competente: quando è necessario?  

Tutte le aziende hanno l’obbligo di sottoporre a visita medica periodica i propri dipendenti nel rispetto del D.Lgs. 81/08 ed è previsto in questi casi:

Medico competente: come si svolge la visita? 

La visita medica deve essere effettuata in un luogo adeguato e rispettoso della privacy del dipendente, utilizzando attrezzature certificate, periodicamente testate e conformi alle  nuove normative anti Covid-19.

Il Medico del Lavoro, oltre alla misurazione della pressione, eseguirà l’esame obiettivo per poter procedere alla corretta compilazione della cartella sanitaria e di rischio alla fine della visita. La durata generalmente non è lunga, a meno che non sussistano eventuali complicazioni per cui si ritenga necessario limitare o addirittura sospendere l’attività dell’individuo. 

Medico competente: nella foto un medico del lavoro

Medico competente: gli accertamenti che può prescrivere

Il medico competente nell’espletamento della sorveglianza sanitaria dei lavoratori può prescrivere accertamenti mirati a valutare le condizioni di salute del lavoratore, in relazione ai rischi ai quali è sottoposto.

Ad esempio per valutare l’entità del rischio polveri di un lavoratore edile, il medico competente può prescrivere una spirometria, o per il rischio rumore una audiometria, o per un videoterminalista ad esempio uno screening visivo (visiotest), o il drug test, obbligatorio per alcuni lavoratori quali carrellisti o la conduttori di automezzi superiori ai 35 q.li (camion).

Gli esami effettuati durante le sorveglianza sanitaria del medico sono molteplici e variano a seconda della mansione del lavoratore.

In medicina del lavoro gli esami più comuni svolti durante le visite mediche sono i seguenti:

Medico competente: è prevista una visita prima di essere assunti?  

In medicina del lavoro è concessa l’esecuzione di una visita medica preventiva che consenta al datore di lavoro di sapere preventivamente se un lavoratore è adatto oppure no allo svolgimento di un certo compito, in relazione ai rischi valutati.

Se ad esempio un soggetto è già affetto da ipoacusie accertate dal medico competente in sede di visita preassuntiva, non potrà essere adibito dal datore di lavoro a mansioni che lo espongano prolungatamente a rumori esponendolo a rischio di malattia professionale.

Altro caso abbastanza comune è quello del videoterminalista affetto da patologie oculari (ad es. miopia) al quale il medico del lavoro spesso prescrive una limitazione all’utilizzo del videoterminale che comporti una riduzione delle ore davanti al computer.

Medico competente: se il dipendente si rifiuta di sottoporsi a visita?

Nel caso in cui il dipendente si rifiuti di sottoporsi al controllo, il giudizio di idoneità non potrà essere formulato, quindi egli non sarà idoneo a svolgere il lavoro che gli è stato affidato dal datore di lavoro.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp