Meno tasse al ceto medio, a partire da Irap e Irpef

Meno tasse al ceto medio, a partire da Irap e Irpef, ma non solo: tutte le misure che il governo adotterà nella Legge di Bilancio che sarà approvata entro il 2021. Sul tavolo anche importanti riforme come quella del fisco, delle pensioni, degli ammortizzatori sociali e il Superbonus 2023. Questi sono di decisioni importanti per il futuro della nazione.

5' di lettura

Meno tasse al ceto medio, a partire da Irap e Irpef. Ma si discute anche dell’Irap e dell’Ires. La riforma del fisco viaggia in una direzione precisa: riduzione della pressione fiscale. Proprio a partire dalla classe media.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Meno tasse al ceto medio: stagione di riforme

Saranno mesi impegnativi e decisioni importanti per il governo. Non c’è solo il fisco sul tavolo, ma anche il lavoro ( Naspi, cassa integrazione, tutele ai giovani e agli autonomi), le pensioni (a partire dal potenziamento dell’Ape Sociale), il Superbonus 110%.

Sono i punti chiavi della prossima Legge di Bilancio, che dovrà essere presentata entro la fine dell’anno.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Meno tasse al ceto medio: tesoretto da 22 miliardi

Meno tasse al ceto medio, dunque. Ma non solo: come dimenticare la riforma del catasto. A disposizione dell’esecutivo ci sono 22 miliardi, ma anche molte questioni ancora da chiarire.

Il nodo più intricato è quello del fisco.

La legge delega sarà già approvata la prossima settimana. E alcune disposizioni inserite nella Legge di Bilancio.

Meno tasse al ceto medio: taglio Cuaf

Si può partire da un punto: i 4,4 miliardi che dovrebbero arrivare dalla lotta all’evasione fiscale.

Con parte di quelle risorse si eliminerà l’Irap (al momento resta l’Ires). Ma si discute anche, del taglio del Cuaf, ovvero il contributo unico sugli assegni familiari.

Meno tasse al ceto medio: taglio aliquota

Ma, dicevamo, meno tasse al ceto medio. E ci arriviamo, perché l’esecutivo, supportato da tutti i partiti della maggioranza, ha intenzione di intervenire sull’Irpef. E in particolare su quel terzo scaglione (28mila/55mila euro), che viene considerato il bacino economico della classe media.

L’obiettivo è quello di ridurre di almeno un punto l’aliquota attuale, che è al 38%. Non è un’operazione semplice, e neppure a costo zero (evidente).

Questa misura, meno tasse al ceto medio, costa infatti 3 miliardi.

Meno tasse al ceto medio: ammortizzatori sociali

Fino a qualche giorno fa sarebbe stato improbabile immaginare le due operazioni insieme. Ma dopo che sono stati diffusi i dati positivi sulla crescita e sui conti pubblici l’ottimismo è aumentato.

Meno tasse al ceto medio, certo, ma in discussione c’è un’altra questione delicata: la riforma degli ammortizzatori sociali.

Anche qui nulla si può fare senza un corposo sostegno economico: servono 4 miliardi e mezzo.

Potrebbero arrivare dalla sospensione del cash back.

Meno tasse al ceto medio: Ape Sociale e tutele per i giovani

Se si aggiungono a tutti questi obiettivi anche il potenziamento dell’Ape Sociale (che garantirà l’accesso alla pensione anticipata a più di 200 categorie di lavoratori) e le tutele per giovani e autonomi, i conti potrebbero non tornare.

Per le pensioni c’è la necessità di coprire lo scalone che si è formato dopo l’abolizione di Quota 100 (che ha di fatto ripristinato la Legge Fornero). Ma anche una misura di questo genere ha dei costi.

Meno tasse al ceto medio: proroga superbonus

È sicura la proroga del Superbonus per il 2023, altra misura che potrebbe arrecare vantaggi al ceto medio. Ma anche questa decisione pesa sulle casse dello Stato per quasi 8 miliardi.

Ci sono poi da stabilire questi altri aspetti:

  • sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • revisione incentivi alle imprese;
  • sistemi degli incentivi per le imprese del Mezzogiorno.

Meno tasse al ceto medio: filiere di imprese

Per essere più competitivi in Europa il governo Draghi vuole favorire la nascita delle filiere e delle aggregazioni di imprese. Per farlo dovranno essere modificate alcune norme del codice della proprietà industriale.

Meno tasse al ceto medio: Reddito di Cittadinanza

Per quanto riguarda il Reddito di Cittadinanza. La misura non si tocca. Ma ci sono posizioni contrapposte nel governo.

Da una parte Lega e Forza Italia spingono sul ridimensionamento per investire le risorse risparmiate su tasse e lavoro.

Dall’altra, e in particolare la stessa commissione che si sta occupando del fascicolo, punta a correggere il Reddito di Cittadinanza per favorire le famiglie numerose e ridurre da 10 a 5 anni il limite per consentire l’accesso al sussidio per gli stranieri.

Meno tasse al ceto medio: Sanità

Nella Legge di Bilancio si punta anche a rafforzare il sistema sanitario nazionale (dopo quello che è successo durante la pandemia sarebbe strano non farlo).

Due gli obiettivi:

  • migliorare l’accesso alle cure;
  • incoraggiare la prevenzione.

Meno tasse al ceto medio: servizi sociali

Sul fronte sociale saranno anche potenziati i servizi, gli asili nido e il trasporto di studenti disabili.

Sul tavolo restano anche i rinnovi dei contratti pubblici e alcuni fondi di investimento.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie