Mercogliano, la rabbia di Gilberto. "Un tunnel senza luce. Diteci come è morto Antonio"

Gilberto Dello Russo torna a parlare della morte del fratello Antonio, 39enne di Mercogliano, deceduto lo scorso 16 gennaio.

2' di lettura

“Un tunnel dove non si vede mai la luce. Abbiamo bisogno di sapere come è morto mio fratello. I miei genitori, sua famiglia hanno il diritto di conoscere la verità”. Gilberto Dello Russo torna a parlare della morte del fratello Antonio, il 39enne di Mercogliano che lo scorso 16 gennaio ha perso la vita in un drammatico incidente stradale. Una morte senza risposta per quale sono indagati, per omicidio colposo, due carabinieri. Quella sera, prima che la Fiat Bravo di Dello Russo si schiantasse contro un albero in via Nazionale, allo svincolo di Taurano in provincia di Avellino, sono stati esplosi alcuni proiettili. Dopo che la vettura non si era fermata all’alt.

“Vogliamo sapere se quei proiettili abbiano avuto ruolo determinante per la morte di mio fratello, un uomo disarmato. E vogliamo chiarezza sulle ore successive alla morte. Non siamo stati avvisati solo la mattina dopo. I soccorsi hanno svolto bene il loro dovere? Credo che sia legittimo domandarlo. Ritengo sia legittimo sapere. Un uomo non può morire senza che chi lo vuole bene sappia perché”. Ribadisce Gilberto.

Morte di Antonio Dello Russo: dopo un anno, nessuna risposta

La Procura ha commissionato una relazione medico-legale e la ricostruzione balistica del sinistro. Per accertare cosa sia accaduto quella drammatica notte.

“Attraverso il nostro avvocato, Fabio Tulimiero, abbiamo chiesto spiegazioni sui tempi. Abbiamo rispettato i ruoli di chi è chiamato a indagare, i tempi della giustizia. Ma, da settembre, non abbiamo novità. E’ allora che, abbiamo appreso, scadeva la proroga richiesta per la consegna di quelle relazioni”.

Intanto, la famiglia, si è avvalsa anche di un consulente di parte per fare chiarezza sulla morte di Dello Russo. Il professore Martino Farneti ha realizzato una sua consulenza. Intanto domani, giovedì 16 gennaio 2020, ci sarà una fiaccolata a Mercogliano. Amici e familiari di Antonio saranno in strada per ricordarlo con una fiaccolata che partirà dalla chiesa Santa Annunziata, dopo la messa delle 18:00, e arriverà al bar Love Cafè in viale San Modestino. Dove, oltre a Gilberto, ci saranno anche Mario e Gennaro, amici di Antonio, per ricordarlo.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!