Rifiuti ingombranti, a Mercogliano la protesta dei materassi

1' di lettura

A Mercogliano è esplosa la protesta dei materassi. O meglio dei rifiuti ingombranti, che nel comune del Partenio non possono essere sversati. Questa volta è toccato a un cittadino che ha mostrato davanti al comune tutta la sua esasperazione. E un vecchio materasso, del quale non riusciva a liberarsi. Domani mattina potrebbe essere organizzata una protesta più strutturata, con più residenti e altrettanti materassi che saranno provocatoriamente depositati di fronte al municipio.

La questione risale indietro nel tempo. Ed è figlia di due vecchie decisioni.

Irpiniambiente e isola ecologica

La prima, dieci anni fa, quando Irpiniambiente ha sospeso alcuni dei suoi servizi nel comune (che è indebitato con l’azienda per due milioni e mezzo). Tra questi servizi anche quello per la raccolta porta a porta dei rifiuti ingombranti (che a dire il vero resta una nota dolente anche altrove).

Per la seconda bisogna risalire a una delle amministrazioni targate Criscitiello, tra il 1996 e il 2000, quando in comune non venne realizzata un’isola ecologica.

Isola ecologica che non è stata allestita neppure da tutte le amministrazioni che si sono succedute. E che avrebbe consentito ai cittadini di Mercogliano di avere un posto – come ad Avellino, Campo Genova – dove abbandonare i rifiuti ingombranti.

Una serie di ritardi decennali, dunque. Con le inevitabili conseguenze di questi giorni. E l’imprevedibile protesta dei materassi.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!