Avellino, minacce al capo dei vigili Arvonio per le case popolari

Lettera di minaccia al capo dei vigili urbani di Avellino, Michele Arvonio. Riferimento alle assegnazioni delle case popolari.

1' di lettura

“Al primo sfratto, verrai sfrattato anche tu”. Lettera di minaccia, con proiettile, indirizzata al comandante dei vigili urbani di Avellino, Michele Arvonio. Un’ombra inquietante che si staglia sugli alloggi popolari e sugli sfratti imminenti. Nel mirino torna di nuovo il dirigente dei caschi bianchi. Già in passato vittima di altre intimidazioni. Quando c’era da assegnare la gestione delle aree parcheggi a nuove cooperative.

Minacce sugli alloggi popolari

Questa volta le minacce si riferiscono alle assegnazioni delle case popolari. A inizio aprile è stato pubblicato il  bando di concorso per l’assegnazione alloggi di edilizia residenziale pubblica relativo alla città di Avellino. Arvonio ricopre il delicato ruolo di dirigente Settore Alloggi Comunali. Ed è stato sempre in prima linea nella lotta alle occupazioni abusive. I suoi agenti, infatti, hanno partecipato attivamente all’indagine su presunte assegnazioni irregolari delle case popolari che ha portato al rinvio a giudizio di ventisette persone, fra cui dei dirigenti comunali.

“Non mi fermo”

Raggiunto a telefono da The Wam Arvonio ha confermato di aver ricevuto la lettera di minacce. “Vado avanti”, ha aggiunto: non si lascerà intimidire. Dell’accaduto è stato avvisato anche il commissario prefettizio, Giuseppe Priolo. Molto probabilmente ora sulle intimidazioni verrà aperta anche una indagine della Procura. Anche se al momento intorno alla lettera di minaccia si mantiene il massimo riservo.

Un episodio che arriva in un momento delicatissimo, con le elezioni amministrative imminenti. E la questione degli alloggi che, inevitabilmente, avrà un peso notevole nella scelta del sindaco. Primo cittadino che dovrà confrontarsi subito con la delicata questione della gestione delle assegnazioni. Negli anni passati, infatti, proprio intorno agli alloggi popolari più di un’amministrazione si è trovata in palese difficoltà. E non erano mancate, anche allora, minacce anche esplicite.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!