Più morti in Italia nel 2020. Il dato in tutte le province

Più morti in Italia nel 2020: il dato nazionale segnala un aumento dell'8.8% in parte legato direttamente al coronavirus, altre potrebbero essere una conseguenza. Ci sono infatti anche i decessi di persone che non hanno avuto accesso a cure mediche adeguate o non hanno effettuato nessuna prevenzione. In alcune zone l'aumento è stato impressionante, anche oltre il 50%. Altrove invece ci sono stati meno decessi. Tutti i dati.

Più morti in Italia nel 2020. Il dato in tutte le province
Più morti in Italia nel 2020: il dato nazionale segnala un aumento dell'8.8% in parte legato direttamente al coronavirus ma altre potrebbe essere una concausa.
3' di lettura

Più morti in Italia nel 2020, nei dati che si riferiscono al periodo tra gennaio e ottobre. Un complessivo 8.8%. I dati – che potete leggere sotto – sono riferiti a tutti i capoluoghi di provincia. E sono raffrontati alla media dei morti tra il 2015 e il 2019 (dati Istat).

Molti decessi sono legati direttamente alla pandemia da coronavirus. Gli altri, laddove si sono registrati gli aumenti più consistenti, potrebbero almeno in parte essere una concausa, con la diminuzione evidente di visite di controllo o per il mancato accesso negli ospedali, o ancora per la limitazione dell’attività prevenzione.

Non ci sono i numeri della seconda ondata

Nel dato statistico non sono ancora stati rilevati i morti per coronavirus causati dalla seconda ondata della pandemia, che è scoppiata proprio tra ottobre e novembre.

Nel periodo gennaio-ottobre 2020 i morti nei capoluoghi di provincia sono stati 179.021, la media degli anni 2015-2019 e’ stata di 164.535 morti.

Più morti in Italia: le province più colpite

I dati ufficiali sono dell’Istat. I capoluoghi di provincia più colpiti dall’incremento dei decessi sono Cremona (+60,75%), Lodi (+52,31%), Bergamo (+52,14%), Piacenza (+49,9%), Pesaro (+49,52%).

E quelle dove si sono registrati meno decessi

I capoluoghi di provincia che hanno registrato il maggior decremento di decessi sono L’Aquila (-11,35%), Siena (-9,32%), Gorizia (-5,06%), Barletta (-4,92%), Lucca (-4,82%).

Le principali città registrano questi dati: Torino +11,59%, Genova +14,64%, Milano +22,99%, Venezia +7,9%, Bologna +6,18%, Firenze +2,47%, Roma -0,22%, Napoli +0,58%, Bari +7,57%, Palermo +4,25%, Catania -1%, Cagliari -0,67%.

Più morti in Italia: il dato in tutte le province

Ecco, nel dettaglio, i dati della mortalità nei capoluoghi di provincia nel periodo gennaio-ottobre 2020, raffrontati con la media degli anni 2015-2019 per l’analogo periodo:

Aosta 439 morti +18,01%

Torino 9680 morti +11,59%

Vercelli 610 morti +21,03%

Novara 1193 morti +23,49%

Cuneo 606 morti +14,33%

Asti 963 morti +26,37%

Alessandria1121 morti +13%

Verbania 381 morti +13,39%

Biella 606 morti +21,93%

Milano 14658 morti +22,99%

Varese 903 morti +10,52%

Como 959 morti +13,49%

Sondrio 238 morti +8,18%

Bergamo 1777 morti +52,14%

Brescia 2487 morti +36,49%

Pavia 922 morti +21,63%

Cremona 1114 morti +60,75%

Mantova 641 morti +18,92%

Monza 1339 morti +25,72%

Lodi 658 morti +52,31%

Lecco 555 morti +25%

Genova 7844 morti +14,64%

Imperia 529 morti +22,17%

Savona 777 morti +3,87%

La Spezia 1132 morti +6,19%

Trento 1014 morti +15,35%

Bolzano 1001 morti +11,46%

Venezia 3114 morti +7,9%

Verona 2710 morti +14,63%

Vicenza 1005 morti -1,47%

Belluno 344 morti -0,28%

Treviso 946 morti +11,55%

Padova 2197 morti +1,85%

Rovigo 522 morti percentuale invariata

Trieste 2517 morti +3,79%

Udine 979 morti -1,4%

Gorizia 394 morti -5,06%

Pordenone 498 morti +7,79%

Bologna 4243 morti +6,18%

Piacenza 1559 morti +49,9%

Parma 2219 morti +33,83%

Reggio Emilia 1587 morti +17,38%

Modena 1823 morti +7,42%

Ferrara 1617 morti +3,58%

Ravenna 1597 morti +6,46%

Forlì 1292 morti +13,23%

Rimini 1533 morti +17,02%

Ancona 1024 morti +5,89%

Pesaro 1271 morti +49,52%

Macerata 483 morti +11,54%

Fermo 430 morti +14,05%

Ascoli P. 554 morti +3,74%

Firenze 3895 morti +2,47%

Massa 768 morti +12,44%

Lucca 867 morti -4,82%

Pistoia 934 morti +5,18%

Livorno 1768 morti +6,76%

Pisa 943 morti +3,06%

Arezzo 940 morti +0,96%

Siena 574 morti -9,32%

Grosseto 818 morti +8,05%

Prato 1628 morti +4,76%

Perugia 1497 morti +1,49%

Terni 1146 morti -0,08%

Roma 23847 morti -0,22%

Viterbo 628 morti -0,78%

Rieti 493 morti +9,79%

Latina 1025 morti +13,88%

Frosinone 392 morti +0,25%

Napoli 8438 morti +0,58%

Caserta 663 morti +7,1%

Benevento 555 morti +2,96%

Avellino 530 morti +4,33%

Salerno 1324 morti -2,79%

L’Aquila 562 morti -11,35%

Teramo 512 morti -0,77%

Pescara 1214 morti +2,44%

Chieti 518 morti +2,98%

Campobasso 444 morti +5,71%

Isernia 193 morti -3,01%

Bari 2955 morti +7,57%

Foggia 1339 morti +9,21%

Taranto 1844 morti +6,4%

Lecce 831 morti +2,33%

Brindisi 723 morti +7,58%

Barletta 598 morti -4,92%

Potenza 543 morti -4,73%

Matera 472 morti +3,5%

Catanzaro 738 morti +2,07%

Cosenza 659 morti -2,8%

R.Calabria 1636 morti +5,82%

Crotone 448 morti +7,43%

Vibo V. 272 morti +15,25%

Palermo 5755 morti +4,25%

Trapani 609 morti -2,87%

Messina 2237 morti +1,26%

Agrigento 500 morti -1,18%

Caltania 596 morti +4,74%

Enna 293 morti +5,01%

Catania 2847 morti -1%

Ragusa 717 morti +9,13%

Siracusa 1117 morti +11,25%

Cagliari 1475 morti -0,67%

Sassari 1187 morti +16,25%

Nuoro 303 morti +12,22%

Oristano 304 morti +14,28%

Carbonia 302 morti +31,3%

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie