Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Disoccupazione » Lavoro / Naspi, quanto dura? Come scoprirlo: esempi

Naspi, quanto dura? Come scoprirlo: esempi

Quanto dura la Naspi? Scopri nell'approfondimento qual è la durata dell'indennità di disoccupazione, la Naspi, e come può essere calcolata.

di Imma Duni

Marzo 2023

Quanto dura la Naspi? Scopri qual è la durata dell’indennità di disoccupazione e come può essere calcolata (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Quanto dura la Naspi: qual è la durata dell’indennità di disoccupazione?

La Naspi (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego) è l’indennità di disoccupazione che l’INPS eroga sul conto corrente del disoccupato. Il bonifico della Naspi viene effettuato mensilmente.

La Naspi viene corrisposta per un massimo di 24 mesi. Per essere più precisi, viene erogata per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi 4 anni. Oltre questo periodo di tempo non si può andare.

Ai fini del calcolo della durata della prestazione sono presi in considerazione solo i periodi di contribuzione dei 4 anni precedenti l’evento di perdita del lavoro.

Da quando parte la Naspi? Parte dall’ottavo giorno successivo alla cessazione del rapporto di lavoro.

Se la domanda viene presentata più tardi, la Naspi partirà dal primo giorno successivo alla data di presentazione dell’istanza.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quanto dura la Naspi: come calcolare la durata?

La durata della Naspi non è la stessa per tutti, ma varia in base alla storia contributiva di ogni disoccupato.

Puoi calcolare la durata prendendo le settimane di contribuzione degli ultimi 4 anni e calcolando la metà: questa sarà la durata della Naspi, sempre se non supera il limite massimo di 24 mesi.

L’indennità tuttavia non rimane invariata. L’importo si riduce mensilmente del 3% (decalage) a partire dal sesto mese, o dall’ottavo per i disoccupati da 55 anni in su.

Scopri la pagina dedicata alla disoccupazione e al reinserimento lavorativo.

Quanto dura la Naspi: esempio

La durata della Naspi dipende dalla durata del lavoro precedente del richiedente e dal suo reddito medio.

In generale, la Naspi può essere erogata per un periodo massimo di 24 mesi, ma la durata effettiva può variare a seconda della situazione individuale del richiedente.

Ad esempio, se un lavoratore ha lavorato almeno 13 mesi nei 4 anni precedenti la richiesta d’indennità e il suo reddito medio è inferiore al 75% della retribuzione media degli ultimi 4 mesi lavorati, potrà ricevere la Naspi per un massimo di 6 mesi.

Le regole possono variare a seconda delle circostanze individuali del richiedente, quindi è sempre consigliabile contattare direttamente l’INPS per ulteriori informazioni.

Scopri la pagina dedicata alla disoccupazione e al reinserimento lavorativo.

Quanto dura la Naspi
Quanto dura la Naspi. In foto una donna pensierosa.

Quanto dura la Naspi: requisiti per richiederla

Nella Legge di bilancio 2022 sono state apportate alcune modifiche ai requisiti per accedere alla Naspi.

L’accesso è stato reso molto più agevole. Per tutti gli eventi involontari di disoccupazione che si verificano da gennaio 2022 in poi, infatti, sono cambiati i requisiti.

Ecco elencate le novità:

Ricordiamo gli altri requisiti invariati per ricevere la Naspi:

Scopri la pagina dedicata alla disoccupazione e al reinserimento lavorativo.

Inoltre, anche per i lavoratori agricoli trova applicazione l’obbligo di versamento del cosiddetto ticket di licenziamento, da cui sono esenti invece i lavoratori con contratto di apprendistato.

La legge di bilancio modifica anche l’indennità di disoccupazione riservata ai collaboratori iscritti alla gestione separata dell’INPS, la cosiddetta Dis-Coll.

In precedenza era prevista la riduzione dell’importo della Dis-Coll del 3% ogni mese, dal quarto mese di fruizione, adesso anche questo decalage partirà dal sesto mese.

Inoltre l’indennità sarà corrisposta mensilmente per un numero di mesi pari ai mesi accreditati. 

Ricordiamo che le domande si inviano attraverso il Sito Inps e il proprio Spid, accedendo all’area MyInps.

Come presentare domanda Naspi

La domanda per la Naspi può essere inviata in queste modalità:

Quali sono i documenti necessari per fare domanda Naspi nel 2023?

I documenti necessari per presentare domanda di indennità di disoccupazione, sono:

Abbiamo visto quanto dura la Naspi.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp