Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / No tax area, cambia con la rivalutazione?

No tax area, cambia con la rivalutazione?

No tax area, cambia con la rivalutazione o le soglie restano quelle dello scorso anno?

di The Wam

Novembre 2022

La no tax area cambia con la rivalutazione? Saranno cioè aumentate anche le soglie per rientrare nella fascia di chi non deve presentare la dichiarazione dei redditi? (scopri le ultime notizie sul fisco e sulle tasse e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Al momento non sembra. Ovvero non c’è un meccanismo automatico che modifichi quella soglia rispetto al tasso di inflazione che viene registrato. Si tratta infatti di uno scaglione Irpef e può essere modificato solo con un adeguamento della normativa fiscale.

Infatti il governo Draghi aveva intenzione di innalzare quel limite da circa 8.000 euro a 12.000/15.000. Quella riforma del sistema fiscale è stata però affossata in Parlamento. Spetterà al governoMeloni vararne un’altra. I primi segnali sono già arrivati, con l’aumento della soglia forfetaria delle partite Iva per la flat tax, da 65.000 a 85.000 euro e l’introduzione della flat tax incrementale per imprese e dipendenti. Ma le soglie Irpef non sono state ancora riviste.

Su questo argomento puoi leggere un post che ti ricorda con le pensioni in no tax area quanto si risparmia; e c’è una agile guida per famiglie che spiega come pagare meno tasse.

No tax area, come funziona

Al momento sulla no tax area resta tutto com’è. Vediamo come e in che modo funziona.

Ripetiamo, la no tax area – disciplinata dalla legge numero 289 del 2002, articolo 2 – è riferita a una determinata soglia di reddito entro la quale  i redditi non devono pagare l’Irpef.

Queste sono le soglie, che sono diverse a seconda delle categorie:

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

No tax area, redditi esenti dall’Irpef

Queste sono le prestazioni assistenziali e previdenziali che sono esenti dall’Irpef, non sono quindi tassabili:

No tax area e la riforma fiscale

Queste soglie potrebbero essere modificate con una riforma fiscale che dovrebbe cambiare anche gli scaglioni di reddito. Quella che era stata prevista prevedeva la riduzione da cinque a quattro di questi scaglioni oltre a una nuova disciplina per le detrazioni.

C’è la necessità di elevare la soglia della no tax area per venire incontro a un numero più alto di cittadini che, proprio in conseguenza di un reddito basso, ha delle oggettive difficoltà a pagare le imposte Irpef.

Come viene calcolata la no tax area?

La no tax area non dipende dall’età del contribuente.

Per chi riceve un reddito da pensione, lo scorso anno il limite è stato portato a 8.500 euro, con l’aumento della detrazione da 1.880 a 1.995 euro.

La detrazione è salita da 1.104 a 1.265 anche per altri redditi (lavoro dipendente o occasionale), e questo ha consentito di raggiungere la soglia di 8174 euro.

Stessa cosa anche per gli autonomi, che hanno visto incrementare la soglia da 4.800 euro a 5.500.

No tax area, esempi

Facciamo un esempio pratico, che includa anche le regole legate alla detrazione.

Una famiglia monoreddito, composta da due genitori e due figli. La no tax area è di circa 16.000 euro. Entro quella soglia dunque l’imposta Irpef dovrebbe essere azzerata dalla detrazioni che spettano.

Per i redditi fino a 8.500 euro la detrazione spettante sarà di 1.995 euro.

Sulla stessa cifra (8.500 euro) la detrazione Irpef del 23%  sarà di 1.955 euro, e quindi la tassazione sarà pari a zero.

Le detrazioni calano con l’aumentare del reddito. E quindi per i redditi più alti di 8.500 euro saranno inferiori.

Per i redditi superiori a 8.500 euro e fino a 28.000, le detrazioni si calcolano secondo questa formula:

No tax area, cosa si include o esclude

Come abbiamo visto in base al reddito prodotto ci sono diversi livelli di detrazione.

Le stesse detrazioni sono determinate in funzione al reddito complessivo del contribuente, in considerazione dell’ammontare dei redditi di ogni categoria:

No tax area, cambia con la rivalutazione?

No tax area, detrazioni

Nella no tax area non si considerano nel calcolo complessivo le detrazioni per i familiari a carico, come il coniuge, i figli o altri parenti (articolo 12 e 13 del Tuir). Questi importi assolvono comunque allo stesso compito di altre detrazioni.

E quindi per abbassare l’Irpef lorda nei singoli periodi di paga o anche durante la liquidazione delle imposte con dichiarazione dei redditi.

In pratica così:

Irpef lorda – detrazioni previste dall’articolo 13 del Tuir – detrazioni familiari a carico (articolo 12 del Tuir) = Irpef netta.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp