Maxi bonus bollette, tagli benzina e Iva: tutti gli aiuti

Il dl Aiuti bis approvato il 4 agosto porta con sé diverse novità. Più risorse per taglio alle accise carburante, bonus 200 euro e bonus bollette. Vediamo di cosa si tratta

6' di lettura

Lo scorso 4 agosto il governo dimissionario guidato da Mario Draghi ha approvato il decreto Aiuti bis. Una misura consistente in un pacchetto di bonus sociali e di sostegni per attutire gli effetti dell’inflazione e dei rincari di luce e gas in arrivo con le prossime bollette. Un intervento, in poche parole, che va a sostegno delle famiglie in condizione di disagio. Visti gli aumenti – che si annunciano a doppia cifra per il perdurare di quotazioni alle stelle per il gas che ieri si è attestato poco sotto i 200 euro per megawattora – vediamo cosa riserva il futuro per il bonus bollette. (scopri le ultime notizie su mutui e prestiti. Leggi su Telegram tutte le news sulla finanza personale. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Bonus bollette: le risorse disponibili

Il governo interviene con nuove misure per attutire il caro energia con quasi 8,4 miliardi di euro di risorse sui 17 miliardi di dote complessiva – di cui 14,3 liberati dall’assestamento di bilancio, ai quali si aggiungono altri 2 miliardi fuori da quel perimetro -, alla base del decreto approvato il 4 agosto dal Cdm. Che contiene anche un ulteriore taglio al cuneo contributivo e la rivalutazione delle pensioni.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulla finanza personale, la gestione del credito e dei debiti. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bonus bollette: la stretta sugli extraprofitti

Con il provvedimento arriva, poi, anche una stretta sugli extraprofitti che passerà per un inasprimento delle sanzioni. Mentre, sul fronte del prelievo straordinario per le rinnovabili, si allunga la base temporale di calcolo (da fine anno al 30 giugno 2023) e cambia l’ambito di applicazione, ha chiarito il 4 agosto in conferenza stampa dopo il Cdm, il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani

Si interviene anche a sostegno di imprese e famiglie con quasi 7,3 miliardi di nuovi interventi contro il caro energia, ai quali si affiancano 1,1 miliardi di euro circa per allungare il taglio delle accise sui carburanti al 20 settembre.

Sul sito thewam.net ne abbiamo parlato nel seguente articolo.

Bonus bollette: taglio degli oneri e dell’Iva

Nel pacchetto di norme anti-rincari, figura innanzitutto la replica di due misure (l’azzeramento degli oneri per luce e gas e il taglio dell’Iva sul secondo), che saranno estese anche al quarto trimestre proprio per alleggerire il possibile impatto determinato dall’attesa impennata dei prezzi in arrivo con le prossime fatture.

In termini di coperture, 1,1 miliardi saranno utilizzati per azzerare gli oneri nel settore elettrico per gli ultimi tre mesi dell’anno sia per le famiglie che per le piccole imprese, mentre 1,8 miliardi serviranno per ridimensionare il peso delle voci parafiscali sulla bolletta del gas. Che potrà beneficiare, come nei trimestri precedenti, anche della riduzione dell’Iva al 5% per i consumi civili e industriali (costo: 798,7 milioni). A trarne vantaggio, nel complesso, saranno 30 milioni di utenze domestiche e oltre 6 milioni di piccole aziende, artigiani e commercianti.

Bonus bollette: lo sconto in bolletta

Si potenziano anche i bonus sociali, cioè lo sconto in bolletta per le famiglie in condizioni di disagio economico e fisico. Spetterà all’Arera, una volta fissato il prezzo definitivo di luce e gas, stabilire l’entità degli assegni per minimizzare l’effetto dei rincari per i titolari dell’agevolazione (nel precedente decreto lo stanziamento dell’esecutivo è stato pari a 116 milioni, che si sono aggiunti a 518 milioni di fondi residui).

Bonus bollette: stop ai costi variabili

Per tutelare le famiglie dai riverberi delle bollette, il governo ha poi introdotto altre due misure: in primis, la previsione di un prezzo calmierato del gas – che sarà sempre l’Authority a dover costruire – per i clienti vulnerabili nella fornitura di ultima istanza. E ancora lo stop temporaneo alla possibilità per i venditori di operare modifiche unilaterali dei contratti di luce e gas sul fronte della definizione del prezzo. Una sospensione che, rispetto alle prime bozze del decreto, viene estesa da fine ottobre al 30 aprile 2023.

Bonus bollette: i crediti d’imposta

Insieme agli interventi per i nuclei familiari, il governo ha poi disposto il ritorno dei crediti d’imposta a favore delle imprese per alleggerire la bolletta energetica: in sostanza, vengono estese al terzo trimestre, con le stesse percentuali già previste, le agevolazioni per gasivori ed energivori, ma anche quelle per le aziende che, pur non rientrando in queste categorie, sono gravate da fatture del gas e della luce particolarmente pesanti.

Costo complessivo: 3,37 miliardi. Ai quali si affiancano altri 194,4 milioni per il credito d’imposta a pescatori e agricoltori impattati dal caro-carburanti.

Leggi anche l’approfondimento dedicato.

Bonus bollette: novità sul bonus 200 euro

Come definito dal Decreto Aiuti bis, la misura non sarà prorogata, ma sarà erogata anche ad alcune categorie di lavoratori, che sono stati esclusi finora. L’intervento è stato possibile grazie a nuovi fondi che ammontano a 68 milioni di euro, 38 dei quali destinati ai lavoratori esclusi dalla prima tornata.

Il Bonus 200 euro sarà erogato anche «ai lavoratori con rapporto di lavoro in essere nel mese di luglio 2022 che, fino alla data di entrata in vigore dello scorso Decreto Aiuti, approvato a maggio, non hanno beneficiato dell’esonero contributivo dello 0,8% per almeno una mensilità nel 2022. Una condizione finora necessaria per beneficiare dell’indennità», così recita il testo del dl Aiuti.

I lavoratori che riceveranno il Bonus sono i seguenti:

  • Lavoratori precari;
  • Lavoratrici che erano in maternità;
  • Chi era in regime di Cassa Integrazione a zero ore;
  • Collaboratori sportivi.

Per i lavoratori dipendenti il Bonus 200 euro verrà accreditato in via automatica, tramite i datori di lavori, nella retribuzione erogata nel mese di ottobre 2022.

Per poter ricevere il contributo, bisognerà dichiarare di non averne già beneficiato nei mesi precedenti e di essere stati destinatari di eventi coperti figurativamente dall’Inps, nel primo semestre del 2022.

Se non verrà erogata dai datori di lavoro, l’erogazione sarà compito dell’Inps.

Come proposto dal Ministro del Lavoro Andrea Orlando, sono previste verifiche tecniche per poter allargare ancora di più la platea dei riceventi.
La proposta prevede l’estensione del Bonus anche a dottorandi, assegnisti di ricerca e lavoratori in pensione dal 1° luglio del 2022.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie