Novolegno chiude, rabbia degli operai: “Non lo può fare” VIDEO

2' di lettura

Lo stabilimento della Novolegno  di Avellino chiude, inizia lo sciopero. Ad annunciarlo le sigle sindacali. E la vertenza arriverà presto sul tavolo del Mise (Ministero dello Sviluppo Economico). Una lettera è stata indirizzata anche al Prefetto di Avellino, Maria Tirone, domani è atteso un sito in. Questo è quanto emerso da una riunione molto tesa con gli operai, nello stabilimento di Pianodardine.

Le parole degli operai e del sindaco

Quando siamo arrivati, intorno alle 15, gli operai erano appena entrati all’interno. L’ingresso è interdetto alla stampa. Ma abbiamo potuto ascoltare le urla che provenivano dalla fabbrica.

“Dobbiamo scioperare, scioperare e farci sentire”.

Qualcuno non è d’accordo: va trovata una soluzione efficace e non temporanea. Le sigle sindacali cercano di mettere ordine. Li ascolteremo due ore dopo. Il primo a uscire è il sindaco di Montefredane, Valentino Tropeano.

«E’ una situazione estremamente complessa e delicata. Nessuno si aspettava una notizia come quella di questa mattina: la chiusura di una fabbrica come la Novolegno, uno stabilimento storico. Quello che sta accadendo in Irpinia è come il caso della Pernigotti, bisogna parlarne allo stesso modo. Capisco il malessere e la rabbia dei lavoratori. Ora siamo tutti con loro».

Novolegno chiude: lo stabilimento
Lo stabilimento della Novolegno

A margine è arrivato anche un commento all’eventuale ipotesi della fonderia a Pianodardine: «Sono contrario. Ma perché ci sarebbe tutto un discorso complesso da fare sulla sicurezza degli operai».

La Novolegno chiude: le dichiarazioni dei sindacati

Incontriamo i sindacati all’ingresso dello stabilimento.

Spiega Angelo D’Onofrio, segretario Ugl Costruzioni: «Sono un operaio della Novolegno oltre che un dirigente. La situazione è delicata. Si parla di una perdita di diversi milioni: così l’azienda vuole motivare quanto accade. Ma non ci aspettavamo una situazione simile. Anche perché, per mantenere l’occupazione, avevamo ridotto l’integrativa della metà. Ora partirà lo stato di agitazione»

Drammatica la testimonianza di Giovanni Lo Russo, della Filca Cisl: «La Fantoni non può fare questo ai lavoratori e a questa terra. Non ci può abbandonarci così, senza una spiegazione»

Antonio Di Capua, della Fillea Cgil annuncia: «Inizia lo sciopero. E domani saremo in sit in di fronte alla Prefettura. Abbiamo stilato un documento da consegnare al Prefetto, Maria Tirone. Chiederemo spiegazioni: perché quest’azienda deve chiudere e, invece, lo stabilimento al Nord resta aperto?»

Carmine Piemonte, Feneal Uil, conclude con un appello: «Le istitutzioni si mobilitino in massa. La Il lavoro non è mai mancato in questa fabbrica. facciamo un appello alle istituzioni perché non chiuda un’altra fabbrica in Irpinia».

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie