Nuovo decreto Draghi: il coprifuoco resta alle 22

Nuovo decreto Draghi: il premier ha deciso per la linea rigorista sul coprifuoco ma è stato confermato il calendario delle riaperture fino a luglio. Il coprifuoco potrebbe slittare alle 23 da maggio, sarà importante valutare nel frattempo la curva dei contagi e come procede la campagna di vaccinazione. Ecco cosa cambia.

4' di lettura

Il nuovo decreto Draghi per contenere la diffusione del covid in Italia è stato approvato e non prevede nessuno spostamento del coprifuoco, resta alle 22. Lo ha confermato lo stesso presidente del Consiglio dopo un braccio di ferro con la Lega.

Il Carroccio ha poi deciso di astenersi. Ma è possibile, come abbiamo riferito nei giorni scorsi, che si tratti di una mediazione: è probabile infatti che lo slittamento alle 23 del coprifuoco entri in vigore dal primo maggio.

La questione sul tavolo è stata molto dibattuta.

Da una parte la Lega sostiene che aprire i ristoranti e i cinema ma imporre il ritorno a casa alle 22 non ha molto senso. E sembra una tesi ragionevole.

Dall’altra Draghi, e l’ala più rigorista del governo (in primis il ministro della Salute, Roberto Speranza), che invitano ad avere ancora cautela: sbagliare ora e far risalire i contagi significa pregiudicare l’intera stagione estiva. Meglio, dunque, questo è il ragionamento, essere prudenti ora.

Le due esigenze e l’esempio all’estero

Come al solito contano anche gli esempi.

In Israele durante la vaccinazioni di massa sono stati costretti a imporre un duro lockdown per frenare i contagi, ora in quel Paese è tornata la “normalità”.

Qui trovi notizie su covid, vaccinazioni e ordinanze

In Gran Bretagna si sta riaprendo solo ora, con più del 50% dei cittadini che ha ricevuto almeno una dose di vaccino, e i numeri dei contagi, dei ricoveri e dei morti è notevolmente inferiore a quelli che si registrano oggi in Italia.

In Cile, altra nazione dove si è vaccinato molto, si è riaperto in fretta e ora, nonostante l’immunizzazione diffusa, i contagi sono in crescita e hanno spinto il governo a imporre un nuovo blocco.

Per farla breve, si scontrano due esigenze: far partire subito l’economia o mettere prima in sicurezza il Paese.

Tutte e due le posizioni hanno ragioni valide. Tutte e due scontentano qualcuno.

In Israele è stato necessario il lockdown durante la vaccinazione di massa. Ora nel Paese sono riprese tutte le attività

Riaperture e coprifuoco

Comunque sia, siamo in pandemia da più di un anno, qualche settimana prima o dopo per un’ora di coprifuoco non cambia la vita. Se poi l’idea è di riaprire tutto ma costringere l’Italia a casa dopo le 22 per tutta l’estate, beh, in quel caso il discorso cambia. Ma non sembra sia così.

Il nuovo decreto Draghi, in vigore dal 26 aprile al 31 luglio, contiene anche un calendario di riaperture, in particolare per le Regioni in zona gialla, che consente a molte attività penalizzate durante la crisi di riorganizzarsi proprio in funzione di una ripresa definitiva fissata tra maggio e giugno, alla vigilia imminente della stagione estiva.

Queste sono le principali misure previste nel nuovo decreto Draghi.

Spostamenti tra Regioni

Nel nuovo decreto Draghi è stato confermato lo spostamento libero tra le regioni che sono in fascia gialla. Per andare invece in regioni in zona rossa o arancione per turismo (e quindi non con una delle consuete motivazioni di urgenza, lavoro o salute), sarà necessario il pass, o la certificazione verde, il documento che attesta la vaccinazione completa, la negatività al tampone o la guarigione dall’infezione del covid.

Ristoranti e bar

Per i ristoranti e i bar che sono in zona gialla è prevista la riapertura a pranzo e a cena (all’aperto).

Dal primo giugno sarà possibile andare anche nei ristoranti al chiuso, ma a pranzo.

Visite ad amici e parenti

Dal 26 aprile e fino al 15 giugno, in zona gialla e arancione, si potrà andare a casa di amici o parenti in 4 persone. Prima il limite era di 2, ma con figli minorenni o con persone non autosufficienti conviventi.

Fiere, convegni, congressi, terme

Dal 15 giugno in zona gialla si riparte con le fiere (ma con rigidi protocolli)

Dal primo luglio si potrà partecipare a convegni e congressi. E recarsi nelle terme (dove ora si entra solo con la prescrizione del medico), nei parchi tematici e di divertimento.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie