Nuovo Decreto Draghi. Meno restrizioni a chi vaccina di più

Nuovo Decreto Draghi: Italia in blocco fino al 30 aprile, ma deroghe previste per le Regioni dove la vaccinazione procede con maggiore velocità. Linea dura con il personale sanitario che non vuole vaccinarsi: trasferimento ad altre mansioni o sospensione senza stipendio fino al 31 dicembre. Si ritorna a scuola: ai governatori sarà vietato imporre lo stop alle lezioni in classe per gli stupendenti fino alla prima media.

3' di lettura

Con il nuovo Decreto Draghi l’Italia resta in zona rossa o arancione, in blocco per tutto aprile. Ma saranno premiate le Regioni che riescono a somministrare più vaccini, in quel caso è anche possibile tornare in zona gialla prima del previsto.

Ma non solo, nelle Regioni in zona rossa o arancione il nuovo Decreto Draghi prevede comunque che nel caso si verificasse un significativo calo dei contagi e dei ricoveri, bar e ristoranti possano riaprire.

Saranno i contagi e il numero di vaccinati a determinare le scelte del governo, come è ovvio che sia.

Il nuovo Decreto Draghi, rispetto ai precedenti, lascia intravedere un futuro diverso dalla pandemia, che può essere a portata di mano. Dipende tutto dalla campagna di vaccinazione e dal calo dei contagi.

Dipende da vaccini e dai contagi

Rispetto al lockdown della scorsa primavera il Paese è stanco ed economicamente stremato, ma mentre allora non si intravedeva la fine in fondo al tunnel ora è a portata di mano. E se è vero che in parte dipende dai nostri comportamenti, l’obiettivo si raggiunge soprattutto se governo e regioni avranno la capacità di attrezzare una adeguata campagna di vaccinazione.

Qui trovi notizie su Covid, vaccinazioni e ordinanze

Personale sanitario: obbligo di vaccinarsi

Come previsto il nuovo decreto Draghi ha imposto l’obbligo di vaccinarsi per medici, infermieri e farmacisti. Ma anche lo scudo penale per chi somministra le fiale. Dal 3 maggio ripartono i concorsi pubblici. Ed è stato esplicitamente vietato ai Governatori di Regione di chiudere le scuole fino alla prima media.

La mediazione di Draghi

Draghi è riuscito a mediate tra i rigoristi e gli aperturisti al governo. E la via mediana è anche quella del pragmatismo estremo: dopo Pasqua si valuterà la situazione epidemiologica e lo stato della vaccinazione, poi si deciderà se iniziare a riaprire qualche attività o continuare con il blocco. La situazione attuale non spinge comunque all’ottimismo: ieri 24mila contagi e più di 400 morti. I segnali al momento sono negativi, anche dopo settimane di zona rossa. La variante inglese sembra più difficile da piegare rispetto al ceppo tradizionale.

Medici no vax trasferiti o senza stipendio

La questione più delicata è stata l’imposizione dell’obbligo per tutto il personale sanitario (pubblico e privato) e per i farmacisti. Per il Governo il vaccino è un requisito essenziale, senza non è possibile continuare nella professione. Per chi si rifiuta scatta il trasferimento «ad altre mansioni, anche inferiori, che non implicano rischi di diffusioni del contagio e con un trattamento corrispondente». Se non è possibile scatta la sospensione. Senza stipendio.

Linea dura, dunque. Che continuerà fino al 31 dicembre. I sanitari potranno non vaccinarsi solo per ragioni di salute (ovvio).

Vaccini e norma di garanzia

A favore dei medici, nel nuovo Decreto Draghi, è stata comunque introdotta anche una norma di garanzia: per chi somministra i vaccini non potrà scattare nessuna indagine per omicidio colposo o lesioni personali a causa della iniezione di vaccino. Ma solo quando l’uso del vaccino «è conforme alle regole». Una norma che è stata estesa a tutto il personale sanitario.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie