Nuovo Dpcm: che succede con la crisi di governo?

2' di lettura

Cosa accade in caso di emergenza quando il Governo ha dato le dimissioni. Nuovo DPCM o cambio dei colori delle regioni. Chi comanda ora? C’è un vuoto di potere? Il disbrigo degli affari correnti spetta al Governo dimissionario fino all’insediamento del prossimo. Vediamo perché.

Indice:


Crisi di governo e nuovo DPCM

Dopo le dimissioni del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, avvenute ieri (26 gennaio 2021), la crisi di governo è ufficiale. Ma non si traduce in un vuoto di potere.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha chiarito che il Governo dimissionario si occuperò del “disbrigo degli affari correnti”. Si tratta di quella che gli esperti chiamano “prassi costituzionale”.

Pagella Politica ha cercato di fare chiarezza su questo punto per capire cosa siano e in cosa consistano “gli affari correnti”, un’espressione al centro del dibattito tra costituzionalisti.

In pratica, si fin dagli anni ’80 la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha emesso delle direttive con lo scopo di chiarire il più possibile quali sono i compiti che un Governo dimissionario deve svolgere, pur nella limitatezza dei poteri che gli restano.

Questo passaggio serve a mantenere la continuità istituzionale tra un governo e l’altro. La situazione di emergenza che viviamo da mesi fa ben capire il perché di questa prassi: finché il Governo successivo non è in grado di prendere le redini, quello dimissionario continua in sua vece a svolgere alcune attività impellenti.

Nuovo DPCM: si può fare

Secondo la ricostruzione di Pagella Politica, in base alla direttiva ministeriale del 20 agosto 2019, il Governo dimissionario si occupa delle seguenti questioni:

  • continua l’azione amministrativa. Il Governo può adottare decreti-leggi: “previsti dalla Costituzione «in casi straordinari di necessità e urgenza»”, come quello in cui ci troviamo oggi; (Pagella Politica)

  • adottare DPCM. Anche se questo punto è negato nella direttiva ministeriale del 20 agosto 2019, in casi di emergenza, come quello generato dalla crisi sanitaria, è possibile che sia legittimo;

  • fare nomine, ma solo se per ragioni di “necessità”: “«strettamente necessarie perché vincolate nei tempi da leggi o regolamenti» oppure se dovute a «esigenze funzionali, non procrastinabili oltre i termini di soluzione della crisi»”(Pagella Politica)

  • partecipare al lavoro delle commissioni Parlamentari;

In sintesi, le attività delle commissioni che si occupano del Recovery plan continuano anche con la crisi di governo.

“Nonostante le dimissioni di Conte, dunque, il governo ha comunque alcuni poteri per continuare a gestire la crisi causata dalla Covid-19, seppure con un mandato politico decisamente indebolito”(Pagella Politica)

Infatti, secondo la ricostruzione offerta da Today.it, il Premier può continuare a firmare DPCM e il Ministro della Salute uscente Roberto Speranza continua firmare le ordinanze per cambiare i colori delle regioni.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie