Obbligo assunzione disabili 2021: nuove regole e sanzioni

Obbligo assunzione disabili 2021: nuove regole e sanzioni per chi non rispetta la normativa sui lavoratori dipendenti. Cosa cambia e le novità.

2' di lettura

Obbligo assunzione disabili 2021Andrea Orlando, ministro del Lavoro delle Politiche Sociali, ha firmato due decreti che aggiornano la normativa sull’assunzione obbligatoria di persone affette da disabilità (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Le nuove regole entreranno in vigore dal 1° gennaio del 2022. Gli aggiornamenti riguardano prevalentemente il contributo esonerativo per le imprese e le sanzioni in caso di mancato rispetto della norma.

In questo articolo spiegheremo quali sono le norme sull’obbligo assunzione disabili 2021 e che novità sono state introdotte dai due decreti ministeriali.

Obbligo assunzione disabili 2021, regole e sanzioni

Enti pubblici e aziende private devono rispettare l’obbligo di assumere un determinato numero di disabili se superano alcune soglie di lavoratori dipendenti.

Attualmente, le proporzioni devono rispettare questo schema:

  • 1 lavoratore disabile, se l’azienda occupa da 15 a 35 dipendenti a tempo indeterminato;
  • 2 lavoratori disabili, se l’azienda occupa da 36 a 50 dipendenti a tempo indeterminato;
  • 7% dei lavoratori occupati, se l’azienda occupa più di 50 dipendenti a tempo indeterminato.

Chi non rispetta queste regole dovrà pagare una sanzione decisamente onerosa: 702,43 euro per il mancato adempimento degli obblighi e ben 34,02 euro per ogni giorno di ulteriore ritardo.

Prima dei decreti, che entreranno in vigore nei prossimi giorni, le sanzioni erano rispettivamente di 635,11 euro e 30,76 euro.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Obbligo assunzione disabili 2021, nuovo contributo esonerativo

Enti o imprese che per ragioni proprie non volessero assumere la quota di disabili prevista dovranno pagare alla regione dove esercitano l’attività un contributo esonerativo.

Dal 1° gennaio 2022 il contributo da pagare sarà di 39,12 euro per ogni giorno lavorativo per ciascun lavoratore disabile non occupato.

Insomma, cifre di tutto rispetto. Facciamo un esempio:

Un’impresa con 37 dipendenti a tempo indeterminato, secondo la regola, dovrebbe assumere almeno 2 lavoratori con disabilità. Se non volesse farlo, ipotizzando ci siano 255 giorni lavorativi, dovrebbe versare al Fondo regionale per l’occupazione dei disabili (34,02 euro x 2) x 255 giorni, ossia 17,350 euro.

Obbligo assunzione disabili 2021: nuove regole e sanzioni
Obbligo assunzione disabili 2021: nuove regole e sanzioni

Potrebbero interessarti anche:

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie