Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro / Offerte di lavoro: obbligatorio dichiarare lo stipendio

Offerte di lavoro: obbligatorio dichiarare lo stipendio

Offerte di lavoro: obbligatorio dichiarare lo stipendio nell’annuncio o durante il primo colloquio.

di The Wam

Aprile 2023

Offerte di lavoro: obbligatorio dichiarare lo stipendio, lo ha stabilito il Parlamento Europeo, è stato eliminato il segreto contributivo negli annunci di lavoro. (scopri tutti gli annunci e le offerte di lavoro sempre aggiornati. Ricevi su WhatsApp e sul canale Telegram la rassegna stampa con le ultime novità sui concorsi e sul mondo del lavoro. Prova il nostro tool online per la ricerca di lavoro in ogni parte d’Italia. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.                      

Lo stipendio dovrà essere dunque comunicato. Il contrario di come spesso avviene ora. Basta dare uno sguardo su Linkedin, dove le offerte di lavoro non sono quasi mai seguite anche dalla contribuzione che viene proposta agli eventuali candidati.

Scopri la pagina dedicata alle offerte di lavoro e ai diritti dei lavoratori.

Non sarà più così: lo stipendio dovrà essere dichiarato già nell’annuncio o comunque durante il primo colloquio di lavoro. O meglio, l’articolo 5 della direttiva impone di indicare sia il livello retributivo iniziale sia la Ral, la retribuzione annuale lorda. In pratica: non deve essere il candidato a richiedere l’informazione.

La norma è stata inserita nella direttiva che dispone la parità salariale e la trasparenza. È stata approvata dal Parlamento dell’Unione Europa, ora i Paesi membri avranno tre anni di tempo per introdurre questa norma nel diritto nazionale.

Su questo argomento puoi leggere un post che spiega gli obblighi e di diritti per chi lavora da casa; c’è un post che spiega come trovare lavoro tramite agenzie: quali sono e cosa fanno; e infine c’è un post lavoro occasione per pensionati: regole, divieti, esempi.

Offerte di lavoro: disuguaglianza

Gli interventi sulla trasparenza retributiva sono stati decisi dall’Unione Europea anche sulla base di uno studio Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), per ridurre in modo consistente il divario salariale.

Il provvedimento rende un po’ più semplice l’obiettivo perché sono subite rese chiare ai dipendenti sia la presenza, sia l’entità di un eventuale divario di genere.

Bisogna ricordare che la parità salariale è sancita dai trattati europei, eppure la sua applicazione è a dir poco molto limitata. Basta un dato: le cittadine europee guadagnano in media il 13 per cento in meno all’ora rispetto ai colleghi maschi (a parità di mansione).

Aggiungiti al gruppo WhatsApp e al canale Telegram di news sul lavoro ed entra nella community di TheWam per ricevere tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Offerte di lavoro: colloqui

Con questa nuova normativa ogni azienda che ha più di 100 dipendenti dovrà correggere delle disparità salariali, se ci sono, ogni volta che si supera il 5 per cento e non c’è una adeguata e credibile giustificazione.

Ma non solo. Sarà consentito a lavoratori e lavoratrici la possibilità di accedere

ai dati aggregati per genere sulle retribuzioni. In questo modo si potranno anche conoscere i criteri che hanno imposto eventuali aumenti di stipendi: dovranno sempre essere neutrali rispetto al genere.

Il segreto contributivo, come accennato, smetterà di esistere: le aziende avranno l’obbligo di segnalare la retribuzione prevista per la specifica posizione lavorativa. E comunque l’informazione dovrà essere fornita al candidato almeno nel primo colloquio.

Non è tutto. Sia l’addetto alle risorse, sia il datore di lavoro, non potranno chiedere notizie sulle precedenti retribuzioni dei candidati. Questo divieto consentirà di evitare che la storia salariale di un lavoratore possa influire sull’offerta.

Per l’Unione Europea questa legislazione rappresenta il primo passo per colmare il divario retributivo di genere.

Offerte di lavoro: risarcimenti e sanzioni

Gli Stati membri dell’Unione Europea dovranno anche prevedere delle sanzioni che siano efficaci, proporzionate e dissuasive nei confronti di chi non rispetta la normativa Ue. Saranno dunque applicate delle multe per i datori di lavoro che violano la legge.

I lavoratori e le lavoratrici avranno anche il diritto di ricevere un risarcimento dalle aziende che si rifiutano di rispettare le misure sulla trasparenza e la parità salariale.

Verranno considerati un aggravante:

Offerte di lavoro: voto trasversale

La normativa è stata votata in modo trasversale dai parlamentari europei. Ovvero hanno votato a favore gli eurodeputati progressisti di sinistra (Socialisti e Democratici) e i componenti della destra liberale e moderata (Partito Popolare Europeo). In tutto sono stati in 427 a dare sostegno alla direttiva (gli astenuti sono stati 76 e i contrari 79).

Hanno votato contro la proposta o si sono astenuti molti parlamentari europei di destra o estrema destra. Tra loro anche sei deputati italiani, due di Forza Italia e quattro di Fratelli d’Italia.

A questo punto, manca solo il via libera del Consiglio: dovrà accogliere in modo formale il testo che è stato approvato dalla mini plenaria di Bruxelles.

Dopo che il testo sarà entrato nella Gazzetta Ufficiale i Paesi membri avranno non più di 3 anni di tempo per recepirlo (in teoria basterebbe molto meno, anche qualche mese).

Offerte di lavoro: obbligatorio dichiarare lo stipendio
Nella foto la conclusione di un colloquio di lavoro

Offerte di lavoro: conclusione

Dunque, la nuova direttiva introduce novità che possono essere sintetizzate in questi quattro punti:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp