Omicidio Luana. L’amante assassino ha incontrato il marito della donna

Troppe contraddizioni nel racconto fornito agli inquirenti di Nocera Inferiore dell'indagato Nicola Del Sorbo, 34 anni, di Angri. L'omicida reo confesso. Non convince il movente («Lei voleva che lasciassi mia moglie»), né la dinamica dell'omicidio. Ci sarebbe stato anche un incontro tra l'assassino e il marito della vittima.

2' di lettura

Sull’omicidio di Luana Rainone, trovata morta in un pozzo dopo essere scomparsa improvvisamente da casa nel luglio scorso, pesano ancora molti dubbi, nonostante il suo presunto assassino, Nicola Del Sorbo, 34 anni, di Angri, abbia confessato agli inquirenti della procura di Nocera Inferiore di essere l’autore del delitto.

Sulla sua pagina Facebook, Nicola Del Sorbo ha continuato a pubblicare foto e video dopo la morte di Luana Rainone, come nulla fosse successo. Sotto a molti post i commenti di decine di persone subito dopo l’arresto. Potete immaginare il contenuto.

Un racconto con troppe contraddizioni

Nella sua versione sono troppe le contraddizioni, come se volesse nascondere qualcosa, forse sul movente o sulla dinamica dell’assassinio. Nella sua versione sarebbe stato un omicidio d’impeto, quindi non premeditato.

L’incontro con il marito della sua presunta amante

Lui, padre di sette figli, ha raccontato di aver avuto una relazione con Luana Rainone. E di aver perso la testa quando la donna ha preteso che lasciasse la moglie per vivere con lei, sposata a sua volta e madre di una bambina di otto anni. La discussione tra i due sarebbe degenerata, lei ha lanciato contro il presunto amante il telefonino e l’indagato avrebbe perso la testa accoltellandola.

Nicola Del Sorbo ha anche raccontato agli inquirenti di aver incontrato il marito della vittima qualche giorno dopo la scomparsa di Luana. A lui avrebbe detto di non sapere dove fosse andata la moglie. La 31enne era già morta.

Un movente che non convince

Non convince del tutto il movente del delitto. E – rispetto alla versione dell’indagato – anche quella brutale reazione non avrebbe una piena giustificazione.

In tanto il gip ha respinto la richiesta di revoca della misura cautelare in carcere per Del Sorbo, che resta recluso in carcere. Nei suoi confronti l’ipotesi di reato è di omicidio volontario e occultamento di cadavere.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie