Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni / Opzione donna 2023, si parte: come capire se ne ho diritto

Opzione donna 2023, si parte: come capire se ne ho diritto

Requisiti per Opzione Donna 2023: quali sono, cosa cambia rispetto al 2022 e come presentare domanda?

di Carmine Roca

Febbraio 2023

Quali sono i requisiti per Opzione Donna 2023? Ecco cosa cambia rispetto all’anno scorso e come fare domanda (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Requisiti per Opzione Donna 2023: quali sono?

Opzione Donna è stata confermata anche per il 2023: è possibile inoltrare domanda all’INPS.

Ma con l’ultima legge di bilancio si è proceduto a modificare buona parte della struttura originaria della misura previdenziale anticipata riservata alle donne lavoratrici.

Quali sono i requisiti per Opzione Donna 2023?

Inoltre è obbligatorio appartenere a una delle seguenti categorie:

Scopri la pagina dedicata all’opportunità di Opzione Donna per andare in pensione anticipata. Per qualsiasi dubbio o domanda sulle pensioni scrivici nel nostro gruppo Telegram.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Requisiti per Opzione Donna 2023: differenze e critiche

Rispetto alla misura in vigore fino al 2022 sono notevoli le modifiche apportate dal Governo Meloni.

Fino all’anno scorso l’unica distinzione era tra le lavoratrici dipendenti e le lavoratrici autonome: le prime potevano accedere a Opzione Donna a 58 anni, le seconde a 59 anni.

È stato (purtroppo) confermato il ricalcolo dell’assegno con le regole del sistema contributivo, anche se i contributi sono stati versati prima del 1996.

Significa che, chi accede a Opzione Donna vedrà il suo assegno tagliato di circa il 30% rispetto a un importo calcolato con il sistema misto.

Le modifiche hanno generato una fortissima riduzione della platea di potenziali beneficiarie: dalle 23mila del 2022 alle circa 3.000 previste nel 2023.

Da qui l’ondata di polemiche e di contestazioni mosse dalle associazioni e dai Sindacati. Il Governo, in primis il Ministro Calderone, aveva promesso un confronto, mai programmato.

Si era anche ipotizzato un passo indietro dell’esecutivo Meloni e una proroga di 6-8 mesi con i vecchi requisiti, ma anche la revisione è slittata a data da destinarsi.

Ricordiamo, però, che chi ha maturato i requisiti (58-59 anni di età e 35 anni di contributi) entro il 31 dicembre 2022, può accedere alla “vecchia” Opzione Donna.

Requisiti per Opzione Donna 2023
Requisiti per Opzione Donna 2023: nella foto una donna lavora al computer.

Requisiti per Opzione Donna 2023: come fare domanda?

Una volta visti quali sono i requisiti per Opzione Donna 2023, vi annunciamo che è possibile presentare domanda per questo tipo di pensione anticipata. Da quest’anno il sistema di gestione delle domande è stato implementato e semplificato.

Sul suo sito, l’INPS ha attivato l’opzione “pensione anticipata Opzione Donna legge di bilancio 2023”.

Per presentare domanda è consigliato farsi assistere da un patronato o da un intermediario riconosciuto dall’INPS. Nella domanda va indicato il profilo di tutela a cui si appartiene (aziende in crisi, caregiver o invalide).

La richiesta può essere inoltrata:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp