Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico » Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Assegno Unico su Rdc agosto 2023: lo riceverò ancora?

Assegno Unico su Rdc agosto 2023: lo riceverò ancora?

Scopri cosa succederà ai pagamenti dell'Assegno Unico sul Reddito di cittadinanza ad agosto 2023.

di The Wam

Luglio 2023

L’Assegno Unico sul Reddito di cittadinanza sarà pagato ancora ad agosto 2023? Cosa succederà a chi ha terminato la settima ricarica del Rdc a luglio 2023 e rientra fra le persone definite “occupabili”? Ne parliamo in questo articolo.(scopri le ultime notizie sull’Assegno Unico e sui bonus attivi in Italia. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Assegno Unico sul Reddito di cittadinanza agosto: sarà pagato ancora?

Il pagamento dell’Assegno Unico sul Reddito di cittadinanza arriverà fra il 28 e il 31 agosto 2023 ed è riferito alla mensilità di luglio 2023.

Chi rientra fra i non occupabili, gli occupabili che non hanno terminato sette rate del Rdc nel 2023 e quelli che sono stati presi in carico dai servizi sociali, riceveranno l’accredito dell’assegno per i figli sulla carta del Reddito di cittadinanza.

Gli occupabili che, invece, hanno terminato le sette rate del Reddito di cittadinanza a luglio 2023, si chiedono se percepiranno l’Assegno Unico sulla carta Rdc.

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

L’INPS ha spiegato che la domanda andrà presentata entro il 31 luglio 2023.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Differenze fra occupabili e non occupabili

Questa tabella mostra le differenze fra i beneficiari del Rdc definiti occupabili e quelli non occupabili.

Nuclei “non occupabili” ai fini del Rdc (12 mesi di sussidio nel 2023)Nuclei “occupabili” ai fini del Rdc (7 mesi di sussidio nel 2023)
famiglie un minorenne all’interno (meno di 18 anni)nuclei composti esclusivamente da persone tra 18 e 59 anni e senza minorenni o persone con disabilità ai fini ISEE a carico. Queste famiglie non sono state neppure prese in carico dai servizi sociali.
famiglie con almeno una persona disabile ai fini ISEE 
famiglie con una persona che ha almeno 60 anni di età 
famiglie prese in carico dai servizi sociali prima che scadessero i sette mesi di Rdc nel 2023. Soglia di fruizione del sussidio fissata per i nuclei familiari occupabili. 
Differenza tra nuclei familiari occupabili e non occupabili ai fini del Reddito di cittadinanza

Date Assegno Unico luglio 2023: quando viene pagato?

Quando sarà pagato l’Assegno Unico di luglio 2023? La ricarica arriverà il 31 luglio 2023 o il 1° agosto 2023 per chi vede una di queste date sul fascicolo previdenziale.

Come controllare i pagamenti dell’Assegno Unico

Come controllare i pagamenti dell’Assegno Unico? Si deve accedere al fascicolo previdenziale con SPID, CIE, CNS, quindi alla sezione “Prestazioni” e “Pagamenti“, individuando l’area dedicata all’Assegno Unico.

Cosa-cambia-con-lAssegno-Unico-di-luglio-2023-fascicolo
Il fascicolo previdenziale sul sito dell’INPS.

Importo Assegno Unico: come calcolarlo

Il calcolo dell’importo dell’Assegno Unico cambia da beneficiario a beneficiario poiché è influenzato da diversi fattori:

Tabella Assegno Unico 2023 con fasce ISEE e importi

La tabella degli importi dell’Assegno Universale 2023 consente di calcolare l’importo del sussidio. Clicca sul pulsante “Download” per scaricarla.

Maggiorazioni Assegno Unico 2023: quali sono e a chi spettano

Ecco le maggiorazioni erogate sull’Assegno Unico:

Assegno Unico luglio 2023, aumenti in arrivo?

Non saranno pagati aumenti sull’Assegno Unico di luglio 2023.

FAQ sull’Assegno Unico

A chi spetta l’Assegno Unico?

L’Assegno Unico spetta a chi ha figli dai 7 mesi di gravidanza e fino ai 18 anni di età e fino ai 21 anni per figli maggiorenni che rientrano in una di queste categorie:

L’assegno viene erogato ai figli con disabilità senza limiti di età, quindi anche per quelli che hanno compiuto 21 anni.

Fra i beneficiari rientrano lavoratori privati, lavoratori dipendenti e disoccupati con figli fiscalmente a carico che rispettano i requisiti appena citati.

Come ottenere gli arretrati dell’Assegno Unico?

L’Assegno Unico va richiesto entro il 30 giugno per avere diritto agli arretrati.

Come funziona l’Assegno Unico INPS per figli maggiorenni?

L’Assegno Unico viene pagato ai figli dai 18 a 21 anni a patto che:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp