Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico / Assegno Unico su Rdc: primi pagamenti, ma tanti in attesa

Assegno Unico su Rdc: primi pagamenti, ma tanti in attesa

Dopo la ricarica del Reddito di cittadinanza, ecco i primi pagamenti dell’Assegno Unico su Rdc a febbraio 2023.

di Chiara Del Monaco

Marzo 2023

Ieri sono stati segnalati i primi accrediti dell’Assegno Unico su Rdc a febbraio 2023, ma sono ancora molti i cittadini in attesa dell’importo spettante. In questo approfondimento vediamo tutti i dettagli (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno Unico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Dopo la ricarica ordinaria del Reddito di cittadinanza, partita lo scorso lunedì, sono iniziati anche i primi accrediti dell’integrazione dell’Assegno Unico sulla carta Rdc per le famiglie con figli a carico. In particolare, alcuni utenti hanno segnalato il pagamento arrivato ieri, 28 febbraio 2023.

Anche se nei prossimi giorni saranno sicuramente erogati gli importi per altri cittadini, sono comunque tanti quelli che aspettano l’Assegno Unico su Rdc a febbraio 2023.

Ricordiamo che le date di accredito cambiano da persona a persona e vanno controllate periodicamente sul fascicolo previdenziale del cittadino, area riservata del sito INPS, accessibile tramite le credenziali digitali SPID, CIE o CNS.

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Nei prossimi paragrafi, vediamo chi ha ricevuto i primi pagamenti e quante persone invece sono in attesa.

Indice

Assegno Unico su Rdc a febbraio 2023: i primi pagamenti

Nella giornata di ieri, martedì 28 febbraio 2023, sono arrivati i primi importi dell’Assegno Unico su Rdc a febbraio 2023, destinati alle famiglie percettrici di Rdc con figli fiscalmente a carico.

Questa notizia è stata condivisa dal gruppo Facebook “ASSEGNO UNIVERSALE 👪RDC 💶 BONUS INPS” attraverso l’immagine qui sotto.

Assegno Unico su rdc a febbraio 2023: screen di pagamento dell'Assegno.
Assegno Unico su rdc a febbraio 2023: screen di pagamento dell’Assegno.

Come si può notare dallo screen condiviso da un utente su Facebook, ieri è arrivato il pagamento dell’Assegno Unico su Rdc. In particolare, possiamo notare che dall’importo spettante, valutato in base alla rivalutazione, viene sottratta la somma di 131,08 euro.

Questo si deve al fatto che l’importo dell’Assegno Unico sulla carta Rdc si calcola considerando la quota base prevista dalla legge (in questo caso la cifra massima di 189,20 euro) e si sottrae la quota minori Rdc che tiene conto della scala di equivalenza del nucleo familiare. In questo caso, la quota minori equivale a 131,08 euro.

Inoltre, ricordiamo che gli accrediti dell’Assegno su Rdc di febbraio fanno riferimento a gennaio 2023, mentre quelli riferiti a febbraio saranno erogati a fine marzo 2023.

Scopri la pagina dedicata all’Assegno unico per conoscere altri diritti e agevolazioni.

Nel video di seguito spieghiamo come informarsi su Assegno Unico e Reddito di cittadinanza.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno Unico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Assegno Unico su Rdc a febbraio 2023: chi è in attesa e cosa fare

Nel paragrafo precedente abbiamo informato i lettori che ieri 28 febbraio sono cominciati i primi accrediti dell’Assegno Unico su Rdc a febbraio 2023 riferiti al mese di gennaio. Gli importi arrivati, e quelli che arriveranno nei prossimi giorni, tengono conto dell’aumento dell’Assegno Unico dovuto alla rivalutazione dell’8,1%.

Anche se questa è certamente un’ottima notizia, ci sono ancora diversi cittadini che non vedono la disposizione di pagamento sul fascicolo previdenziale del cittadino e aspettano di saperne di più dall’INPS.

A questi, si aggiungono i nuclei percettori di Rdc che a febbraio attendevano con impazienza il conguaglio per ricevere gli arretrati dei mesi scorsi, ma non hanno avuto nessuna notizia in merito. A tale proposito, in assenza di comunicazioni dall’INPS, è evidente che il conguaglio sarà effettuato nel mese di marzo.

Ad attenderlo sono soprattutto i cittadini che hanno compilato il modulo Rdc Com Au e devono ricevere intere mensilità arretrate o una parte di esse. Tuttavia, i maxi arretrati previsti a marzo riguardano anche altre categorie di beneficiari.

In ogni caso, per avere spiegazioni sul mancato pagamento dell’Assegno Unico su Rdc, consigliamo di contattare l’INPS direttamente. Per farlo, è possibile utilizzare uno di questi metodi:

Nel frattempo, scopri chi deve presentare la domanda dell’Assegno Unico nel 2023 e di quanto aumentano gli importi con le maggiorazioni. Leggi anche quanto costa non rinnovare l’ISEE per l’Assegno Unico 2023 e l’elenco delle novità dell’Assegno Unico 2023 in breve.

Assegno Unico su Rdc a febbraio 2023: in foto, una famiglia sorridente.

Assegno Unico su Rdc a febbraio 2023: come controllare gli accrediti

Visto che in questi giorni, e soprattutto nel mese appena iniziato, sono previsti diversi pagamenti dell’Assegno Unico su Rdc ma anche su domanda, è importante controllare le disposizioni di pagamento sul proprio fascicolo previdenziale. Solo in questo modo, infatti, è possibile sapere con certezza quando arriverà il pagamento e quale sarà l’importo.

Per questo motivo, abbiamo pensato di fare un breve riepilogo della procedura per monitorare i pagamenti dell’Assegno Unico sul fascicolo previdenziale. In particolare, per accedere a questa pagina bisogna autenticarsi nell’area riservata del sito INPS con le credenziali SPID, CIE o CNS.

Poi, dopo aver cliccato sul fascicolo previdenziale del cittadino, bisogna andare sul menu e selezionare la voce Prestazioni e poi Pagamenti. A questo punto, si deve cliccare sull’anno di riferimento e sulla prestazione interessata.

Chi non ha dimestichezza con il computer, invece, può sempre rivolgersi a un CAF o Patronato oppure affidarsi al Contact Center dell’INPS.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp