Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Bonus 150 euro oggi: per chi e nuove date di pagamento

Bonus 150 euro oggi: per chi e nuove date di pagamento

Ecco quali sono le prossime date di pagamento del bonus 150 euro a febbraio 2023. Scopri i prossimi accrediti.

di The Wam

Febbraio 2023

Oggi, 20 febbraio 2023, è previsto il pagamento del bonus 150 euro. Vediamo per chi lo riceverà e quali sono le prossime date di accredito a febbraio 2023.

(scopri le ultime notizie sul bonus 150 euro e poi leggi su Telegramtutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Bonus 150 euro dal 20 febbraio 2023: ecco per chi

Il pagamento del bonus 150 euro arriverà oggi, lunedì 20 febbraio 2023, per chi ha percepito la disoccupazione agricola 2021 o per chi era in disoccupazione (Naspi o Dis-Coll) a novembre 2022 e vede la data di oggi sul sul fascicolo previdenziale del cittadino, area riservata del sito INPS.

I giorni di pagamento del contributo economico vanno controllati sul portale dell’istituto, accedendo con:

L’INPS ha disposto due date di pagamento del bonus 150 euro: si tratta di giovedì 23 febbraio 2023 e lunedì 27 febbraio 2023.

Anche in questi casi gli accrediti sono riservati per chi era in Naspi a novembre 2022 o per chi ha percepito la disoccupazione agricola con competenza 2021.

screen-pagamento-bonus-150-euro-23-febbraio-2023
Screen di pagamento del bonus 150 euro previsto sulla disoccupazione agricola il 23 febbraio 2023.

Chi riceve il bonus 150 euro a febbraio 2023 in automatico

La circolare INPS n.127 del 16 novembre 2022 chiarisce come il pagamento automatico del bonus 150 euro spetti a febbraio 2023 per queste categorie:

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Chi riceve il bonus 150 euro a febbraio 2023 dopo la domanda

Fra le categorie di cittadini che dovevano presentare domanda entro il 31 gennaio 2023, per ricevere il bonus 150 euro, ci sono:

pagamenti-bonus-150-euro-20-febbraio-2023-e-nuove-date
L’INPS ha disposto un pagamento del bonus 150 euro per il 20 febbraio 2023.

Come si doveva richiedere il bonus 150 euro entro il 31 gennaio 2023?

La domanda per i 150 euro doveva essere presentata entro il 31 gennaio 2023, attraverso il servizio online Indennità una tantum 150 euro – Domanda, accessibile anche dal Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche.

Il servizio è accessibile con le proprie credenziali (SPID, CNS o CIE), scegliendo la categoria di appartenenza per la quale fare domanda.

Il contributo economico può essere richiesto anche attraverso:

Chi ha ricevuto il bonus 150 euro a novembre 2022 in automatico

Il pagamento del bonus 150 euro era previsto in automatico a novembre per:

Non tutte queste categorie di cittadini hanno ricevuto il pagamento e ora aspettano che l’INPS pubblichi le date delle ricariche.

Quante volte viene pagato il bonus 150 euro?

Il contributo economico da 150 euro viene pagato una sola volta.

Sono, perciò, esclusi dal pagamento del bonus 150 euro a febbraio 2023, i cittadini che lo hanno già ricevuto:

Chi dovrà restituire il bonus 150 euro?

I pensionati e i lavoratori dipendenti che hanno percepito “per errore” il bonus 150 euro dovranno restituire il contributo economico.

I pensionati che hanno ricevuto il bonus da 150 euro, dovevano tenersi sotto la soglia di reddito da 20mila euro riferita al 2021.

Adesso l’INPS effettuerà i controlli e recupererà i soldi non dovuti a chi non soddisfava i requisiti. L’istituto lo farà applicando delle trattenute sulla pensione.

I lavoratori dipendenti, invece, per ricevere il bonus 200 euro e i 150 euro, dovevano auto-certificare di non aver percepito l’indennità una tantum e di non ricevere il reddito di cittadinanza.

Anche chi ha richiesto il bonus 200 euro più volte, per aver stipulato più rapporti di lavoro, dovrà restituire le somme non dovute.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp