Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Bonus 150 euro oggi 30 marzo 2023, chi deve aspettare ancora

Bonus 150 euro oggi 30 marzo 2023, chi deve aspettare ancora

Ecco a chi spetta il prossimo pagamento del Bonus 150 euro a marzo 2023 e chi dovrà attendere ancora per percepirlo.

di The Wam

Marzo 2023

Un nuovo pagamento del Bonus 150 euro sta per essere erogato a marzo 2023. In questo approfondimento capiremo a chi spetta (scopri le ultime notizie sul bonus 150 euro e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

La circolare INPS n. 127/2022 aveva previsto la conclusione dei pagamenti del Bonus 150 euro a febbraio 2023. In realtà, molti potenziali beneficiari del bonus, stanno ancora aspettando che l’INPS comunichi le date dei pagamenti.

In questo approfondimento, ci occuperemo di una ricarica destinata a chi ha diritto all’indennità una tantum in automatico. Faremo anche il punto sulle prossime date di pagamento.

I giorni di accredito, comunque, vanno controllati sul fascicolo previdenziale del cittadino, area riservata del sito INPS, accessibile tramite le credenziali digitali SPID, CIE o CNS.

Indice

Pagamenti del Bonus 150 euro dal 30 marzo 2023

Il prossimo pagamento del bonus 150 euro è previsto oggi, martedì 30 marzo 2023, per chi vede questa data sul fascicolo previdenziale. Si tratta di ha ricevuto i Bonus Covid da 2.400 euro (D.L. 41/2021) e 1.600 euro (D.L. 73/2021) e doveva ancora percepire i 150 euro.

Queste categorie di cittadini, così come chi era in Naspi o Dis-Coll a novembre 2022 oppure chi ha percepito la disoccupazione agricola con competenza 2021, aveva diritto d’ufficio (in automatico) al pagamento dei 150 euro.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili..

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Pagamenti del Bonus 150 euro a marzo 2023: gli accrediti del mese

Il pagamento di oggi, 31 marzo 2023, relativo all’erogazione del Bonus 150 euro per chi ha percepito i “Bonus Covid”, non è l’unico disposto dall’INPS nell’ultimo mese.

Nelle scorse settimane, infatti, abbiamo raccontato delle altre disposizioni di accredito da parte dell’INPS.

Nello specifico, i pagamenti del Bonus 150 euro a marzo 2023 si sono verificati in queste date:

Questi pagamenti erano destinati ai titolari di disoccupazione agricola di competenza del 2021 e au cittadini che a novembre 2022 risultavano titolati di disoccupazione Naspi, Dis-Coll o mobilità in deroga.

Purtroppo, come ricordavamo a inizio articolo, ci sono ancora diversi cittadini in attesa dei 150 e 200 euro. Per esempio i percettori di Reddito di cittadinanza che dovevano ricevere le indennità.

L’INPS dovrà poi disporre i pagamenti dei 150 euro anche per chi ne ha fatto domanda sul portale online. Nel prossimo paragrafo vedremo, in dettaglio, di chi si tratta.

Nel frattempo, scopri chi rischia di restituire il Bonus 150 euro.

pagamenti-bonus-150-euro-30-marzo-2023
Mano e banconote del Bonus 150 euro in pagamento dal 30 marzo 2023.

Pagamenti del Bonus 150 euro a marzo 2023: chi altro deve riceverlo

Entro la fine di marzo 2023 e l’inizio di aprile, l’INPS dovrebbe completare i pagamenti del Bonus 150 euro che erano attesi in automatico.

Terminati questi accrediti, toccherà al pagamento destinato a chi ha fatto domanda dei 150 euro all’INPS entro il 31 gennaio 2023. Si tratta in particolare di queste categorie di cittadini:

A marzo 2023 l’INPS ha annunciato l’apertura della piattaforma per richiedere i Bonus 150 euro e 200 euro entro il 30 aprile 2023.

La possibilità di fare domanda è stata estesa ai lavoratori autonomi e liberi professionisti privi di Partita Iva, che in un primo momento sono stati esclusi dai Decreti Aiuti e Aiuti ter. Si tratta di una platea di circa 80mila persona, tra cui emergono circa 30mila specializzandi in Medicina e Chirurgia.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp