Home / Disoccupazione / Naspi da oggi 13 marzo. Bonus 150 euro? Tutto tace

Naspi da oggi 13 marzo. Bonus 150 euro? Tutto tace

Scopri le ultime notizie sui pagamenti della Naspi e del bonus 150 euro per disoccupati a marzo 2023.

La redazione di thewam.net è composta da giornalisti e copywriter esperti in welfare, fisco, lavoro e disabilità.
Conoscici meglio

4' di lettura

Quando viene pagata la Naspi di marzo 2023? Oggi, 13 marzo 2023, è previsto un accredito. Facciamo il punto sulle date della disoccupazione e sull’integrazione garantita dal bonus 150 euro (scopri tutti gli annunci e le offerte di lavoro sempre aggiornatiRicevi su Telegram la rassegna stampa con le ultime novità sui concorsi e sul mondo del lavoro. Prova il nostro tool online per la ricerca di lavoro in ogni parte d’Italia. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Quando arriva la Naspi di marzo 2023?

Il pagamento della Naspi arriverà oggi, lunedì 13 marzo 2023, per chi vede questa data sul fascicolo previdenziale del cittadino.

L’INPS elaborerà altri pagamenti nelle prossime settimane. Le date cambiano da persona a persona. Nei prossimi paragrafi spiegheremo come controllarle.

Aggiungiti al canale Telegram di news sul lavoro ed entra nella community di TheWam per ricevere tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quando arriva il bonus 150 euro sulla Naspi?

Il pagamento del bonus 150 euro sulla disoccupazione è stato erogato in queste date:

Altre elaborazioni si attendono nel corso di marzo 2023 per chi era in Naspi a novembre 2022 e deve ancora ricevere l’accredito dei 150 euro.

pagamenti-naspi-13-marzo-2023-bonus-150-euro
Donna sorridente con carta felice per il pagamento della Naspi del 13 marzo 2023.

Come controllare il pagamento della Naspi?

Le date di pagamento dell’indennità di disoccupazione si controllano sul sito dell’inps.it, utilizzando il “fascicolo previdenziale del cittadino”, accessibile con le proprie credenziali personali:

  • SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale);
  • CIE (Carta di identità elettronica);
  • CNS (Carta Nazionale dei Servizi).

Dalla sezione relativa alla disoccupazione, bisogna cliccare su “Pagamento in corso”.

Cos’è la Naspi e a chi spetta?

La Nuova assicurazione sociale per l’impiego è una indennità di disoccupazione introdotta dall’articolo 1, decreto legislativo del 4 marzo 2015, n.22 per sostituire l’ASpI e la MiniASpI.

Il pagamento spetta a queste categorie di cittadini:

  • apprendisti;
  • personale artistico con rapporto di lavoro subordinato;
  • dipendenti a tempo determinato che lavorano per le pubbliche amministrazioni;
  • soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato con le stesse cooperative;
  • dal 1° gennaio 2022 la prestazione viene estesa anche agli operai agricoli a tempo indeterminato.

Come richiedere la Naspi?

La domanda per ottenere la prestazione economica si presenta attraverso il servizio online dell’indennità di disoccupazione disponibile sul portale dell’Inps.

I cittadini possono svolgere la procedura da soli o delegarla a un Caf (Centro di Assistenza Fiscale).

Approfondisci come inoltrare la domanda per ottenere l’indennità e quali sono i tempi necessari per ricevere la prestazione.

Come calcolare l’importo della Naspi?

L’importo della disoccupazione cambia ogni anno, rispetto al costo della vita, calcolato con gli indici ISTAT.

L’INPS comunica la somma con una circolare. La cifra dell’indennità di disoccupazione corrisponde al 75% della retribuzione media mensile imponibile (tassabile) ai fini previdenziali (per la pensione) negli ultimi quattro anno.

L’importo di riferimento per il 2023 è di 1352,19 euro lordi.

Formule per il calcolo della Naspi

La somma si riduce del 3% ogni mese e la riduzione viene si applica con questo schema:

  • del 3% al mese dopo 3 mesi di lavori conclusi, per cessazione involontaria del rapporto di lavoro, entro il 31 dicembre 2021;
  • per gli under 55%, del 3% dopo 5 mesi per lavori conclusi a partire dal 1° gennaio 2022;
  • per gli over 55%, del 3% al mese dopo 7 mesi, per i rapporti lavorativi che si sono verificati a partire dal 1° gennaio 2022.

Per ottenere l’importo della disoccupazione, si deve dividere la retribuzione media degli ultimi quattro anni di lavoro per il numero di settimane di contributi versati e moltiplicare il risultato per un coefficiente fisso (4,33).

Se la somma è più bassa di 1352,19 euro (nel 2023), la disoccupazione è uguale al 75% (i 3 quarti) della retribuzione media mensile degli ultimi quattro anni.

Se la somma è superiore, va sommato al 75% il 25% della differenza tra la retribuzione mensile e 1250,87 euro.

Come richiedere la Naspi in anticipo?

L’anticipo della Naspi viene erogato su richiesta da chi avvia un’attività in proprio, dopo aver aperto la Partita Iva. Il cittadino richiede le mensilità di disoccupazione alle quali ha diritto, specificando il numero di partita iva e il tipo di attività.

Leggi tutte le ultime notizie sull’indennità di disoccupazione. Di seguito trovi la lista degli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie