Pagamenti reddito di emergenza: esito positivo. Ma i soldi?

Pagamenti reddito di emergenza luglio 2021: quando arrivano? Ci sono le date dell'esito, ma i soldi? Scopri cosa succede.

4' di lettura

Pagamenti reddito di emergenza luglio 2021: perché non arrivano ancora? Tanti beneficiari visualizzano la data con l’esito o la pubblicazione del pagamento, ma non hanno ricevuto ancora i soldi. Vediamo perché. (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

INDICE

Pagamenti reddito di emergenza luglio 2021: quando arrivano?

I pagamenti del reddito di emergenza sono stati sbloccati la scorsa settimana per molti beneficiari. In tanti, infatti, hanno visualizzato la pubblicazione dell’esito o la data di trasmissione del pagamento sul fascicolo previdenziale del cittadino INPS. Per vedere quei giorni si deve cliccare sul menù a sinistra: Prestazioni e pagamenti.

Ma cosa sono quelle date? Perché i soldi del Rem non ci sono ancora? I giorni visibili sul fascicolo previdenziale, purtroppo, non indicano quando il sussidio sarà accreditato. Attestano, semplicemente, che la domanda relativa alla seconda rata del Rem ha avuto esita positivo. Anticipano, insomma, il pagamento effettivo.

pagamenti reddito di emergenza luglio 2021 date ritardi

Già, ma quando si potrà visualizzare la data effettiva di accredito? Entro questa settimana dovrebbe essere comunicato il giorno ufficiale per i pagamenti (al massimo entro il 17 o il 18 mattina).

In tanti aspettano ancora i pagamenti del reddito di emergenza. Chi deve ricevere il Rem di luglio, certo, ma anche chi aspetta ancora di incassare la prima rata del sussidio.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Pagamenti reddito di emergenza luglio 2021: quanti soldi spettano?

Per calcolare l’importo del Rem si usa la scala di equivalenza. Chi fa la domanda per il sussidio ha valore “1”, ogni maggiorenne in famiglia vale “0,4” e ogni minorenne “0,2”. La somma di tutte le persone in famiglia, che non può superare “2”(2,1 se ci sono persone disabili nel nucleo familiare), va moltiplicata per “400”.

Un esempio pratico: prendiamo come esempio una famiglia con due persone maggiorenni e un figlio di tre anni. La rata del Rem sarà pari a 540 euro (400 x 1,6). Ecco una tabella che ti mostra qualche altro esempio di calcolo.

Composizione nucleo familiareScala di equivalenzaQuota mensile prevista
Un adulto1400 euro
Due adulti1,4560 euro
Due adulti e un minorenne1,6640 euro
Due adulti e due minorenni o tre adulti1,8720 euro
Tre adulti e due minorenni2 (massimo riconosciuto)800 euro
Tre adulti e due minorenni (un componente disabile grave)2,1 (massimo riconosciuto)840 euro

Pagamenti reddito di emergenza di luglio: a chi spettano e come fare domanda

I pagamenti del Rem spettano alle famiglie che rispettano alcuni requisiti di residenza, patrimonio e reddito:

  • reddito familiare nel mese di aprile 2021 inferiore ad una soglia pari all’ammontare di cui all’articolo 82, comma 5, del decreto-legge n. 34 del 2020 (reddito inferiore a una soglia pari all’ammontare del Rem);
  • residenza in Italia;
  • patrimonio mobiliare inferiore a 10.000 euro riferito all’anno precedente. Questa soglia è aumentata di ulteriori 5.000 euro persona nel nucleo familiare, fino a un massimo comunque di 20.000 euro;
  • ISEE non superiore a 15.000 euro.

La domanda per il Rem va presentata dal servizio online dell’INPS. Per farlo segui le istruzioni in questa guida. In alternativa è possibile rivolgersi a un patronato.

Il reddito di emergenza non è compatibile con il reddito di cittadinanza, con i bonus stagionali (da 2400 euro e da 1600 euro) e con i trattamenti pensionistici a eccezione dell’assegno ordinario di invalidità.

Se hai delle domande sui prossimi pagamenti del reddito di emergenza 2021, scrivici su Instagram.

Forniamo i riferimenti ufficiali per mettersi in contatto con l’INPS. Il Contact center è raggiungibile dal numero 803 164 gratuito da telefono fisso. Se usi il cellulare puoi utilizzare il numero 06 164 164 (da rete mobile al pagamento si applica la tariffa prevista dai singoli gestori).

L’appuntamento in sede, potrebbe richiedere una prenotazione. Ecco una pagina pubblicata sul sito dell’istituto che può essere d’aiuto per trovare la sede INPS più vicina.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie