Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico / Assegno unico dal 14 giugno: importi, orari, esclusi

Assegno unico dal 14 giugno: importi, orari, esclusi

Scopri chi riceverà il pagamento dell'assegno unico dal 14 giugno, l'orario delle ricariche e gli esclusi dall'accredito.

di The Wam

Giugno 2022

Pagamenti assegno unico giugno 2022: l’INPS ha pubblicato le prime date della ricarica del contributo per i figli a carico (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno per i figli a carico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

L’assegno unico universale sarà pagato martedì, 14 giugno 2022, per chi non riceve il reddito di cittadinanza e altre famiglie lo riceveranno il 15 giugno 2022. Le date delle ricariche cambiano da persona a persona, per questo vanno controllate sul fascicolo previdenziale INPS.

La ricarica dell’assegno unico su Rdc di giugno è prevista fra il 27 e il 30 giugno 2022. Ci sono, però, tante famiglie che vivono una situazione confusa e frustrante. Si tratta di quei nuclei familiari che aspettano il pagamento degli arretrati dell’assegno unico e di quelle che hanno compilato il modulo Rdc-Com/Au per sbloccare i pagamenti. In questo articolo faremo il punto sulle prossime date di pagamento, sugli orari e su cosa fare se la ricarica non è stata ancora sbloccata. In questo approfondimento abbiamo spiegato quali importi sono previsti per l’assegno unico con figli maggiorenni.

Indice

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Calendario assegno unico giugno

Ecco le date già pubblicate per il pagamento dell’assegno unico di giugno.

Tipo di prestazioneData di pagamento
Pagamento arretrati assegno unico9 giugno 2022
Pagamento assegno unico giugno14 giugno 2022
Pagamento assegno unico su Rdc giugnodal 27 al 30 giugno 2022
Pagamento assegno unico su Rdc per chi ha compilato il modulo Rdc Com Au a maggiodal 27 al 30 giugno 2022
Pagamento assegno unico su Rdc per chi ha compilato il modulo Rdc com Au a giugnodal 27 al 30 luglio 2022

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno per i figli a carico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Pagamento assegno unico 14 giugno 2022

Il pagamento dell’assegno unico arriverà martedì, 14 giugno 2022, per quelle famiglie che non ricevono il reddito di cittadinanza e che nei mesi passati hanno ricevuto regolarmente tutte le ricariche mensili del contributo per i figli a carico.

Fra il 27 e il 30 giugno 2022 sono previsti i pagamenti dell’assegno unico su Rdc di giugno e le integrazioni sul reddito di cittadinanza per chi ha compilato il modulo Rdc Com Au a maggio 2022.

Dal 9 giugno 2022 arriveranno i pagamenti degli arretrati dell’assegno universale per chi vede quella data dei pagamenti sul «Fascicolo previdenziale del cittadino», un’area del sito INPS accessibile con le credenziali personali digitali: SPID, CNS o CIE.

In quella sezione del portale saranno visibili lo stato della domanda e quello dei pagamenti.

Scopri la pagina dedicata all’assegno per i figli e leggi guide e news su diritti e agevolazioni. Ecco come evitare di perdere gli arretrati dell’assegno unico e quanti soldi spettano ai pensionati con l’assegno universale.

Assegno unico figli: a chi spetta?

L’assegno unico universale è un sussidio economico erogato mensilmente dall’INPS alle famiglie con uno o più figli a carico, per ogni figlio minorenne (dai 7 mesi ai 18 anni), per ogni figlio maggiorenne fino a 21 anni solo in questi casi e per ogni figlio con disabilità senza limiti di età (oltre i 21 anni di età).

L’importo del contributo economico cambia rispetto all’indice ISEE della famiglia, al numero dei figli a carico e alle eventuali maggiorazioni alle quali si ha diritto.

L’assegno universale, introdotto a marzo 2022, è andato a sostituire diversi sussidi per famiglia, con lo scopo di mettere ordine fra le misure di welfare esistenti in Italia.

Chi non ha diritto al contributo economico potrebbe accedere agli assegni familiari (Anf). Recentemente sono state pubblicate le nuove tabelle con tutti gli importi degli assegni al nucleo familiare.

Quando l’assegno unico spetta ai figli maggiorenni

L’assegno unico universale spetta ai figli maggiorenni, tra i 18 e i 21 anni, se il giovane è iscritto a:

L’assegno unico viene erogato anche con un contratto di apprendistato o un tirocinio, a patto che il reddito complessivo sia inferiore a 8.000 euro annui.

Ha diritto all’Assegno unico anche chi svolge il Servizio Civile Universale o è registrato come disoccupato al Centro per l’Impiego, così dimostrando di essere in cerca di lavoro.

Assegno unico: come fare domanda

La domanda per ottenere l’assegno unico deve essere presentata entro il 30 giugno 2022 per ottenere gli arretrati del sussidio calcolati da marzo 2022. Chi presenta la richiesta dopo quella data, infatti, non ha diritto a beneficiare delle mensilità passate.

Chi riceve il reddito di cittadinanza non deve fare richiesta dell’assegno, ma ne ha diritto in automatico sulla Carta Rdc. Le famiglie che non percepiscono il reddito di cittadinanza, devono fare domanda per l’assegno unico sul sito dell’INPS o telefonando all’istituto al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) o al numero 06 164 164 (a pagamento da cellulare).

Durante la fase di domanda per ottenere l’assegno per i figli, è possibile rivolgersi a Caf o patronati per essere assistiti durante il percorso. Una strada che consigliamo visto l’importanza che può rivestire per una famiglia.

La domanda online si presenta da questa pagina del sito INPS con identità digitale (SPID, CNS o CIE), inserendo:

Domanda assegno unico giugno in stato decaduta: cosa fare?

Nella circolare 53/22 l’INPS ha spiegato che, i percettori che terminano il reddito di cittadinanza, devono presentare la domanda per ottenere l’assegno unico nello stesso mese in cui è scaduto l’Rdc. Se ricevono l’ultima rata del sussidio a giugno, per esempio, dovranno fare domanda per l’assegno universale entro il 30 giugno 2022.

Molte domande, nonostante le tempistiche siano state rispettate ai cittadini, risultano in “stato decaduta“. In questi casi, purtroppo, bisogna attendere che l’INPS corregga l’errore. Presentare eventuali solleciti, infatti, molto probabilmente non avrà gli effetti previsti.

Assegno unico figli: tabella importi, fasce ISEE e maggiorazioni

L’importo dell’assegno universale cambia rispetto all’indice ISEE della famiglia, al numero dei figli fiscalmente a carico e alle maggiorazioni alle quali si ha diritto. Chi riceve il reddito di cittadinanza, deve sottrarre la quota minori all’importo di base dell’assegno.

Trova lavoro: ecco le aziende che assumono in Italia. Scopri tutte le offerte aggiornate.

Assegno unico tabelle ISEE

ISEEImporto figlio minorenneImporto figlio maggiorenne fino ai 21 anni
Fino a 15mila euro175 euro85 euro
20mila euro150 euro73 euro
25mila euro125 euro61 euro
30mila euro100 euro49 euro
35mila euro75 euro37 euro
da 40mila euro50 euro25 euro

Le maggiorazioni

Ecco tutte le maggiorazioni riconosciute sull’assegno unico:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp