Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni / Ecco il bonus 150 euro sulla pensione: è già visibile

Ecco il bonus 150 euro sulla pensione: è già visibile

Primi screen con il pagamento del bonus 150 euro sulla pensione. Scopri quando spetta ai pensionati.

di The Wam

Ottobre 2022

Finalmente è visibile il pagamento del bonus 150 euro per i pensionati. Ne parliamo in questo approfondimento, spiegando quando l’integrazione spetta sulla pensione (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unicoLeggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Il contributo economico è stato introdotto dal Decreto Aiuti ter per contrastare l’elevata inflazione. I pensionati saranno fra le prime categorie di cittadini a ricevere il pagamento così come i titolari di prestazioni di invalidità e i beneficiari del reddito di cittadinanza.

Come vedremo, per ottenere il pagamento dell’integrazione sulla pensione, è necessario rispettare specifici requisiti di reddito, più stringenti di quelli necessari a percepire il bonus 200 euro, introdotto dal Decreto Aiuti. Su Thewam.net abbiamo spiegato chi riceverà i 150 euro a novembre o a dicembre 2022.

INDICE:

Bonus 150 euro ai pensionati, quando spetta? I requisiti

Per ottenere il bonus 150 euro sulla pensione è necessario essere residenti in Italia al 1° ottobre 2022 ed essere titolari di reddito personale ai fini Irpef per il 2021 non superiore ai 20.000 euro.

Nel calcolo dei requisiti rientrano solo i redditi assoggettati all’IRPEF a esclusione del reddito della casa di abitazione, del Tfr (trattamento di fine rapporto) e delle competenze arretrate assoggettate a tassazione separata (pagamenti arretrati del trattamento pensionistico).

Nel prossimo paragrafo vedremo su quali pensioni e prestazioni economiche è previsto il pagamento automatico dei 150 euro. Ci riferiamo a tutte quelle categorie di cittadini che non dovranno fare domanda per ricevere l’integrazione.

A chi spetta il bonus 150 euro senza domanda: le categorie

Il bonus 150 euro sarà riconosciuto in automatico, quindi senza domanda all’INPS, a chi percepisce queste prestazioni economiche:

Su TheWam.net abbiamo elencato le differenze fra bonus 150 euro, 200 euro e 350 euro e spiegato chi riceverà il bonus 200 euro il 12 ottobre 2022.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Chi deve fare domanda per poter ricevere il bonus 150 euro

Fra le categorie che devono presentare domanda, per ricevere l’incentivo economico, ci sono:

Nelle scorse settimane abbiamo spiegato come controllare il pagamento del bonus 150 euro su Rdc e quali cittadini dovranno fare domanda per ricevere i 150 euro.

pagamento-bonus-150-euro-pensionati-cedolino-pensione-2022
Pensionati che ricevono il pagamento. Sono visibili i primi pagamenti del bonus 150 euro sulla pensione in arrivo a novembre 2022.

Quando arriverà il pagamento bonus 150 euro

Il pagamento del bonus 150 euro sulla pensione arriverà a novembre 2022. Alcuni cittadini possono già visualizzare l’integrazione sul fascicolo previdenziale del cittadino, nell’area delle prestazioni dedicata alle pensioni (così come appare nello screen di seguito).

bonus-150-euro-pensionati-date-pagamento-ottobre-2022
Screen che mostra il pagamento dell’integrazione del bonus 150 euro sulla pensione. Pubblicato dalla pagina Facebook “Reddito di cittadinanza e tanto altro”

Le categorie di cittadini, che non riceveranno i 150 euro in automatico, dovranno aspettare in alcuni casi dicembre 2022 e in altri gennaio 2023.

Su TheWam.net abbiamo anche parlato dei prossimi accrediti dei 150 euro sulla pensione di reversibilità e di chi dovrà attendere due mesi per riceverli.

Bonus 150 euro: ecco chi non riceverà il pagamento

Chi supera i 20.000 euro di reddito verrà escluso dalla ricarica dei 150 euro.

I percettori del reddito di cittadinanza non riceveranno il contributo economico se, in famiglia, è già presente qualcuno che ne ha diritto. Questo accade, per esempio, se nel nucleo familiare sono presenti pensionati o lavoratori dipendenti che percepiranno già i 150 euro.

Nella tabella di seguito sono elencate le categorie dei beneficiari del contributo economico con i requisiti previsti per riceverlo.

BENEFICIARI BONUS 150 EUROREQUISITI
Chi percepisce:
pensioni,
assegno sociali,
prestazioni economiche per invalidi civili, ciechi e sordomuti,
trattamenti di accompagnamento alla pensione
Trattamenti con decorrenza entro il 1° ottobre 2022 e un reddito non superiore a 20mila euro nel 2021
Lavoratori dipendentiRetribuzione imponibile inferiore a 1.538 euro lordi per la competenza di novembre 2022
Lavoratori domestici come colf e badantiAver ricevuto bonus 200 euro del DL n. 50/2022 e avere un rapporto di lavoro attivo nel momento in cui è entrato in vigore il Decreto Aiuti ter (24 settembre 2022)
DisoccupatiAver ricevuto la Naspi o la Dis-Coll a novembre 2022
Titolari di disoccupazione agricolaAver ricevuto la disoccupazione nel 2022 per importi di competenza 2021
Titolari di rapporti di lavoro co.co.co., dottorandi e assegnisti di ricerca (a domanda)Iscrizione alla Gestione Separata, con contratti attivi al 18 maggio e reddito non superiore a 20mila euro riferito al 2021
Lavoratori stagionali, dello spettacolo e dello sportAver beneficiato delle indennità del DL n. 41/2022
Stagionali a tempo determinato e intermittentiAvere svolto almeno 50 giornate lavorative nel 2021 producendo un reddito non superiore a 20mila euro
Lavoratori dello spettacoloAver versato alla cassa di riferimento almeno 50 contributi giornalieri nel 2021, producendo un reddito non superiore a 20mila euro  
Lavoratori autonomi sprovvisti di partita IvaSottoscrizione dei contratti di lavoro autonomo occasionale nel 2021 con almeno un contributo mensile accreditato – Iscrizione alla Gestione Separata
Lavoratori incaricati delle vendite a domicilioAvere una partita iva attiva, iscrizione alla Gestione Separata e reddito da medesime attività superiore a 5mila euro
Famiglie beneficiarie del reddito di cittadinanzaNon aver diritto al bonus 150 euro per altre ragioni. Se in famiglia ci sono pensionati o lavoratori dipendenti che ne hanno già diritto.
Bonus 150 euro per invalidi e disabili: tabella con tutti i beneficiari del bonus e i requisiti per ottenerlo

Ecco alcuni degli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp