Niente bonus 150 euro su rdc se scade a ottobre?

Bonus 150 euro su Rdc arriverà ugualmente se il reddito di cittadinanza scadrà proprio ad ottobre? Le risposte.

6' di lettura

Bonus 150 euro su Rdc, andiamo a scoprire insieme quali sono le ultime novità sull’indennità una tantum contro il caro vita a integrazione del reddito di cittadinanza (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice:

Bonus 150 euro su Rdc, ecco in quali casi

L’indennità una tantum contro il caro vita del valore di 150 euro è stata inserita nel nuovissimo pacchetto di aiuti alle famiglie e alle imprese, chiamato decreto-legge Aiuti ter. Si tratta di un decreto gemello dei due precedenti DL 50 e DL 115, di maggio e agosto 2022.

In entrambi i provvedimenti, infatti, era stata confermata un’indennità una tantum del valore di 200 euro per chi aveva redditi entro i 35 mila euro e apparteneva a determinate categorie, come ad esempio i pensionati, i titolari di Naspi o i lavoratori dipendenti.

Bonus 150 euro per chi ha la pensione di invalidità: redditi da verificare.

Nella platea di beneficiari rientravano anche i percettori di reddito di cittadinanza, che potevano percepire il sostegno se nel loro nucleo ISEE non fosse stato presente un altro beneficiario del bonus 200 euro ad altro titolo, dunque, un lavoratore domestico, un lavoratore dipendente o un pensionato. Gli accrediti dell’indennità 200 euro per i percettori di Rdc sono partiti alla fine del mese di luglio 2022 e sono proseguiti a fine agosto e a fine settembre. Nonostante qualcuno non abbia ancora ricevuto l’indennità per svariati motivi, i percettori di Rdc sono già passati allo step successivo.

Leggi tutti i dettagli sul bonus 150 euro: quando arriva il contributo economico e quali sono i requisiti reddituali. Scopri anche quando spetta ai lavoratori, ai pensionati, agli invalidi e disabili e ai percettori di Reddito di cittadinanza.

Di cosa stiamo parlando? Semplice, del bonus 150 euro su Rdc, destinato non solo ai percettori della misura targata Cinque Stelle, ma anche a tutti coloro che sono stati inseriti tra i beneficiari del bonus 200 euro nel DL 50 e DL 115 e che hanno redditi entro i 20 mila euro nel 2021.

Insomma, tutti i percettori di reddito di cittadinanza che, come stabilito dai requisiti essenziali per percepire la misura, devono avere redditi ISEE non superiori a 9.360 euro e redditi familiari non superiori a 6 mila euro, moltiplicati per la scala di equivalenza, potranno godere del bonus 150 euro su Rdc.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bonus 150 euro su Rdc, cosa succede se il reddito scade ad ottobre

Attenzione, però, perché stando alle ultimissime novità non tutti i percettori di reddito di cittadinanza potranno godere del bonus 150 euro su Rdc.

Nello specifico, ricordiamo che il reddito di cittadinanza viene corrisposto per 18 mensilità consecutive, al termine delle quali può essere richiesto il rinnovo in un mese di stop. In caso la domanda di rinnovo dovesse essere accettata, INPS provvederebbe a corrispondere altri 18 mesi della prestazione. Facciamo un piccolo esempio:

Un cittadino che ha percepito la prima rata di reddito di cittadinanza in assoluto nel mese di gennaio 2021 ha ricevuto l’ultimo accredito della prestazione, il diciottesimo, nel mese di giugno 2022. Questo cittadino, ancora in possesso di tutti i requisiti necessari all’ottenimento della misura, ha richiesto il rinnovo nel mese di stop: luglio 2022.

Ecco chi avrà bonus 200 euro + bonus 150 euro insieme.

INPS, una volta verificato il rispetto dei requisiti, ha accettato la domanda e ha iniziato a corrispondere il reddito di cittadinanza ad agosto 2022. Luglio non è stato pagato.

Scopri subito come avere il reddito di cittadinanza, quanto tempo ci vuole per i primi pagamenti del reddito di cittadinanza dopo la domanda e quante volte si può fare il rinnovo dell’Rdc

Chi, invece, ha richiesto il reddito di cittadinanza ad aprile 2021 ha ottenuto la prima ricarica a maggio 2021 e il diciottesimo pagamento della prestazione arriverà proprio nel mese corrente. Cosa accade al bonus 150 euro su Rdc, dunque, a chi scade il reddito nel mese corrente?

Sappiamo, infatti, che il bonus 150 euro dovrebbe arrivare a tutti nel mese di novembre, compresi i percettori di reddito di cittadinanza, ma per alcuni si tratta del mese in cui vengono sospesi i pagamenti. Quindi?

Bonus 150 euro anche per gli sportivi, ecco come si può avere.

Ad oggi, sembrerebbe che a chi scadrà il reddito di cittadinanza nel mese di ottobre non sarà corrisposto il bonus 150 euro su Rdc nel mese di novembre, essendo quello il mese relativo allo “stop” dei pagamenti. Lo sblocco dei pagamenti per questi percettori si avrà solo a seguito della pubblicazione di un’eventuale circolare INPS.

Andiamo a scoprire, oltre a questi cittadini in particolare, chi non riuscirà ad ottenere il bonus 150 euro su Rdc e perché.

bonus 150 euro su rdc
bonus 150 euro su rdc se scade ad ottobre

Bonus 150 euro su Rdc, ecco a chi altro non arriverà

Il bonus 150 euro su Rdc, però, non sarà accreditato anche ad altri cittadini percettori del sostegno di contrasto alla povertà. Come abbiamo detto, infatti, l’indennità una tantum 150 euro è identica alle prime due introdotte nei decreti-legge Aiuti uno e -bis e, pertanto, il sostegno non sarà corrisposto ai titolari di reddito di cittadinanza che hanno nel proprio nucleo familiare un soggetto già percettore del bonus 150 euro ad altro titolo, come ad esempio:

  • un lavoratore autonomo o libero professionista con partita iva
  • un lavoratore dipendente del settore privato
  • un lavoratore dipendente della pubblica amministrazione
  • un pensionato o neopensionato al 1° luglio
  • un lavoratore domestico

A chi non riceverà il bonus 150 euro su Rdc pur avendone diritto, invece, (chi non appartiene alla categoria appena citata), consigliamo di contattare direttamente l’INPS:

  • inviando una mail all’istituto
  • scrivendo sui canali social Facebook o Twitter
  • contattando il contact center allo 06 164 164 da cellulare (a pagamento a seconda dei costi applicati dal proprio gestore), oppure all’803 164 da rete fissa, senza costi aggiuntivi (lun. – ven. dalle 8.00 alle 20.00; sab. dalle 8.00 alle 14.00)
  • infine, si potrà anche prendere un appuntamento presso la sede territoriale INPS più vicina, per avere una risposta immediata e un quadro completo della situazione.

Ecco chi avrà il bonus 150 euro senza domanda.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie