Pagamento pensioni calendario Inps: la bozza di novembre

Pagamento pensioni calendario Inps: l'accredito del trattamento pensionistico sarà anticipato anche a novembre 2020. I turni saranno regolati coi cognomi.

2' di lettura

Pagamento pensioni calendario Inps: che succederà a novembre? Arrivano buone notizie per i pensionati italiani. Come accaduto negli scorsi mesi, infatti, anche gli accrediti relativi alle pensioni di dicembre saranno anticipati. La notizia è ormai ufficiale. Ne parliamo in questo articolo. (Consulta anche la nostra pagina speciale sulle pensioni)

(Leggi anche la nostra pagina speciale sui bonus). (Nel gruppo Telegram contenuti speciali su offerte di lavoro e bonus) (Nel gruppo whatsapp offerte di lavoro, incentivi e concorsi sempre aggiornati) (Qui la pagina riservata ai concorsi) (Qui il link al nostro canale youtube con le video-guide)

Pagamento pensioni calendario Inps anticipato

L’accredito delle pensioni, durante l’emergenza da Coronavirus, è stato anticipato rispetto a quanto accadeva prima della diffusione del virus. Per evitare che si creassero assembramenti, presso gli uffici postali, con rischi maggiori di contagio. Si è deciso di organizzare i turni, in più giorni, scegliendo di regolare l’affluenza in posta per cognomi.

Pagamento pensioni calendario Inps (Foto di Rawpixel.com per Shutterstock)
Pagamento pensioni calendario Inps (Foto di Rawpixel.com per Shutterstock)

La bozza del calendario

Il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, diretto da Angelo Borrelli, ha diffuso una nota con la quale ha spiegato che i prelievi della pensione in posta saranno possibili dal 25 novembre al 1  dicembre 2020. Ecco una prima bozza del calendario con le date per gli accrediti:

Lettera A e B – mercoledì 25 novembre

Lettera C e D – giovedì 26 novembre

Lettera tra E e K – venerdì 27 novembre

Lettera tra L e O – sabato 28 novembre

Lettera tra P e R – lunedì 30 novembre

Lettera tra S e Z – martedì 1 dicembre

Consegna a domicilio per gli over 75

Molto probabilmente sarà confermato il servizio della consegna delle pensioni a domicilio da parte dell’Arma dei Carabinieri.

L’opzione può essere attivata da quegli anziani che hanno più di 75 anni e nessuna persona a cui delegare il ritiro della pensione. I pensionati possono contattare il numero verde 800 55 66 70 messo a disposizione da Poste o la più vicina Stazione dei Carabinieri per richiedere maggiori informazioni.

Che succede in caso di mancato ritiro?

Il pensionato che per qualunque motivo non può recarsi in Poste nel giorno stabilito (in base alla lettera iniziale del cognome) per il ritiro della pensione non perde il diritto a riceverla. Infatti, si hanno 60 giorni di tempo per recarsi presso un ufficio postale a ritirare la propria pensione. Da ricordare, inoltre, che chi possiede una carta Postamat, una Carta Libretto o una Postepay Evolution potrà ritirare la propria pensione direttamente in contanti presso un qualunque Bancomat di Poste.

Potrebbero interessarti:

  1. Tutti i Bonus famiglie aspettando l’assegno unico

  2. Reddito di emergenza per altri due mesi: come fare domanda

  3. Bonus internet e pc da 500 euro da novembre: come richiederlo

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie