Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Reddito di cittadinanza / Doppio pagamento reddito di cittadinanza marzo-aprile in arrivo?

Doppio pagamento reddito di cittadinanza marzo-aprile in arrivo?

Quando arriverà il pagamento del reddito di cittadinanza di marzo? Ad aprile ci sarà una doppia ricarica dell'Rdc?

di The Wam

Marzo 2022

Doppio pagamento del Reddito di Cittadinanza di marzo 2022 in arrivo ad aprile? Facciamo chiarezza. Ce n’è davvero bisogno dopo gli ultimi ritardi nell’erogazione della ricarica (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegrame nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Doppio pagamento reddito di cittadinanza marzo-aprile 2022 in arrivo?

Se ti sei perso le precedenti puntate di questa indegna telenovela, a spese di moltissime famiglie italiane, ti aggiorniamo velocemente. Il pagamento del reddito di cittadinanza di marzo 2022 non è stato erogato a causa di alcune rettifiche degli importi che INPS sta operando e per via di alcuni errori dell’ente nella comunicazione dei dati a Poste Italiane. Una “doppietta” che ha generato un caos senza precedenti.

Le riduzioni dell’importo, che ora INPS applicherà, riguardano quelle famiglie che hanno beneficiato della maggiorazione sociale sull’invalidità civile al 100% e i nuclei familiari che percepiscono una o più agevolazioni fiscali elencate nel messaggio INPS n.548 del 2022. Un utile riassunto, in proposito, è visibile in questo nostro articolo.

Il 2022, per i percettori dell’Rdc, non è un anno iniziato sotto una buona stella. Nell’ordine, abbiamo registrato:

I pagamenti congelati di marzo riguardano sia le famiglie che dovevano ricevere la ricarica del reddito di cittadinanza martedì 15 marzo, che quelle che l’attendevano fra il 25 e al 28 marzo 2022.

Si tratta, rispettivamente, di chi doveva percepire per la prima volta il sussidio o essere pagato dopo il rinnovo e di chi attendeva l’accredito ordinario.

Adesso, questi pagamenti rischiano di slittare al 15 aprile 2022. Se così fosse, ci si chiede, tutte queste famiglie avranno poi anche la ricarica ordinaria prevista dal 27 aprile 2022? Al momento non è possibile rispondere con certezza.

Il buon senso, suggerirebbe di procedere con il doppio pagamento per riorganizzare i calendari degli accrediti. Purtroppo, i fatti, hanno speso dimostrato come le procedure del sussidio tendano a ignorare le buone prassi. La risposta definitiva arriverà con le prossime lavorazioni dell’Rdc.

Leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Reddito di Cittadinanza marzo 2022, come controllare il pagamento

Il pagamento del sussidio si può controllare:

Reddito di Cittadinanza marzo 2022, limiti di spesa e acquisti vietati

Il soldi del Reddito di cittadinanza non possono essere spese per acquistare beni e servizi che rientrano in queste categorie:

Il divieto è esteso anche agli acquisti in negozi che offrono in prevalenza beni e servizi legati a merce e settori appena elencati. Sono vietati anche gli acquisti online per servizi di direct-marketing.

I soldi della ricarica del reddito di cittadinanza vanno spesi entro la fine del mese successivo a quello di erogazione per non incorrere in tagli fino al 20% dell’importo da parte dell’INPS. Ogni sei mesi l’ente azzera le somme residue sulla scheda.

Reddito di Cittadinanza marzo 2022, requisiti

Il Reddito di Cittadinanza può essere richiesto da famiglie che risiedono in Italia da almeno dieci anni, hanno un indice ISEE inferiore a 9.360 euro e rispettano delle specifiche soglie di  patrimonio immobiliare, patrimonio mobiliare e reddito familiare, oltre alle prescrizioni contenute nel decreto legge n. 4 del 28 gennaio 2019.

Valore del patrimonio immobiliare

Il valore del patrimonio immobiliare deve essere inferiore a 30.000 euro per quegli immobili, diversi dalla prima abitazione, che siano sia in Italia che all’estero.

Valore del patrimonio mobiliare

Il patrimonio mobiliare non può superare i 6.000 euro per i single. Questo importo viene incrementato, fino a 10.000 euro, alla presenza di più figli o di componenti con disabilità.

La soglia aumenta di 1.000 euro per ogni figlio successivo al secondo e di 5.000 euro per ogni componente affetto da disabilità (la quota sale a 7.500 euro in caso di disabilità grave o non autosufficienza).

Valore del reddito familiare

Il valore del reddito familiare deve essere inferiore a 6.000 euro annui moltiplicato per il parametro della «scala di equivalenza» corrispondente.

La base dei 6.000 euro viene aumentata a 7.560 euro se si richiede l’accesso alla Pensione di Cittadinanza e fino a 9.360 euro se la famiglia di chi fa domanda vive in affitto. In questo approfondimento trovi la tabella con gli importi dell’Rdc.

La scala di equivalenza

Il sistema della scala di equivalenza tiene conto della composizione del nucleo familiare.

Il richiedente ha un valore di 1; ogni altro maggiorenneha un valore di 0,4; ogni minorenne ha un valore di 0,2. Il valore massimo raggiungibile per famiglia è 2,1 (in caso di componenti del nucleo affetti da disabilità grave si può arrivare a 2,2).

Altri requisiti

Oltre a quelli menzionati, ci sono anche altri requisiti non economici da rispettare.

Innanzitutto, bisogna essere residenti in Italia da almeno dieci anni, di cui gli ultimi due in modo continuativo.

Il cittadino richiedente deve essere maggiorenne e può essere italianocittadino dell’Unione Europeacittadino extra-comunitario o apolide con permesso di soggiornodi lungo periodo.

Inoltre, non si possono possedere autoveicoli immatricolati nei 6 mesi precedenti al momento della richiesta.

Si possono possedere autoveicoli con cilindrata superiore a 1.600cc e motoveicoli con cilindrata superiore a 250cc solo se sono stati immatricolati per la prima volta da più di due anni.

Queste regole non valgono per tutti quei veicoli attrezzati per il trasporto delle persone con invalidità.

Non si possono inoltre possedere, al momento della domanda, navi da imbarcazione o da diporto.

Infine, il richiedente non può essere sottoposto a misura cautelare. Non può neanche essere stato condannato in via definitiva, nei dieci anni precedenti, a uno dei seguenti reati:

270-bisDelitti contro la personalità dello Stato
280Attentato per finalità terroristiche o di eversione
289-bisSequestro di persone a scopo di terrorismo o di eversione
416-bisAssociazione di tipo mafioso
416-terScambio elettorale politico-mafioso
422Strage
640-bisTruffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche

Come fare domanda per ottenere il reddito di cittadinanza

L’Rdc si può richiedere:

Ecco dei documenti utili per la pratica:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp