Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Servizi Finanziari / Pagare con lo smartphone, ecco le migliori App

Pagare con lo smartphone, ecco le migliori App

Pagare con lo smartphone sta diventando sempre più normale: ecco le migliori app da scaricare.

di The Wam

Giugno 2022

Pagare con lo smartphone, ecco le migliori App: i pagamento digitali sono in pieno boom e sono cresciuti anche quelli effettuati direttamente con il telefoni cellulari. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Con lo smartphone oltre agli acquisti online, è possibile pagare anche nei negozi fisici e ci sono molti altri servizi aggiuntivi:

E tutto questo fatto utilizzando un solo strumento, lo smartphone, appunto.

Pagare con lo smartphone: servizi base gratis

Le app offrono i servizi base gratuitamente, come la carta e i pagamenti. Se si vogliono utilizzare anche i servizi aggiuntivi sono previsti diversi piani di pagamento. Dipendono dal tipo di funzionalità richieste. I costi possono arrivare fino a 13,99 euro al mese.

Scopri la pagina dedicata ala gestione del risparmio e agli investimenti.

Per scegliere un app che consente di pagare con lo smartphone, bisogna quindi valutare quali siano le personali esigenze. (Bancomat, ecco quanto costerà ogni prelievo)

Pagare con lo smartphone: mercato in espansione

Un mercato in crescita dicevamo. Lo conferma anche l’Osservatorio Innovative Payments della School of Management del Politecnico di Milano.

Nel 2021 i pagamenti digitali in Italia sono aumentati del 22% rispetto all’anno precedente, raggiungendo la cifra di 327 miliardi di euro.

Lo strumento preferito dai consumatori italiani sono le carte contactless (126,5 miliardi): hanno avuto un incremento importante dopo che il limite per gli acquisti senza Pin è stato alzato da 25 a 50 euro. (Qual è il limite di pagamento con il Bancomat?)

Ma l’innovazione più importante degli ultimi mesi, quella sulla quale si punta per l’immediato futuro, sono i pagamenti in negozio con lo smartphone o altri oggetti indossabili (smartwatch), che hanno di fatto raddoppiato la loro quota di mercato.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Pagare con lo smartphone: carte biometriche

Ci sono molte novità anche nel settore delle carte di credito, grazie anche a una serie di significative innovazioni tecnologiche che hanno aumentato la sicurezza in modo esponenziale. Parliamo delle carte biometriche (con sensori di impronte digitali). Entro i prossimi 5 anni è previsto un aumento dell’850%. Nel 2026 si punta a raggiungere a livello globale quota 173 milioni.

Una rivoluzione epocale.

Pagare con lo smartphone: le migliori app

Ma torniamo ai pagamenti con lo smartphone. Per chi ha già una carta di debito o di credito il sistema più immediato è quello di caricarla sul wallet (portafogli digitale) del proprio smartphone. Per farlo basta utilizzare ApplePay, GooglePay e SamsungPay.

Chi non è in possesso di una carte di pagamento, l’alternativa è costituita da Satispay, PayPal o Bancomat Play, basta collegarle le app al proprio conto corrente.

C’è anche una terza strada: scaricare sul cellulare una delle tante app con carta incorporata, come – tra le altre – N26, Revolut, Yap, Oval, Hype e Vivid.

Pagare con lo smartphone: i costi

Vediamo un po’ i costi:

N26, due piani di pagamento:

Revolut offre diversi piani di pagamento, il più costoso, che ha una enorme rete di servizi e può essere di supporto per chi viaggia molto o vive all’estero, è di 13,90 euro al mese.

Hype ha due piani di pagamento:

Vivid offre invece la possibilità di fare acquisti anche frazionati di azioni e metalli preziosi.

Pagare con lo smartphone: Satispay

La carta di credito non è più dunque indispensabile per i negozi fisici o virtuali. Le applicazioni si possono scaricare, come detto, sugli store degli smartphone.

Una delle più diffuse è Satispay, che è cresciuta molto anche grazie al cashback, un servizio che consente di avere il rimborso di una parte dell’importo spese e che in alcuni casi può raggiungere il 20%.

Utilizzando il filtro cashback è possibile geolocalizzare tutti i negozi più vicini dove è consentito il cashback.

Questa applicazione non ha costi per l’utente e permette di creare uno o più salvadanai da dedicare al risparmio. Possono essere alimentati sia dal cashback, sia da versamenti periodici, sia accantonando il resto di ogni acquisto arrotondato all’euro.

Satispay offre anche altri servizi:

Pagare con lo smartphone: app più diffuse

Le app di pagamento con smartphone più diffuse sono comunque queste:

Per effettuare un pagamento basta selezionare sullo smartphone la carta di pagamento e avvicinare lo smartphone al Pos. Per i pagamenti fino a 50 euro non serve il Pin.

Le alternativa a questi tre colossi sono fornite sa PayPal e Bancomat Pay, che funzionano con o senza carta di pagamento.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp