Abbiamo assegnato il Pallone d’Oro del 2020. Ecco il podio

Il Pallone d'oro 2020 non è stato assegnato. Vediamo quale sarebbe potuto essere il podio del trofeo e chi avrebbe meritato di vincerlo in questa stagione.



4' di lettura

Come è noto, quest’anno France Football, causa epidemia da coronavirus, non ha assegnato il Pallone d’Oro 2020. E’ la prima volta che accade dal 1956, quando a essere premiato era il calciatore europeo più decisivo in quella stagione, non a caso il premio veniva chiamato anche calciatore europeo dell’anno. Solo per questo i vari Maradona e Pelè non l’hanno mai vinto. Il 1995 segnò un importante punto di svolta per il Pallone d’oro, quando cadde la discriminante della nazionalità europea, aprendo quindi l’accesso al riconoscimento anche ai giocatori extraeuropei e quindi a brasiliani e argentini.

Dopo 64 anni, quindi, non verrà assegnato il Pallone D’Oro. Il 2020 non avrà il suo giocatore più rappresentativo con un premio, spesso criticato, ma pur sempre il più prestigioso a livello individuale per un calciatore.

Pallone d’oro 2020, il possibile podio

In virtù di questo, cerchiamo quindi di analizzare il possibile podio e chi avrebbe meritato la vittoria dell’ambito trofeo se non ci fosse stato lo stop per il covid.

TERZO POSTO: Kylian Mbappé. Premessa necessaria, come numeri e trofei vinti i primi due posti del podio sembrerebbero assicurati. Sul terzo posto ci sarebbe molto da discutere per i tanti pretendenti, tra i quali Neymar jr., o lo stesso Messi. Abbiamo scelto Mbappè. L’asso francese del PSG, così come Neymar, ha vinto il consueto poker di trofei in Francia (campionato, supercoppa, coppa di Francia e coppa di lega). Il transalpino per la prima volta, inoltre, ha disputato una finale di Champions League, così come il PSG, persa poi con il Bayern Monaco. Stagione chiusa con 18 gol in Liga (fino a marzo), 5 in Champions League in 10 gare e 4 in Coppa di Francia in 3 partite. Uno score fantastico, che sarebbe potuto essere ancora più straordinario qualora non ci fosse stato nessuno stop. Un terzo posto che può essere meritato in virtù di quanto fatto vedere.

SECONDO POSTO: Cristiano Ronaldo. Ampiamente sul podio l’asso della Juventus, con numeri straordinari non solo in Italia ma anche in Europa e in Nazionale. CR7 ha messo a segno 31 gol in Serie A, arrivando a contendere anche la scarpa d’oro a Immobile e Lewandowski. Una stagione strepitosa che lo ha portato a vincere solo il campionato Italiano, questo è vero, ma a livello individuale è stata un’annata importante, tra le migliori degli ultimi anni. Inoltre. i due gol con il Lione, anche se non sono bastati ai bianconeri per arrivare ai quarti di fiale di Champions, hanno un altro peso specifico, ovvero fanno capire l’importanza di questo fenomeno in casa juventina. Nella fase ad eliminazione diretta, gli ultimi 6 gol in Uefa della Juventus sono tutti firmati Ronaldo. Cristiano ha chiuso la stagione 2019-20, inserendo anche le presenze in Nazionale, con 47 gol, per una stagione magari avara di trionfi per il club, ma molto soddisfacente a livello personale. Sicuramente sarebbe stato sul podio del Pallone d’oro 2020 e conoscendolo, meglio non averlo assegnato, non avrebbe accettato sconfitte.

PRIMO POSTO: Robert Lewandoski. Il pallone d’oro 2019-20 avrebbe dovuto avere un solo vincitore: Robert Lewandowski. L’attaccante polacco ha disputato una stagione indimenticabile, non solo a livello individuale, ma anche come successi con il Bayern Monaco. Robert ha segnato più di un goal a partita e ha fatto il tris di titoli di capocannoniere in tre competizioni diverse: solo Ruud Van Nistelrooy ce l’ha fatta con il Manchester United. Ha portato il suo bottino di goal in Champions League a quota 15 in una stagione, con soltanto 9 partite all’attivo. Meglio di lui nella storia della Champions, a livello di marcature in una singola edizione, ha fatto soltanto Cristiano Ronaldo (17 e 16 reti). Il polacco ha segnato in ogni partita, escluso la finale, comunque vinta 1-0 dal Bayern Monaco contro il PSG. Ha vinto il triplete con il club bavarese, ottenendo appunto la Bundelsiga, il De Pokal e la Champions, come detto, divenendo di tutte e 3 le manifestazioni il capocannoniere. In Champions gli mancano solo 3 gol per appaiare Raul a quota 71 reti, come terzo di sempre, dietro agli inarrivabili Messi e Cristiano Ronaldo. Lewandowski ha chiuso la stagione scorsa con uno score di 55 goal stagionali in 46 partite disputate. Uno ogni 75 minuti. Nessun altro ha segnato come lui in Europa. Nemmeno Ciro Immobile che ha vinto la Scarpa d’Oro, ma che complessivamente ha segnato 16 reti in meno del polacco. Insomma, stagione da apoteosi per il polacco, che siamo certi, più di tutti sarà deluso per la mancata assegnazione del Pallone D’Oro 2020, visto che più di tutti avrebbe meritato di stravincere.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Entra in WhatsApp e ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Bandi, Bonus e Lavoro

  2. News dall'Italia e dal mondo

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie