Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Diritto / Pannelli solari nel cortile condominiale, cosa serve?

Pannelli solari nel cortile condominiale, cosa serve?

Pannelli solari nel cortile condominiale realizzati su una struttura portante: vediamo cosa serve.

di The Wam

Febbraio 2023

Pannelli solari nel cortile condominiale: abbiamo visto come realizzare un impianto fotovoltaico sul terrazzo. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Vediamo come funziona e quali sono le autorizzazioni necessarie per realizzare una struttura simile in un’altra area comune dello stabile, magari supportato da una sorta di gazebo

Un impianto per la produzione di energia da fonti rinnovabili nel cortile e supportato da un gazebo, dunque.

Una scelta non insolita. Sono diversi i condomini che hanno deciso di costruire prima una struttura adeguata, in metallo, per ospitare i pannelli solari, per poi avviare la realizzazione dell’impianto definitivo.

Un lavoro in due fasi, che consenta non solo di diluire i costi nel tempo, ma anche di avere una struttura non troppo invasiva e che sia funzionale (ripara da pioggia e sole) e non abbia un impatto sull’estetica dello stabile.

Vedremo anche in questo articolo come realizzare un impianto “semplice” nel cortile del condominio. Che non preveda quindi la costruzione preliminare di una struttura portante come appunto un gazebo.

Su questo argomento puoi leggere un post che spiega come utilizzare il bonus fotovoltaico 2023 per risparmiare sui pannelli solari; c’è anche l’elenco dei bonus pannelli solari nazionali e regionali; in un altro articolo ti indichiamo quali sono i moduli da utilizzare per avere gli sconti sui pannelli solari; e infine c’è un articolo che spiega quali sono le agevolazioni a disposizione per acquistare le batterie di accumulo.

Pannelli solari nel cortile condominiale, autorizzazioni

Per un impianto su un gazebo caso siamo ancora nel terreno dell’edilizia libera, come per l’installazione di pannelli solari sul terrazzo o sul balcone, o è invece necessaria una autorizzazione?

Bisogna subito precisare un aspetto: il decreto legge numero 17 del 2022 consente di installare senza le preventive autorizzazioni solo dei semplici impianti fotovoltaici. Significa una cosa: non prevede quindi la costruzione preliminare di strutture realizzate allo scopo di ospitare i pannelli.

In genere per i gazebo non servono autorizzazioni. Ma solo se vengono costruiti con uno scopo ornamentale e realizzati in modo “leggero” (con materiali come il legno o la plastica). Ma soprattutto che sia facilmente rimovibile, non ancorato al suolo e di dimensioni ridotte.

Nel caso del gazebo costruito per i pannelli solari la struttura dovrà essere invece molto più stabile, fissata al suolo. Non potrà neppure essere molto piccola: dovrà infatti essere collocato il numero sufficiente di pannelli per produrre l’energia necessaria a tutto lo stabile (mediamente dovrà essere un impianto da 20 kW, contando anche sui sistemi di accumulo).

Siamo dunque in un terreno che esclude l’edilizia libera. Serve una autorizzazione.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.                 

Pannelli solari nel cortile condominiale, la scia

Oltretutto una struttura di quelle dimensioni e fissata al suolo in modo definitivo o almeno non transitorio, altera la sagoma dell’edificio. Ma non solo, determina anche un aumento delle superfici utili e non si può dire che il manufatto sia stato realizzato a solo scopo ornamentale (come appunto i classici gazebo da giardino o i pergolati).

La sentenza del Consiglio di Stato numero 6194 del 2019 ha stabilito che in questi casi è necessaria la scia, il vecchio permesso a costruire.

Pannelli solari nel cortile condominiale, la scia

Bisogna dunque fare riferimento alla normativa regionale o comunale. La prima cosa da fare è chiedere un parere preventivo allo Sportello Unico Edilizia. In questa fase è opportuna la presenza di un tecnico.

In pratica, prima di impegnare tempo ed energie per arrivare al rilascio dell’autorizzazione, la cosa migliore da fare è sapere dall’amministrazione, se c’è la possibilità di realizzare la struttura.

In caso di parere affermativo si può ovviamente procedere (i tempi dipendono dalle singole amministrazioni). In caso contrario sarebbe opportuno virare su un progetto più semplice. Che non preveda cioè la realizzazione di impalcature portanti che abbiano la necessità di avere i permessi.

Pannelli solari nel cortile condominiale, senza gazebo

Per realizzare un impianto fotovoltaico condominiale semplice (senza strutture preliminari) all’interno di un cortile, è bene chiarire che bisogna sempre verificare in via preventiva se l’intervento è consentito dalle leggi in vigore sul decoro e il rispetto urbanistico.

Se è possibile, se cioè non servono autorizzazioni comunali ma siamo nel terreno dell’edilizia libera, è comunque necessaria l’approvazione dell’assemblea condominiale.

Per ottenere l’approvazione basta il sì della metà dei condomini. Quelli che votano no, saranno esclusi dalle spese per l’installazione dell’impianto, ma non avranno accesso ai vantaggi che sono assicurati dai pannelli solari. Valgono le stesse regole delle aree comuni sui terrazzi condominiali.

Pannelli solari nel cortile condominiale, cosa serve?
Nella foto pannelli solari nel cortile condominiale sopra un gazebo

Pannelli solari nel cortile condominiale, uno solo

Il discorso cambia se è un singolo condomino a decidere di installare un impianto fotovoltaico. Bisogna prima fare una distinzione:

Nel primo caso la questione è semplice: basta una comunicazione al Comune di residenza per avere il via libera ai lavori.

Nel secondo caso, se quindi l’impianto viene installato in parti comuni del condominio, serve prima di tutto il parere favorevole di tutti i condomini. Ma non è tutto. È necessaria infatti anche la fattibilità del lavoro e la sua conformità a quanto prescrivono gli articoli 1102 e 1129 del Codice civile.

L’assemblea condominiale non può comunque vietare l’utilizzo degli spazi comuni per l’installazione di pannelli solari (o di un impianto fotovoltaico), ma ha il “potere” di regolare sia le modalità, sia il luogo dove installarli.

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp