Paola: così il cancro mi ha insegnato a vivere

3' di lettura

Lei si chiama Paola Mannetta, ha cinquant’anni ed è un’educatrice d’infanzia. Ama scrivere testi e poesie. Anche se non si definisce né poetessa né scrittrice. Oggi vi racconto la sua storia. Storia di forza e voglia farcela. Paola ci parla del suo cancro al seno e di come lo ha affrontato.

La terribile scoperta

“Ho avuto il cancro al seno nell’estate del 2007 – inizia -. Ero in vacanza. Una mattina, al ritorno dalla mia rituale corsetta, tornai a casa e feci una doccia. Mentre mi insaponavo, mi accorsi di avere una “pallina” al seno sinistro.

Capii all’istante che qualcosa non andava. Ne parlai subito con mia sorella e mia madre. Non andai in panico, era troppo presto per avanzare nefaste ipotesi. Mi preoccupai di prenotare quanto prima gli accertamenti necessari per poi affidarmi nelle mani di medici esperti”, racconta Paola.

Poco dopo gli accertamenti, l’esito. Agghiacciante. Paola ha il cancro. “Tristissima fu la sensazione che provai. Non ero più l’eureka di me stessa. Di colpo, mi accorsi che ero niente e nulla. Avevo pochi mesi di vita. Il cancro era un carcinoma duttale infiltrante che aveva coinvolto il linfonodo sentinella.

Questa scoperta però non rappresentò per me una sentenza di morte. Ma un percorso da fronteggiare con coraggio e determinazione. Non potevo permettermi squilibrio interiore. Dovevo crederci. Presi seriamente in mano il mio status da malata di cancro”, afferma.

Ecco come ho affrontato il cancro

E qui Paola parla del periodo vissuto con la sua malattia. “Durante la malattia ho vissuto l’esistenzialismo negativo a 360 gradi. Non ho mai perso l’autostima e non ho mai suscitato pietismo. Non ho mai permesso a me stessa di smarrire l’io interiore. Dopo i primi due interventi, entrai in chemioterapia a bombardamento molecolare.

Per un anno intero, ho seguito il percorso terapeutico come da protocollo nazionale. Andavo a scuola, mi assentavo solo quando avevo le sedute chemioterapiche. Cercavo di condurre una vita normale. Ero la maestra del cappellino. Paoletta cicciona e senza capelli. Ero una persona che doveva reagire per amore dei figli e della famiglia.

Farmi compagnia significava stare bene con me stessa. Decisi di vivermi – dice -. Stavo bene da sola a contemplare squarci di cielo e a cercare piccole oasi di benessere che mi permettevano di calmare la rabbia quando mi assaliva. Insomma, incominciai a conoscermi davvero. Ad avere fiducia nella mia persona e nel mio coraggio. Si, Paola poteva farcela.

Alla fiducia in me stessa si è unita quella nei riguardi dei medici che mi hanno curata. Oggi sono cancer survivor e seguo uno stretto monitoraggio oncologico. Non mi dichiaro guarita e sono protesa alla prevenzione”, racconta.

Dal cancro ho imparato a vivere

Sicuramente, il tumore le ha cambiato la vita. Cambiamento raccontato in un testo dall’educatrice. “Ho scritto un testo narrativo a sfondo sociale sull’esperienza vissuta. Però preferisco donare la mia amicizia, il mio cuore e la mia presenza fisica alle persone malate di cancro. Persone che hanno bisogno di una parola, una carezza o un semplice sorriso. Di tanto in tanto, scrivo qualche verso quando avverto la necessità di soddisfare un bisogno spirituale”, dice.

Riguardo la sua esperienza, Paola si esprime così. “Oggi porto un marchio a pelle, come i sopravvissuti dei lager nazisti. Tuttavia, dal cancro ho imparato a vivere davvero. Con la vita vinco sul niente, con l’amore trionfo sul nulla. Vivo il presente. Ci sono. Esisto qui e ora”.

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie