Quando Paolo Rossi distrusse il Brasile

5 luglio 1982, a Barcellona si gioca Italia-Brasile. Gli azzurri devono assolutamente vincere per approdare in semifinale dei Mondiali. Al Brasile di Socrates, Zico e Falcao basta pure un pareggio. L'Italia aspetta Paolo Rossi, l'attaccante fortemente voluto da Bearzot: ha steccato quattro partite di fila, ma col Brasile si scatena. Segna una tripletta e schianta la Seleçao. Segnerà ancora: una doppietta alla Polonia e un gol alla Germania in finale. L'Italia è campione del Mondo, Paolo Rossi è capocannoniere del torneo. Vincerà pure il Pallone d'Oro.

4' di lettura

Avvicinò Paolo Rossi e gli disse: “Sarai tu il mio attaccante titolare ai Mondiali”. Era il maggio del 1982, un mese dopo l’Italia sarebbe partita per la Spagna ancora tramortita dallo scandalo Totonero, che aveva messo fuori combattimento due società gloriose come Lazio e Milan, spedite per direttissima in Serie B, e portato alla squalifica di diversi calciatori colpevoli di avere aggiustato i risultati di alcune partite della Serie A tra il 1979 e il 1980.

Tra questi c’era Paolo Rossi, che per due anni non vide mai il campo, partecipando solo alle ultime tre gare ufficiali della stagione 1981-1982, con la maglia della Juventus.

Bearzot lo preferì a Roberto Pruzzo

Un particolare importante, ma non per Enzo Bearzot, profondo estimatore di Rossi, che volle appena ventunenne ai Mondiali d’Argentina, conclusi con un onorevole quarto posto. Eppure nel 1982 faceva faville Roberto Pruzzo, capocannoniere del campionato e trascinatore della Roma allo Scudetto arrivato puntuale l’anno dopo.

Non partecipò neppure a quei trionfali Mondiali in Spagna, perché come riserva di Rossi – convocato nonostante i musi lunghi dei tifosi e le polemiche degli addetti ai lavori – Bearzot piazzò Franco Selvaggi, modesto attaccante del Cagliari.

La scelta di Selvaggi

Era certo che se avesse selezionato Pruzzo, la stampa dopo un paio di prestazioni incolori di Rossi (e Bearzot era consapevole che ciò sarebbe accaduto) avrebbe portato avanti una campagna mediatica in favore del romanista, fiaccando ancor di più nel morale il povero Rossi, ancora debilitato dalla pesante squalifica immeritatamente incassata. E con Selvaggi, tutto questo, non sarebbe mai accaduto.

La partenza difficile di Pablito

Andò perfettamente come l’aveva disegnata Bearzot. Nelle tre gare del girone di qualificazione, chiuso a 3 punti con altrettanti pareggi, Rossi patì terribilmente la lunga inattività: con la Polonia non toccò palla, col Perù steccò la partita del riscatto e con il Camerun fu sormontato dai muscolosi difensori avversari.

Tre partite, zero gol e neppure l’ombra del calciatore ammirato quattro anni prima in Argentina o con le maglie di Vicenza e Perugia. E mentre sui giornali e in televisione si sprecavano le accuse mosse nei confronti dell’attaccante e del suo allenatore, Bearzot tenne duro, convinto che il momento di Rossi sarebbe arrivato di lì a poco. Bastava solo aspettare.

Il girone di ferro

Superato il turno da seconda del girone, l’Italia si ritrovò nel mini-gruppo con l’Argentina del ventiduenne Maradona e di Daniel Passarella e il Brasile dei fenomeni: Socrates, Zito, Falcao, Cerezo. Tutti assieme. Tardelli e Cabrini regalarono la vittoria contro l’Argentina, a cui non bastò una magata di Passarella su punizione per recuperaro il doppio svantaggio.

Nel secondo match in programma sempre a Barcellona, il Brasile vinse con un gol di scarto in più: 3-1, Maradona eliminato e testa a testa tra la Seleçao e gli azzurri. L’Italia deve assolutamente vincere, al Brasile basterebbe pure un pareggio per approdare in semifinale.

Italia-Brasile 3-2

La partita è avvincente, bellissima, entusiasmante. Nando Martellini alla telecronaca è emozionante e coinvolgente. E Rossi si sblocca: al 5’, Cabrini pennella un cross dalla sinistra che taglia tutta l’area di rigore e arriva sulla testa di Rossi, lesto e preciso nell’insaccare il pallone in rete.

Italia in vantaggio, ma la gara è lunghissima e il Brasile la pareggia con Socrates, appena sette minuti dopo, infilando Zoff sul primo palo. Gli azzurri non mollano il colpo e sfruttano la presunzione degli avversari: al 22’, Cerezo sbaglia un passaggio e regala palla a Rossi, che fulmina un difensore, si invola verso Valdir Peres e lo batte con un gran tiro: Italia di nuovo in vantaggio e doppietta per Paolo Rossi.

Nella ripresa i ritmi restano altissimi. Al 23’, Falcao sfugge alla marcatura di Scirea e dal limite dell’area lascia partire un sinistro chirurgico che, complice una leggera deviazione di Bergomi, mette fuori causa Zoff e pareggia i conti: 2-2, a ventidue minuti dal termine.

L’Italia è quasi fuori dai Mondiali. Corre, sbuffa, lotta, attacca a testa bassa e al 29’, vince la partita. Conti crossa dalla bandierina, Socrates respinge di testa fuori area, Tardelli calcia di prima intenzione e il suo tiro diventa un assist per il rapace Rossi, che in girata fredda nuovamente Valdir Peres e fa tripletta: 3-2, Italia in semifinale. Tutto il resto è storia.

La riscossa di Pablito

Pablito non si ferma più: schianta la Polonia con una doppietta e apre le danze contro la Germania, piegata successivamente dal siluro di Tardelli e dalla giocata da opportunista di Altobelli. L’Italia è Campione del Mondo, Rossi è capocannoniere del torneo: vincerà pure il Pallone d’Oro, un’impresa riuscita soltanto a lui e a Ronaldo, vent’anni dopo.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie