Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / Partita Iva comunitaria, a cosa serve e come chiederla

Partita Iva comunitaria, a cosa serve e come chiederla

Partita Iva comunitaria, a cosa serve e come chiederla, quali sono le differenze e come funziona la fatturazione.

di The Wam

Marzo 2023

Partita Iva comunitaria, a cosa serve e come chiederla, quali sono le differenze, come funziona la fatturazione. (scopri le ultime notizie sul fisco e sulle tasse e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

La Partita Iva comunitaria è indispensabile per chi ha la necessità di effettuare operazioni commerciali con altri Paesi dell’Unione Europea. In pratica è una sorta di autorizzazione per operare all’estero.

Scopri la pagina dedicata al fisco e alle tasse.

In questo post oltre a verificare come si apre una Partita Iva comunitaria, vedremo quali sono i vantaggi e come evitare le truffe.

Su questo argomento potrebbe interessarti un post che spiega come pagare meno tasse nel 2023 con una Partita Iva; abbiamo anche verificato cosa cambia con la flat tax al 15 per cento per chi ha una Partita Iva; e infine ti spieghiamo quali sono i costi di una Partita Iva forfettaria: apertura, tasse, gestione.

Cos’è la Partita Iva comunitaria

E dunque, la Partita Iva comunitaria consente di agevolare gli scambi di beni e servizi all’interno dell’Unione Europea. Bisogna però essere iscritti al registro VIES. Solo dopo si è autorizzati a effettuare operazioni commerciali con soggetti che sono residenti in altri Stati dell’Ue.

La Partita Iva comunitaria è sempre preceduta dalla sigla del Paese che l’ha materialmente rilasciata e da un numero di cifre (varia da nazione a nazione).

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Partita Iva comunitaria, come richiederla

Come aprire una partita Iva comunitaria? La prima cosa da fare è compilare il modulo di dichiarazione di inizio di attività d’impresa. Bisogna specificare di voler effettuare delle operazioni all’interno dell’Unione, compilando due moduli:

Presentando uno di questi moduli si viene iscritti al VIES, il registro che contiene tutte le Partite Iva comunitarie. È proprio grazie a quel database che l’Agenzia delle Entrate verifica l’attività dei soggetti iscritti.

Ma non solo: tramite il VIES l’Agenzia riesce a condividere le informazioni con altre amministrazioni finanziarie che operano nell’Unione Europea.

Nel caso il soggetto abbia già una Partita Iva italiana, basta presentare solo l’iscrizione al VIES. Si può fare tutto online, con il portale web dell’Agenzia delle Entrate.

Ma è ovviamente possibile completare la procedura direttamente allo sportello o recandosi da un intermediario abilitato (come il commercialista).

La registrazione della Partita Iva nel registro VIES consente anche di accertare se un determinato numero di Partita Iva è stato autorizzato agli scambi con l’estero. Questa funzione è possibile grazie al collegamento che il VIES ha con i sistemi fiscali degli altri Paesi Europei.

Per effettuare questo controllo è sufficiente andare sul sito web dell’Agenzia delle Entrate, digitare lo Stato Ue e quindi il numero da verificare.

Partita Iva comunitaria, l’elenco Intrastat

La Partita Iva comunitaria ha anche un’altra caratteristica, l’Intrastat (che i contribuenti devono presentare all’Agenzia delle Dogane). Si tratta di un modello all’interno del quale vengono elencate le operazioni avvenute in un determinato periodo tra soggetti che vivono in un altro Stato dell’Unione europea.

Nell’elenco Intrastat sono riportate:

La cadenza per la presentazione del modello Intrastat all’Agenzia delle Entrate cambia a seconda di un limite:

Partita Iva comunitaria, fatture operazioni Intra

Le regole per la fatturazione con soggetti residenti in altre nazioni Ue cambiano se si tratta di una cessione di un bene o se invece il riferimento è a una prestazione di servizio.

Vediamo come.

Fatture per cessione di beni

Le cessioni intracomunitarie di beni non sono imponibili IVA. Lo ha stabilito l’articolo 41, comma 1, del decreto legge numero 331 del 1993. In questo caso viene applicato il regime della tassazione a destinazione. Come funziona? In pratica l’IVA deve essere assolta nello Stato Ue dove è destinato il bene.

Gli acquisti di beni intracomunitari hanno rilevanza IVA nel nostro Paese. Per farlo è necessario integrare la fattura di acquisto Ue, deve essere annotata sul registro IVA vendite e sul registro IVA acquisti.

Fatture per prestazioni di servizi

Per le fatture che riguardano prestazioni di servizio, sono possibili due operazioni:

Partita Iva comunitaria, a cosa serve e come chiederla
Partita Iva comunitaria, a cosa serve e come chiederla

Partita Iva comunitaria, come verificare

Come si accerta la validità di una Partita Iva comunitaria? Bisogna usare il servizio dell’Agenzia delle Entrate seguendo questo percorso:

Ma è anche possibile accertare la validità consultando il sistema elettronico di scambio dati sull’IVA che è raggiungibile sul sito della Commissione Europea, cliccando sul link di verifica Partita IVA comunitaria.

Così sarà possibile non solo verificare la validità della Partita Iva, ma anche le informazioni che sono presenti sull’Anagrafe Tributaria per le attività, la denominazione (o il nome e il cognome) del titolare.

È importante ricordare che senza l’autorizzazione preventiva dell’Agenzia delle Entrate non sarà possibile effettuare scambi all’interno dell’Unione Europea.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp