Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Economia e Finanza / Patente di guida 2022, come cambia l’esame

Patente di guida 2022, come cambia l’esame

Patente di guida, come cambia l'esame: vediamo cosa prevede la riforma allo studio del ministero delle Infrastrutture.

di The Wam

Maggio 2022

Patente di guida 2022, come cambia l’esame: vediamo cosa prevede la riforma che è allo studio del ministero delle Infrastrutture. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Il ministro Enrico Giovannini sta elaborando una modifica dell’esame di guida. Si comincia da quello per il conseguimento della patente A. Il titolare del dicastero ha dichiarato «gli esami per il conseguimento della patente A non hanno mostrato alcun effetto positivo sulla sicurezza stradale pur comportando un onere amministrativo notevole».

In pratica:

Patente di guida 2022: Patente A, tre tipi

Ricordiamo che la patente A è di tre tipi:

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Patente di guida 2022: esame sprint

L’esame della patente per la guida delle auto (in questo caso anche per le moto) era già stato parzialmente modificato nel dicembre scorso (su una disposizione ministeriale del 27 ottobre).

Scopri la pagina dedicata al fisco e alle tasse.

C’era stato uno snellimento per gli esami di teoria: la durata della prova è stata ridotta di 10 minuti e i questi sono passati da 40 a 30. Il provvedimento è stato necessario perché i già consueti ritardi della Motorizzazione sono diventati insostenibili dopo la pausa Covid.

Chi soffre di epilessia può avere la patente di guida?

Ritardi che avevano già portato al prolungamento del periodo di validità del foglio rosa.

«Questa riduzione dei tempi per l’esame – ha sottolineato il ministro valutando i dati a 5 mesi dall’entrata in vigore di quella modifica – ha consentito di incrementare fino al 20% il numero delle sedute giornaliere presidiate da ogni esaminatore, senza che questo determinasse un peggioramento della qualità dell’esame».

Patente di guida 2022: pratiche online

Sulle pratiche automobilisti online sono stati fatti significativi passi avanti. Si punta all’aumento sostanziale delle certificazioni che si possono ottenere collegandosi allo Sportello telematico dell’automobilista.

Lo strumento è stato introdotto nel 2000, ma con il nuovo via libera del governo si punta decisamente alla dematerializzazione (azzeramento delle documentazioni cartacee e delle file negli uffici) con una completa interoperabilità delle banche dati.

«Così – ha dichiarato il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta – aiutiamo ogni automobilista del Paese a fare presto e bene ogni pratica amministrativa, con risparmio di tempo e denaro».

Si arriverà e presto a poter effettuare il cambio di proprietà di una vettura online evitando in questo modo file e attese.

Patente di guida 2022: burocrazia digitale

La digitalizzazione dei certificati sarà ormai una costante e si punta ad arrivare alla possibilità di avere ogni tipo di documento restando comodamente a casa senza dover fare la spola tra uffici pubblici.

Patente di guida con legge 104, tutto su rilascio e rinnovo

Questa innovazione è stata implementata per decine di certificati dell’anagrafe (è ormai possibile in tutte le amministrazioni), mentre anche l’Agenzia delle Entrate e l’Inps stanno provando ormai da anni a rendere più accessibile agli utenti la possibilità di ricevere oline documentazioni e disporre pratiche o semplicemente dialogare per un qualsiasi problema con l’ente.

Molti passi sono stati fatti, ma il percorso è ancora lungo: per tante pratiche la procedura telematica è ancora complessa. La strada è segnata e non si tornerà indietro.

Intanto vediamo cosa accadrà la patente A. Dalle parole del ministro appare evidente l’intenzione di eliminare una prova che ha solo significato un aumento dei costi (per lo Stato e i cittadini) senza produrre i risultati attesi, ovvero: una maggior conoscenza del codice della strada e una conseguente diminuzione dei comportamenti a rischio di chi si mette alla guida.

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp