Pastore ucciso. C’è un terzo indagato nella faida del pascolo

Pastore ucciso. C'è un terzo indagato nella faida del pascolo
1' di lettura

Pastore ucciso a Giffoni sei Casali, in quella che è stata definita una faida tra allevatori. Gli indagati sarebbero tre. C’è quindi una terza persona, oltre al padre e al figlio già coinvolti nelle indagini.

Il delitto, lo ricordiamo, si è consumato qualche giorno fa. Domenico Pennasalico, aveva 60anni. E’ stato trovato in fondo a un burrone nella zona di Cerzoni.

La vittima era con il figlio

Al momento dell’agguato era in compagnia di figlio. Il ragazzo, subito dopo gli spari è corso in cerca di aiuto. La sua testimonianza si è rivelata utile per le indagini. Ma non è riuscito a salvare il padre. Il pastore è stato infatti colpito ad una gamba, la pallottola ha reciso l’arteria femorale. Pennasilico è riuscito anche a telefonare prima di spegnersi. Sarebbe riuscito solo a dire “mi hanno sparato”. La vittima si è poi trascinata per qualche metro, prima di cadere in fondo a un burrone.

Il ruolo del terzo indagato

Per quel delitto sono già stati indagati altri due pastori (padre e figlio). Mentre – è notizia delle ultime ore – un’altra persona sarebbe stata iscritta nel registro delle persone sottoposte a indagine.

L’omicidio sarebbe stato provocato da una questione di confini legata al pascolo. Una questione che – i contendenti – non sono riusciti evidentemente a risolvere a parole. Molto probabilmente i due indagati avevano intenzione di lanciare un avvertimento, anche per questo il colpo è stato esploso mirando alle gambe. Ma la pallottola ha reciso l’arteria femorale, provocando il veloce dissanguamento della vittima.

Domani mattina gli inquirenti della procura di Salerno affideranno l’incarico per l’autopsia sul corpo di Pennasalico. L’esame autoptico potrebbe chiarire in maniera determinante anche la dinamica dell’agguato. Resta da definire il ruolo della terza persona che è stata coinvolta nelle indagini. Terza persona che non è emersa nell’immediatezza dei fatti, ma che potrebbe aver giocato un ruolo non secondario nel delitto.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie