Pensione a 71 anni? Non spetta a tutti

Esistono modi per andare in pensione per chi non matura i requisiti previsti a 67 anni di età. Si può andare in pensione a 71 anni, ma ad alcune condizioni.

9' di lettura

Non tutti all’età di 67 anni riescono a soddisfare i requisiti richiesti dalla pensione di vecchiaia. Per loro, andare in  pensione a 71 anni potrebbe essere l’unica possibilità di pensionamento. Ma non sempre è possibile. Vediamo perché. (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Pensione a 71 anni?

Per chi non riesce ad accedere al pensionamento di vecchiaia a 67 per la mancanza del requisito contributivo l’alternativa potrebbe essere quella di pensionarsi a 71 anni quando bastano solo 5 anni di contributi. In questo caso l’accesso, però, non è consentito a tutti i lavoratori ma solo a quelli che rispetta un requisito determinante. 

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Pensione a 71 anni: i casi

La pensione a 71 anni che richiede meno di 20 anni di contributi (in realtà bastano un minimo di 5 anni di contributi) è una pensione contributiva e proprio per questo è riservata solo e soltanto a chi ha tutti i propri contributi versati nel sistema contributivo puro. Questo avviene in due casi:

  • quando i contributi sono stati versati tutti quanti a partire dal 1996
  • quando si effettua il computo nella Gestione Separata (ma in questo caso non bastano 5 anni di contributi poiché per richiedere il computo in Gestione Separata servono almeno 15 anni di contributi ed una posizione aperta in questa Gestione).

Per esempio:

Un cittadino ha compiuto 71 anni a dicembre e non ha il minimo di 20 anni di contributi versati. Ne ha versati 8,5  prima del 1996 e 5 dal 1996 ad oggi. Potrebbe andare in pensione?

In questo caso, avendo contributi versati anche prima del 1996 molto probabilmente non rientra nella possibilità di pensionamento a 71 anni e l’unica possibilità di avere diritto alla pensione ricade nell’assegno sociale che, però, spetta solo se si rispettano i requisiti reddituali imposti dalla misura (l’assegno sociale, infatti, spetta solo a chi versa in condizioni di disagio economico).

Pensione a 71 anni: le opzioni

La pensione di vecchiaia si divide in due: quella aperta a tutti, a cui si accede a 67 anni di età e 20 anni di contributi, e la cosiddetta pensione di vecchiaia contributiva, riservata a coloro che avendo un’anzianità assicurativa successiva al 1° gennaio 1996 rientrano interamente nel regime contributivo.

Quest’ultima prevede un accesso alla pensione posticipato a 71 anni, ma perlomeno consente di smettere di lavorare anche se non vengono raggiunti i 20 anni di contributi, in quanto sono sufficienti appena 5 anni.

Si tratta dunque della misura con la quale andare in pensione più tardi: tuttavia rappresenta comunque una buona soluzione per coloro che hanno lavorato solamente per pochi anni, non avendo così possibilità di accedere alle altre opzioni previdenziali, e non vogliono perdere i contributi versati all’Inps. Considerando che non si può andare in pensione senza aver mai lavorato, la pensione di vecchiaia contributiva è l’unica possibilità per coloro che hanno avuto una breve carriera lavorativa.

Pensione a 71 anni con meno di 20 anni di contributi

Se si arriva al compimento dei 67 anni senza aver maturato i 20 anni di contributi minimi necessari per accedere alla pensione di vecchiaia, l’unica soluzione, se non si rientra nelle tre deroghe della Legge Amato o anche nella cosiddetta Opzione Dini che richiedono appena 15 anni di contributi, è quella di attendere il compimento dei 71 anni e sperare di rientrare nella pensione di vecchiaia contributiva.

Sperare, perché non tutti riescono a centrare l’uscita a 71 anni che richiede un minimo di 5 anni di contributi che, però, devono ricadere tutti nel sistema contributivo.

Questo significa che possono accedere a questo tipo di pensione soltanto i lavoratori che hanno iniziato a versare i propri contributi successivamente al 31 dicembre 1995 o, in alternativa che abbiano scelto di computarli nella gestione separata Inps (ma in questo caso sono richiesti almeno 15 anni di contributi visto che tanti ne richiede il computo).

Si tratta, quindi, di una possibilità offerta soltanto ai contributivi puri e che esclude tutti coloro che hanno contributi versati prima del 1996.

Anche se rappresenta una buona possibilità di pensione per chi ha brevi carriere lavorative, si tratta di una misura non accessibile a tutti.

Pensione a 71 anni: gli importi

State pensando al futuro dopo il lavoro e credete che per voi la pensione arriverà a 67 anni visto che siete certi di raggiungere i 20 anni di contribuzione suddetti.

Probabile, ma non scontato. Facciamo chiarezza: è vero che oggi l’età pensionabile è fissata a 67 anni, e con 20 anni di contributi, ma va anche detto che questa non è una possibilità per tutti.

Al netto di quelli che saranno gli adeguamenti con le aspettative di vita (che entro i prossimi 10 anni potrebbero portare il requisito anagrafico sotto la soglia dei 68 anni), infatti, va detto che comunque l’accesso alla pensione di vecchiaia è limitato a coloro che possono vantare un assegno d’importo soddisfacente.

Non tutti, quindi, possono accedere alla pensione di vecchiaia a 67 anni; per alcuni potrebbe essere l’opzione contributiva della stessa l’unica soluzione, per la quale il pensionamento scatta al compimento dei 71 anni (che con i vari adeguamenti con le speranze di vita potrebbero anche salire a 72).

Ma facciamo chiarezza. Oggi per la pensione di vecchiaia è sufficiente aver compiuto 67 anni di età e aver maturato 20 anni di contributi. Queste condizioni, tuttavia, non bastano per coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1° gennaio 1996. Per i cosiddetti “contributivi puri”, infatti, è prevista un’ulteriore condizione, di tipo economico, ossia:

  • per accedere alla pensione di vecchiaia questi devono aver maturato, alla data del pensionamento, un assegno pari o superiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale.

Nel 2022 l’importo annuo dell’assegno sociale è di 6.085,43€; per andare in pensione a 67 anni, dunque, l’assegno annuo – alla data del pensionamento – dovrebbe essere di almeno 9.128,15€. Ciò significa che bisogna avere una pensione lorda mensile di almeno 700 euro circa.

Un importo che può non sembrare difficile da ottenere, ma se guardiamo al funzionamento del sistema di calcolo contributivo significa che in 20 anni di lavoro bisogna percepire uno stipendio di circa 1.800 euro lordi ogni mese, quindi circa 1.000 euro netti. Non molto, ma non tutti riescono ad arrivare a una tale cifra. Basti pensare a chi lavora per una vita con contratto part-time, o comunque a chi per anni ha dovuto accontentarsi di stipendi molto bassi.

Pensione a 71 anni: non per tutti
Pensione a 71 anni: non per tutti

Pensione a 71 anni: i requisiti

Facciamo dunque una sintesi su questo strumento che come appena visto è utile per coloro che prima dei 71 anni:

  • non raggiungono i 20 anni di contributi;
  • non riescono a garantirsi un assegno d’importo pari o superiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale.

Come anticipato, anche la pensione di vecchiaia contributiva presuppone il soddisfacimento di due requisiti: l’anzianità contributiva e l’età anagrafica. Per il primo sono sufficienti 5 anni di contributi, mentre per l’età anagrafica sono richiesti almeno 71 anni.

C’è poi un terzo fattore da considerare: come si può facilmente intuire dal nome, per accedere a questa tipologia di pensione di vecchiaia bisogna essere soggetti al calcolo interamente contributivo della prestazione.

Quindi vi possono accedere coloro che hanno cominciato a versare i contributi a partire dal 1996 – data in cui è stato introdotto il sistema contributivo – e non coloro che sono soggetti al sistema misto o retributivo.

Quest’ultimi, invece, possono avvalersi dell’opzione contributiva Dini, e quindi possono chiedere che la loro pensione venga calcolata interamente con il sistema contributivo ma in questo caso non sono sufficienti 5 anni di contributi.

Per esempio:

Prendiamo come esempio una cittadina italiana che ha iniziato a versare i contributi nel 1997, e ad oggi ha raggiunto i 18 anni di contributi con un età di 65 anni a novembre. Questa, tuttavia, ha svolto prevalentemente lavori part-time, con stipendi che in poche occasioni hanno raggiunto i quattro zeri.

Inps e sindacati le dicono che deve aspettare i 71 anni di età comunque vada, ma non essendo stati chiari in merito questa non capisce il motivo visto che confida di raggiungere i 20 anni di contributi al compimento dei 67 anni di età.

Andiamo dunque ad approfondire. Avendo iniziato a versare contributi nel 1997 ricade nel sistema contributivo puro. Come abbiamo avuto modo di vedere, per chi si pensiona con questo sistema di calcolo è richiesto, per l’accesso a 67 anni, di soddisfare tre requisiti imprescindibili:

  • avere compiuto i 67 anni
  • aver versato almeno 20 anni di contributi
  • che l’importo dell’assegno liquidato con la pensione sia si almeno 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale Inps (una pensione di circa 700 euro mensili).

La donna, quindi, con 18 anni di contributi e con 65 anni di età potrebbe raggiungere, per il compimento dei 67 anni i 20 anni di contributi versati ma il diritto alla pensione non sarebbe sicuro a quell’età poiché (e molto probabilmente dai calcolo di Inps e sindacati già risulta) l’importo dell’assegno spettante fra due anni sarà più basso di quanto richiesto.

Per questo motivo il suo pensionamento potrebbe essere rimandato al compimento dei 71 anni quando la pensione viene liquidata, anche con meno di 20 anni di contributi per chi ha iniziato a versare a partire dal 1996, indipendentemente dall’importo dell’assegno.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie