Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse » Gestione del Debito » Pignoramento / Pensione a rischio per i debiti col fisco?

Pensione a rischio per i debiti col fisco?

Pensione a rischio per i debiti col fisco? Vediamo come funziona e chiariamo molti aspetti che continuano a suscitare dubbi tra i pensionati che hanno accumulato degli importi arretrati con l’Agenzia delle Entrate.

di The Wam

Giugno 2024

Pensione a rischio per i debiti col fisco? È una domanda che ricorre spesso e che suscita dubbi costanti per i pensionati. Chiariamo subito un punto: tutti i creditori, compreso il fisco, hanno l’obbligo di rispettare i limiti imposti dall’articolo 545, comma 8 del codice di procedura civile. (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Pensione a rischio per i debiti col fisco? Cosa dice il codice

L’articolo 545, comma 8, del Codice di procedura Civile specifica che quando la pensione di un debitore viene accreditata sul suo conto corrente, determinate somme possono essere pignorate. Ci sono però limitazioni importanti da considerare:

Protezioni per i pensionati

La legge garantisce che i pensionati non vengano lasciati senza mezzi necessari per vivere dignitosamente, anche in presenza di debiti importanti. Le misure di protezione sono determinanti per mantenere un equilibrio sociale ed economico e per rispettare i diritti fondamentali delle persone anziane.

Le tutele legali in caso di superamento dei limiti

Se i limiti di pignoramento sono superati, il debitore dispone di tutele legali (poi le vedremo in dettaglio):

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Chi esegue il pignoramento della pensione

Il pignoramento di una pensione può essere intrapreso non solo dal fisco ma anche da altri creditori che dispongono di titoli esecutivi validi. Questi creditori includono:

Normative e limiti nel pignoramento

Ogni procedura di pignoramento deve aderire strettamente alle normative vigenti, che includono disposizioni specifiche riguardo:

Principio di proporzionalità

La regola del pignoramento riflette il principio di proporzionalità: bilancia gli interessi dei creditori con la necessità di proteggere il diritto del pensionato a un minimo vitale. È un principio fondamentale: assicura che il pignoramento avvenga in modo equo e che il pensionato non sia privato completamente dei mezzi di sostentamento.

Tutela del debitore in caso di superamento dei limiti di pignoramento

Quando i limiti di pignoramento sono superati, la legge prevede misure di tutela che possono essere attivate per contestare e, se possibile, annullare pignoramenti considerati eccessivi o ingiusti.

Intervento giudiziario

Diritto di opposizione del debitore

Protezioni speciali per i pensionati

Il sistema legislativo italiano offre dunque protezioni per i pensionati, servono a prevenire un pignoramento eccessivo dell’assegno pensionistico. Riepiloghiamole per maggiore chiarezza.

Limiti di pignoramento stabiliti dalla legge

Diritto di contestazione e di sospensione del pignoramento

Il ruolo del giudice nella tutela dei diritti dei pensionati

Conclusione: la sicurezza economica dei pensionati nel contesto legale italiano

Il pignoramento delle pensioni riguarda milioni di cittadini italiani. Comprendere i propri diritti e i limiti di pignoramento, così come conoscere le procedure per difendersi, è fondamentale per tutelare il diritto a una vita dignitosa. Il rispetto delle normative da parte dei creditori e l’azione tempestiva da parte dei debitori possono assicurare che il pignoramento delle pensioni avvenga nel rispetto della legge e dei diritti dei pensionati.

Pensione a rischio per i debiti col fisco?
Nell’immagine un pensionato tenta di difendere dal pignoramento del fisco il suo assegno pensionistico.

FAQ (domande e risposte)

Pensione a rischio per i debiti col fisco?

La pensione può essere a rischio di pignoramento nel caso di debiti col fisco, una situazione che solleva preoccupazioni tra molti pensionati. I creditori, incluso il fisco, sono vincolati a rispettare i limiti specifici stabiliti per la protezione delle pensioni.

Cosa prevede l’articolo 545, comma 8?

L’articolo 545, comma 8, del Codice di procedura civile stabilisce che le somme accreditate su un conto corrente intestato al debitore possono essere soggette a pignoramento solo se superano certi limiti. Precisamente, possono essere pignorate le somme che eccedono il triplo dell’assegno sociale (attualmente 534,41 euro, quindi la soglia è di 1.603,23 euro se l’accredito è precedente al pignoramento).

Quali somme di pensione sono pignorabili?

Le somme pignorabili dalla pensione dipendono dal momento dell’accredito rispetto al pignoramento:

Come agire se superati i limiti di pignoramento?

Se i limiti di pignoramento sono stati superati, il debitore può avvalersi di tutele specifiche:

Quali creditori possono pignorare la pensione?

Oltre al fisco, anche altri creditori muniti di titoli esecutivi validi come sentenze o atti esecutivi possono procedere al pignoramento della pensione. Questo dimostra l’importanza di una gestione attenta delle proprie finanze e del rispetto dei termini legali.

Come difendersi da un pignoramento illegittimo?

Per difendersi da un pignoramento illegittimo è essenziale:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp