Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / In pensione a 64 anni nel 2023: quali possibilità

In pensione a 64 anni nel 2023: quali possibilità

Pensione anticipata con 64 anni di età: quando è possibile richiederla a quest'età o anche prima, nel 2023? Vediamolo insieme.

di Carmine Roca

Giugno 2023

In pensione anticipata con 64 anni di età: quando è possibile? Ne parliamo in questo approfondimento (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Si può andare in pensione anticipata con 64 anni di età?

Si può andare in pensione anticipata con 64 anni di età nel 2023. Sì, è possibile. Le soluzioni sono due: Quota 102 e la pensione anticipata contributiva.

La prima misura, Quota 102, è rimasta in vigore fino al 31 dicembre 2022 per poi lasciare il posto a Quota 103.

Con Quota 102, che a sua volta aveva sostituito Quota 100, si poteva e si può ancora andare in pensione con 64 anni di età e 38 anni di contributi.

Pur non essendo più in vigore, infatti, possono presentare domanda per Quota 102 nel 2023, chi entro il 31 dicembre 2022 ha perfezionato i requisiti anagrafici e contributi richiesti: il diritto non si perde, anche se la misura è stata soppressa.

La pensione anticipata contributiva, invece, è una misura destinata soltanto ai contributivi puri, ovvero a coloro che hanno versato contributi esclusivamente a partire dal 1° gennaio 1996.

Per richiederla e ottenerla è necessario aver compiuto 64 anni di età e versato almeno 20 anni di contributi, tutti dal 1996 in poi.

Attenzione, però: per avere diritto alla pensione anticipata contributiva è obbligatorio maturare un assegno pensionistico superiore a 2,8 volte l’importo dell’Assegno Sociale, che nel 2023 è di 1.406,38 euro.

Sotto questa soglia di importo, anche in possesso dell’età giusta e dei contributi necessari, non si ha diritto alla pensione anticipata contributiva.

Scopri la pagina dedicata a tutti i modi per andare in pensione in anticipo.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

In pensione anticipata con 64 anni di età, ma anche prima…

Abbiamo visto che è possibile andare in pensione anticipata con 64 anni di età, ma è anche vero che alcune soluzioni danno diritto all’uscita anticipata anche con meno di 64 anni di età.

Parliamo dell’Ape Sociale, ad esempio: l’anticipo pensionistico a chi, compiuti 63 anni di età, appartiene a categorie tutelate dallo Stato (disoccupati, caregiver con 6 mesi di assistenza al coniuge o familiare disabile grave, invalidi civili con almeno il 74% di invalidità riconosciuta e impiegati in mansioni gravose) e possiede un’anzianità contributiva compresa tra 30 (disoccupati, caregiver e invalidi) e 36 anni (lavoratori gravosi, agli edili e ai ceramisti ne bastano 32).

Con un anno in meno di età, il nostro ordinamento consente l’uscita con Quota 103 (62 anni di età e 41 anni di contributi versati), per chi ha maturato i requisiti richiesti a partire dal 1° gennaio 2023. Sempre a 62 anni, ma con 38 di contributi versati, si può ancora andare in pensione con Quota 100: se i requisiti sono stati maturati entro il 31 dicembre 2021.

Con quasi un anno e mezzo di età in meno (a 61 anni e 7 mesi di età) è accessibile la pensione anticipata per lavori usuranti, con almeno 35 anni di contributi versati.

E si arriva a 60 anni di età, utili per Opzione Donna. La misura dedicata esclusivamente alle donne lavoratrici è stata oggetto di un pesante restyling che ha limitato al massimo la platea di beneficiarie.

Con 60 anni e 35 di contributi possono accedere a Opzione Donna le caregiver e le invalide al 74% senza figli.

Con un figlio avuto, si può andare in pensione con 59 anni di età; con due figli avuti si può uscire a 58 anni, la stessa età che basta alle lavoratrici licenziate o dipendenti di aziende in crisi.

Pensione anticipata con 64 anni di età
Pensione anticipata con 64 anni di età: in foto un tappo di spumante con il numero 64.

In pensione anticipata con 64 anni di età o senza limiti di età

Ma ci sono anche soluzioni previdenziali anticipate che non prevedono il rispetto di requisiti anagrafici: ci riferiamo alla pensione anticipata ordinaria e a Quota 41 per lavoratori precoci.

La prima consente l’uscita con 42 anni e 10 mesi di età agli uomini e a 41 anni e 10 mesi di età alle donne.

Quota 41 per lavoratori precoci è accessibile, senza limiti di età, ma soltanto a coloro che hanno versato almeno uno dei 41 anni di contributi prima di compiere 19 anni di età.

Però la misura può essere richiesta soltanto dai disoccupati, dai caregiver, dagli invalidi con una percentuale minima di invalidità del 74%, dai lavoratori gravosi e dai lavoratori usuranti o impiegati in orari notturni.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp