Pensione anticipata a 61 anni, domanda entro aprile

Pensione anticipata a 61 anni, scade il primo maggio il termine per la richiesta di accertamento dei requisiti per l'uscita anticipata lavori usuranti. Chi ha diritto a questo beneficio, come presentare la domanda, i tempi di attesa.

5' di lettura

Pensione anticipata a 61 anni, domanda entro aprile. C’è tempo fino al primo maggio per presentare la domanda e accedere alla pensione anticipata lavori usuranti e notturni. (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Lo ha comunicato l’Inps nel messaggio numero 1201 del 2022. L’istituto spiega nei dettagli cosa devono fare i lavoratori che rientrano in questa misura entro il 2023.

Questi sono i requisiti per accedere alla pensione anticipata:

  • 61 anni e 7 mesi di età:
  • 35 anni di contributi (quorum 9,76).

Pensione anticipata a 61 anni: lavori particolarmente usuranti

Vediamo chi può accedere a questa misura (decreto legislativo numero 67 del 2011):

gli addetti alle mansioni particolarmente usuranti, come:

  • lavori in galleria
  • nelle cave;
  • in cassoni ad aria compressa;
  • palombari;
  • lavori ad alte temperature (mansioni che espongono ad alte temperature, quando non sia possibile adottare misure di prevenzione, quali, a titolo esemplificativo, quelle degli addetti alle fonderie di seconda fusione, non comandata a distanza, dei refrattaristi, degli addetti a operazioni di colata manuale);
  • in spazi ristretti (in particolare delle attività di costruzione, riparazione e manutenzione navale, le mansioni svolte all’interno di spazi ristetti, quali intercapedini, pozzetti, doppi fondi, di bordo o di grandi blocchi strutture);
  • per l’asportazione di amianto.
  • Lavoratori impegnati in turni di notte per almeno 6 ore consecutive (che comprendono l’intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino, per minimo 64 giorni l’anno);
  • gli addetti alla linea catena;
  • i conducenti di veicoli che hanno una capienza complessiva non inferiori a 9 posti e sono utilizzati per il trasporto pubblico.

In pensione a 63 anni, vediamo con quali contributi

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

Pensione anticipata a 61 anni: per quanto tempo

Queste attività ritenute appunto usuranti devono essere state svolte:

  • per metà della vita lavorativa;
  • per almeno 7 degli ultimi 10 anni.

Pensione anticipata a 61 anni: domanda di accertamento

I lavoratori che rientrano in queste categorie entro il 31 dicembre del 2023, dovranno presentare all’Inps una domanda di accertamento dei requisiti per la pensione anticipata entro il primo maggio del 2022.

Non si tratta della domanda di pensione, quella si dovrà inoltrare all’Inps dopo che l’istituto avrà accertato il diritto al beneficio, a uno o due mesi dalla decorrenza della pensione. Ovviamente dopo aver ricevuto l’accoglimento della richiesta.

Quattordicesima, quando si prende e quanto spetta

Pensione anticipata a 61 anni: documentazione

Alla domanda è indispensabile allegare la documentazione che confermi di aver svolto le mansioni usuranti o notturne per il periodo di tempo richiesto nei requisiti, e quindi:

  • buste paga;
  • libretto di lavoro;
  • ordini di servizio;
  • lettere di assunzione e così via.

Pensione anticipata a 61 anni: domanda e ritardi

Le domande di accertamento dei requisiti vanno presentate alla sede Inps territoriale. È possibile utilizzare il procedimento telematico o rivolgersi a un patronato.

Se non si rispetta la scadenza del primo maggio per la presentazione della domanda di riconoscimento della pensione anticipata si riceverà, in caso di accoglimento, la pensione con uno o due mesi di ritardo.

Per il comparto scuola il differimento sarà maggiore: al primo settembre e al primo novembre dell’anno successivo.

Pensione per donne casalinghe con o senza contributi: cifre

Pensione anticipata a 61 anni: dipendenti e autonomi

Il beneficio della pensione anticipata lavori usuranti riguarda i lavoratori dipendenti. Ma la domanda per il riconoscimento di lavori particolarmente gravosi può essere presentata anche da quei lavoratori dipendenti del settore privato che raggiungono il minimo contributivo (35 anni) cumulando i contributi che sono stati versati in una delle Gestioni speciali dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti…).

In questo caso però i requisiti anagrafici e il quorum sono alzati di un anno ciascuno e la decorrenza della pensione avviene dopo 18 mesi dal perfezionamento dei requisiti.

Pensione anticipata a 61 anni: mansioni e requisiti

Questi nel dettaglio sono i requisiti (che vedremo cambiano rispetto al tipo di lavoro usurante):

  • per i lavoratori impegnati in mansioni particolarmente usuranti (addetti alla cosiddetta “linea catena”, conducenti di veicoli adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo, notturni a turni occupati per un numero di giorni lavorativi pari o superiore a 78 all’anno o per lavoratori notturni che prestano attività per periodi di durata pari all’intero anno lavorativo:
    • dipendenti: quota 97,6 (somma di età e anzianità contributiva) con età minima di 61 anni e 7 mesi e anzianità contributiva minima di 35 anni;
    • autonomi: quota 98,6 (somma di età e anzianità contributiva) con età minima di 62 anni e 7 mesi e anzianità contributiva minima di 35 anni;
  • per i lavoratori notturni a turni occupati per un numero di giorni lavorativi da 72 a 77 all’anno:
    • dipendenti: quota 98,6 (somma di età e anzianità contributiva) con età minima di 62 anni e 7 mesi e anzianità contributiva minima di 35 anni;
    • autonomi: quota 99,6 (somma di età e anzianità contributiva) con età minima di 63 anni e 7 mesi e anzianità contributiva minima di 35 anni;
  • per i lavoratori notturni a turni occupati per un numero di giorni lavorativi da 64 a 71 all’anno:
    • dipendenti: quota 99,6 (somma di età e anzianità contributiva) con età minima di 63 anni e 7 mesi e anzianità contributiva minima di 35 anni;
    • autonomi: quota 100,6 (somma di età e anzianità contributiva) con età minima di 64 anni e 7 mesi e anzianità contributiva minima di 35 anni.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie